Nanny, recensione del film Prime Video con Anna Diop

Nanny, la nostra recensione del film Prime Video con Anna Diop

Abbiamo visto Nanny, il film d’esordio di Nikyatu Jusu con protagonista Anna Diop, disponibile su Prime Video. Questa è la recensione.

Presentato in anteprima mondiale al Sundance Film Festival lo scorso anno, aggiudicandosi tra l’altro il Gran Premio della Giuria, l’horror della Jusu è stato realizzato attraverso le interessanti iniziative IFP Project Forum e Sundance Directors and Screenwriters Labs. Nel cast, con Anna Diop (Titans), conta anche la presenza di Michelle Monaghan e Morgan Spector.

Al centro della trama una immigrata senza documenti (Anna Diop) che cerca di rifarsi una vita negli USA accettando il lavoro di tata presso una famiglia benestante. I sacrifici di Aisha, questo il suo nome, servono a mettere da parte abbastanza soldi per riunirsi al figlio piccolo nel frattempo rimasto in Senegal con la cugina. Ciò che complica i piani di Aisha è la comparsa di una forza oscura che insidia il suo quotidiano.

IL COMMENTO

Contrassegnare come film horror un prodotto come Nanny può rappresentare per molti amanti di genere una mera esagerazione, ma come spesso accade in queste occasioni il terrore sviluppato da un racconto cinematografico non è quello che viene esplicitamente mostrato. Nel film d’esordio di Nikyatu Jusu il terrore è infatti più metafisico, rappresentato perlopiù da fattori soprannaturali il più delle volte inseriti contestualmente al quotidiano vissuto dalla protagonista.

La Jusu col suo film sfrutta diverse caratteristiche del genere horror senza, però, mai accentuarne la presenza all’interno del racconto. Il suo obiettivo, riuscito o meno, è quello di trascendere la realtà, fatta di problematiche reali come la diseguaglianza sociale, lo sfruttamento lavorativo e il distacco familiare, per concentrare l’attenzione dello spettatore verso aspetti più spirituali, o se vogliamo a limite del paranormale. La sottile linea che traccia la regista per dividere la realtà dalla finzione è pertanto il motore portante di un film d’esordio che centra l’obiettivo, spaventando lo spettatore per tutto ciò che in effetti non viene mostrato.

Ma se l’idea di base è assolutamente intelligente, ciò che rende un trionfo all’esordio per la Jusu solo in un buon inizio è il modo con cui la regista decide di costruire il suo film dal punto di vista sceneggiativo. Nanny, di fatto, soffre di un ritmo estremamente compassato, mettendo in scena sequenze in alcuni casi povere di contenuti, dove a mantenere alta la qualità c’è solo la bravura della sua protagonista, brava a celare con la sua presenza scenica momenti di puro ristagno narrativo.

CAST E ASPETTO TECNICO

Conosciuta per il ruolo di Starfire nella serie DC Titans, l’attrice Anna Diop con Nanny offre al pubblico uno scorcio del suo enorme talento. La sua interpretazione può essere considerata sotto tutti i punti vista un trionfo. Dalla mimica facciale, alla presenza scenica, passando ovviamente per il modo con cui tiene vive sequenze di stanca narrativa, la Diop si mostra al grande pubblico come una delle promesse della nuova Hollywood, starà chiaramente al suo talento continuare a fare notizia.

Le musiche sono assolutamente parte integrante del film della Jusu: molte delle sequenze chiave di Nanny, alcune delle quali costruite come eventi quasi onirici, sono accompagnate da una musicalità capace di scatenare emozioni contrastanti, portando così lo spettatore ad empatizzare in maniera quasi simbiotica con l’umore della protagonista. L’estetica in un film horror a basso budget ha spesso rappresentato una nota dolente, ma in questo caso è chiaro come il sole che il lavoro svolto su scenografie, montaggio e effetti visivi è di assoluto valore.

IN CONCLUSIONE

Nanny è un film capace di offrire una vasta gamma di emozioni tracciando una sottile linea tra finzione e realtà. Il terrore è palpabile, ma quasi mai al centro dell’attenzione, e questo è forse – al pari del lavoro straordinario di Anna Diop – il fiore all’occhiello per un esordio alla regia, quello di Nikyatu Jusu, di prospettiva. A nostro avviso, questo è un film da vedere.

Nanny è attualmente disponibile sul catalogo di Prime Video.

Nanny
nanny film recensione scaled

Regista: Nikyatu Jusu

Data di creazione: 2022-12-23 11:00

Valutazione dell'editor
3.5

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.