district 9 possibile sequel
Alien Fantascienza Film Saghe

District 9 potrebbe avere presto il suo sequel, parola di Neill Blomkamp

District 9 è un film del 2009 diretto da Neill Blomkamp, una storia che usa la fantascienza come veicolo per trattare ed approfondire temi scottanti quali la xenofobia e la segregazione raziale. Per anni si è parlato di un suo sequel che, a quanto pare e a seguito delle dichiarazione dello stesso Blomkamp, sembra ora un progetto fattibile.

In una recente intervista su The Verge il regista infatti ha dichiarato:

Ho in progetto un ulteriore film ambientato nell’universo di District 9. Realizzare questo progetto insieme alla Weta (ndr Weta Digital) sarebbe davvero fantastico ma un film che appartiene a un concetto già realizzato non sarebbe compatibile con quello che abbiamo intenzione di realizzare attraverso gli Oats Studios.

Chiaramente nell’intervista non poteva mancare una domanda su Alien 5, quello che avrebbe potuto essere il sequel della saga originaria dell’extraterrestre xenomorfo nato nel 1979 grazie ad un giovane Ridley Scott, un film che secondo l’originaria idea dei Neill Blomkamp avrebbe dovuto concellare il 3° e 4° capitolo per agganciarsi direttamente ad Aliens: Scontro Finale.

A questa domanda il regista ha risposto  un po’ amareggiato dalle decisioni prese dalla produzione:

Credo proprio  che il progetto sia stato definitivamente  abbandonato. È triste, ho trascorso molto tempo su tale progetto che a mio parere  sarebbe stato veramente fantastico. Purtroppo credo che per la politica degli studios tale idea non potrà essere più ripresa. Ridley Scott è sin da quando ero bambino uno dei miei idoli, é veramente talentuoso ed ha realizzato tantissimi film da cui ho preso grande ispirazione. Non voglio fare di testa mia in un mondo da lui creato. Voglio avere il massimo rispetto e credo che se le circostanze fossero state diverse e se non avessi considerato il progetto così personale e così a Lui legato probabilmente le cose avrebbero preso una piega diversa.

 

Fonte: The Verge

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.