Tom Cruise torna a vestire i panni di Jack Reacher, personaggio reso famoso dai romanzi di Lee Child e portato sullo schermo già nel 2012 in “Jack Reacher – La prova decisiva”, in questo nuovo sequel ripercorre i panni dell’ex maggiore dell’Esercito statunitense narrati nel romanzo del 2013 “Punto di non ritorno”.

L’ex maggiore Jack Reacher  (Tom Cruise) pur avendo smesso la divisa militare continua a far parlare di se, sventando crimini in modalità assolutamente fuori controllo, é una miccia esplosiva che vaga per le strade, ma mantiene i contatti con il maggiore Susan Turner (Cobie Smulders) che ha preso il suo posto nella 110esima unità di polizia militare in Virginia. Il giorno in cui decide di recarsi nella sua vecchia “casa” scopre che il maggiore é stato esonerato dal suo incarico e accusato di spionaggio, senza pensarci due volte intraprende una missione per scagionarla e farla evadere dalla prigione militare.
Inizia così il viaggio dei due maggiori dell’Esercito statunitense inseguiti sia dai colleghi della loro unità sia da soldati addestrati che li vogliono morti. Il maggiore Turner ha fatto l’errore di indagare su qualcosa che non doveva, in Afganistan e questo é costato la vita a due suoi uomini, e lei sarà la prossima.

tom-cruise-jack-reacher-never-go-back
Jack Reacher – Punto di non Ritorno

Durante la loro fuga Reacher scoprirà qualcosa del suo passato con cui non aveva mai fatto i conti, una figlia non riconosciuta che a causa sua rischia di morire. Sam (Danika Yarosh) non é un adolescente come tutte le altre, ha un piglio diverso, sembra essere scaltra come l’acquisito padre tanto da far titubare l’ex militare sul suo passato.

Il regista Edward Zwich si cimenta con un personaggio già conosciuto agli appassionati del genere, e superato lo scetticismo dei fan per la non corrispondenza fisica tra Tom Cruise e Jack Reacher di Lee Child, dirige un attore che ha fatto la storia dei action movie più visti nei cinema. Sembra aver avuto tutto pronto, senza il minimo sforzo, anzi il suo stile ricalca i lavori dello scorso decennio, mettendo alla prova l’attore statunitense con i salti con cui si è mantenuto in forma durante i vari “Mission Impossible” e con alcune mosse di difesa. L’adattamento della sceneggiatura scritta da Edward Zwich e Richard Wenk ha reso le scene d’azione più soft prediligendo il plot relazionale tra Reacher e Turner, e cercando di rendere più umano l’inquadrato maggiore che ha sempre evitato i legami stabili per poi ritrovarsi con una figlia già cresciuta.

Il nostro parere: 6 

Tom Cruise ci dimostra che riesce ancora a far incazzare gli uomini in divisa ed a picchiare duro. “Jack Reacher – Punto di non ritorno” é un classico action movie che non aggiunge altro ai film di genere. Da vedere per gli appassionati del genere, ma non sorprende in particolar modo.

 

“Jack Reacher – Punto di non ritorno” di Edward Zwick con Tom Cruise e Cobie Smulders sarà visibile nelle sale italiane a partire dal 20 ottobre, distribuito da Universal Pictures Italia.