[Recensione] Notturno di Gianfranco Rosi conquista Venezia 77

Con “Notturno” il regista Gianfranco Rosi torna al Lido, presentando il suo ultimo lavoro di storie da confine, spesso dimenticate. Questa è la recensione.

Notturno é lo sguardo del regista – Leone d’Oro a Venezia nel 2013 con GRA – su persone a confine tra la vita e la morte, la vita e l’inferno, nelle Terre di confine del Medio Oriente.

L’intento di Gianfranco Rosi é netto, non é mai giudicante nelle storie e nei personaggi che racconta in Notturno. 8 storie legate da un fil rouge sottile mai stigmatizzate all’interno di confini fisici, in cui il regista mostrare il dolore e le cicatrici di ogni personaggio, senza mai forzare l’emotività dello spettatore anche se in alcune scene é portata al limite.

Dopo Fuocoammare, Gianfranco Rosi – con Notturno – va al di là del Mediterraneo e intraprende un viaggio tra Iraq, Kurdistan, Siria e Libano, rischiando anche la vita per le sue riprese. Sono volti senza nome quelli che ci presenta, identificati dalle cicatrici profonde ed emotive che si portano dietro, essendo loro sopravvissuti agli scontri ancora attivi in Medio Oriente.

Ci sono i soldati impegnati in missioni umanitarie, madri che piangono figli nell’ultimo luogo in cui sono stati vivi, bambini sopravvissuti alle stragi dell’Isis che provano a raccontare quello che hanno visto e il dolore provato attraverso i loro disegni.

Notturno rappresenta lo sguardo oltre il conflitto di guerra, é un film sulle persone dilaniate dal dolore ma che, non possono arrendersi alla sofferenza, e vivono la propria quotidianità convivendo con esso. Ci sono attori che rielaborano la guerra e la storia di quelle Terre colpite attraverso pièce in cui ognuno di loro si fa carico di un racconto che, inevitabilmente ha lasciato segni visibili (e non) su ognuno.

In Notturno parlano le immagini, gli sguardi delle persone, il “silenzio” della colonna musicale costringe lo spettatore a non distrarsi da quello che sta guardando. La storia é tutta lì, e non ha bisogno di accessori.

Siamo sicuri che Notturno di Gianfranco Rosi, dopo i 10 minuti di applausi a Venezia 77, farà parlare di se nei prossimi appuntamenti internazionali.

Classificazione: 4 su 5.

Notturno, del regista Gianfranco Rosi é dal 9 settembre al cinema distribuito da 01 Distribuition. Qui troverete il trailer ufficiale.


Lascia un Commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: