Alien Noah Hawley
Alien Serie Tv Star Trek

Noah Hawley parla del suo Alien televisivo come antitesi di Star Trek

Noah Hawley in queste giorni è tornato a parlare della sua visione dell’Alien Televisivo mai realizzato, visto come la perfetta antitesi di Star Trek.

Come riportato da Deadline, Noah Hawley, saltato alla cronache di questi giorni per l’annosa vicenda legata a Star Trek 4, lo scorso anno ha proposto all’emittente FX, di proprietà della FOX, la sua idea riguardo l’approdo della saga Alien sul piccolo schermo, idea purtroppo bocciata da Emma Watts, vicepresidente della FOX.

Grazie ad una recente intervista apparsa su Observer, il regista e produttore ha svelato la sua visione della saga Alien in un contesto televisivo, perfetta antitesi dell’universo Star Trek, queste le sue dichiarazioni:

“Quello che mi piace di Star Trek è che non è una storia di guerra… È una storia sull’esplorazione. È una storia sulla risoluzione creativa dei problemi. Il mio momento preferito in tutto Star Trek è in ‘L’Ira di Khan’, quando Kirk si mette gli occhiali da lettura per abbassare gli scudi di Khan. È un breve momento così esaltante perché sta usando il miglior strumento che ha: la sua mente. Per quanto mi piacciano i film di Chris Pine (ndr Kelvin Universo), riguardavano principalmente il correre da un’estremità all’altra della nave per spegnere un incendio, per fermare una cosa, e poi prima che potesse riprendere fiato ha dovuto fare qualcos’altro. Sono molto più film d’azione e quello a cui volevo tornare era questa idea dell’umanità che giustifica l’esistenza nell’universo mostrando le sue migliori qualità “.

Ed ancora ha aggiunto:

“Alien è a un certo livello l’esatto opposto di Stark Trek. Riguarda il peggio dell’umanità. Nel secondo film (ndr Aliens: Scontro Finale) c’è un momento in cui Sigourney dice: ‘Non so quale specie sia peggiore. Almeno non si fottono l’uno con l’altro per una percentuale’. Se guardate, solitamente i film su Alien raccontano storie di persone intrappolate in una nave, intrappolate in una prigione, ecc. , è diventata una sorta di routine. Ho pensato che sarebbe stato interessante espandere. Diciamo che se vuoi realizzare qualcosa per la televisione hai circa 10 ore. Anche se hai molta azione, come due ore, ti restano comunque otto ore. Allora di cosa parla lo spettacolo? È di questo che ho cercato di parlare con loro. Come ho fatto con Legion , l’esercizio è: togliamo la roba dei supereroi dallo spettacolo e vediamo se è ancora un grande spettacolo. Di cosa parla lo spettacolo? Portiamo l’Alieno fuori dallo spettacolo. Di cosa parla lo spettacolo? Quali sono i temi, chi sono i personaggi e qual’è il dramma umano? Quindi riportiamo gli alieni dentro e diciamo, ‘È fantastico. Non solo c’è un grande dramma umano, ma ci sono gli alieni! ‘”

Cosa ne pensate delle visioni di Noah Hawley relativamente ai due distinti universi di Alien e Star Trek?


Lascia un Commento...