Vin Diesel al centro di pesanti accuse di violenza sessuale

Vin Diesel accusato per molestie sessuali

La star hollywoodiana Vin Diesel è stata citata in giudizio da una ex assistente per presunta violenza sessuale.

La notizia è stata battuta poche ore fa dal The Hollywood Reporter, e riguarderebbe dei fatti avvenuti in Georgia nel lontano 2010, in occasione delle riprese del film Fast Five.

Secondo la ricostruzione dei fatti, la querelante Asta Jonasson nel settembre del 2010 sarebbe stata assunta dalla One Race Films – di proprietà dello stesso attore – per assistere Vin Diesel, accompagnarlo agli eventi mondani, ed evitare scatti fotografici non desiderati.

Durante uno di questi eventi, Diesel avrebbe cercato di approfittare sessualmente della donna, portandola con forza nella sua suite. A quel punto l’attore avrebbe bloccato le mani della donna, cercando di strapparle i vestiti con l’obiettivo di commettere attività sessuali. Vista la resistenza della donna, l’attore avrebbe poi cercato di masturbarsi mentre la tratteneva con forza al muro.

Il ruolo di assistente di Vin Diesel è durato per Asta Jonasson solo alcune settimane prima di essere poi licenziata dalla One Race Films. Secondo la querelante, le motivazioni del licenziamento riguarderebbero proprio la sua resistenza alle avances.

Al momento ne la One Race Films e neppure i legali di Vin Diesel hanno voluto commentare l’accusa, chiaramente però questo è solo il primo atto di una lunga querelle giudiziaria. Sarà nostra premura aggiornarvi in merito.

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.