Quest'oggi vi proponiamo la nostra recensione di La Bella e la Bestia, il nuovo adattamento live action del classico Disney, diretto da Bill Condon, ed interpretato da Emma Watson, Dan Stevens, Ian McKellen, Ewan McGregor e tanti altri attori di fama hollywoodiana.

La giovane Belle è vista come strana dagli abitanti del villaggio in cui vive a causa della sua voglia di leggere, della sua intraprendenza e della sua curiosità. Corteggiata dal narcisista e spavaldo Gaston, si troverà, suo malgrado, a mettere piede in un castello dove dimora la Bestia…

All’origine c’è la fiaba di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont, poi sono venute diverse versioni cinematografiche. La più famosa tra queste è, probabilmente, quella animata targata Disney e datata 1991. Diretto da Gary Trousdale e Kirk Wise, il suddetto film fu il primo, tra quelli d’animazione, ad ottenere una nomination all’Oscar nella categoria “Miglior Film”. Vista l’enorme impronta che quella pellicola ha lasciato impressa nelle menti degli spettatori la Disney, a più di 25 anni di distanza, ha deciso così di far rivivere la magia per rivolgersi una nuova generazione di spettatori, oltre che ai nostalgici, proponendo la fiaba in una versione live action e scegliendo come interpreti principali Emma Watson per il ruolo di Belle, Luke Evans per quello di Gaston, Dan Stevens per quello della Bestia/Principe ed una folta schiera di nomi noti a prestare voce e corpo agli abitanti del castello, tra questi è doveroso citare Ian McKellen, Ewan McGregor, Stanley Tucci ed Emma Thompson.

Ciò che emerge immediatamente è che ci troviamo di fronte ad una produzione faraonica in cui ogni piccolissimo dettaglio è frutto di una scelta ben precisa. Gli aspetti “tecnici” della pellicola sono di una perfezione impressionante: gli effetti visivi, soprattutto per quanto riguarda gli oggetti antropomorfizzati, sono riuscitissimi; costumi, make up e scenografie assolutamente indimenticabili oltre che in perfetta sincronia, come tutti gli altri aspetti del film del resto, con la versione animata del ’91.

Se, inizialmente, lasciano un po’ perplessi alcuni aspetti relativi alla scrittura e al montaggio che rendono, in parte, la narrazione un po’ spezzettata ed eccessivamente rapida, con il passare dei minuti veniamo catapultati in un mondo fatato in cui il connubio tra elementi visivi e sonori contribuisce enormemente alla costruzione di uno spettacolo dal forte impatto estetico ed emotivo.

Non era facile raccogliere l’eredità di uno dei personaggi più amati dell’universo Disney, ma la Watson riesce egregiamente a cavarsela dando vita ad una Belle che convince sempre più ad ogni inquadratura. Tutto il cast risulta azzeccato, mensione doverosa per l’immenso Ian McKellen che riesce a rubare la scena a tutti, così come efficace è anche la regia di Bill Condon che dona il suo mestiere totalmente al servizio della narrazione, evitando virtuosismi che, in una pellicola come questa, sarebbero risultati fuori luogo.

A onor del vero va detto che alcune scelte risultano orientate, comunque comprensibilmente, da scopi commerciali, questo però non danneggia il risultato finale. “La bella e la bestia” è, infatti, un bellissimo film in grado di rapire occhi, mente e anima dello spettatore e siamo certi che riuscirà a far breccia nel cuore di grandi e piccini.
Preparate i fazzoletti.

VOTO: 8-