Peter Rabbit 2 recensione
Recensioni

La recensione di Peter Rabbit 2: un birbante in fuga

È attualmente disponibile in sala Peter Rabbit 2: Un birbante in fuga, il secondo film live-action ispirato ai racconti di successo della scrittrice Beatrix Potter. Scritto e diretto da Will Gluck, il film é prodotto da Sony Pictures e distribuito da Warner Bros. Entertainment Italia; vi presentiamo la nostra recensione.

TRAMA
L’amabile canaglia è tornata. Bea, Thomas e i conigli sono ora una famiglia ma Peter, nonostante i suoi sforzi, non riesce a togliersi di dosso la sua reputazione di birbante. La vita fuori dal giardino lo aspetta e una fuga in città lo catapulterà in un mondo ricco di sorprese e avventure dove il suo carattere dispettoso verrà messo alla prova. Dovrà scegliere che tipo di coniglio vorrà diventare da grande.

La recensione di Peter Rabbit 2: un birbante in fuga
Peter Rabbit 2: Un Birbante in Fuga

Peter Rabbit 2: la nostra recensione

Ora che Bea (Rose Byrne) e Thomas (Domhnall Gleeson), “genitori” della piccola banda, sono convolati a nozze Peter scoprirà che la sua umana mamma ha raccolto in un libro illustrato tutte le sue avventure e quelle dei suoi amici tanto che un potente editore di città (David Oyelowo) vorrebbe fare delle loro storie un best-seller da milioni di copie. Peter inizialmente ne è entusiasta ma appena scopre che nella saga lui risulterebbe l’unico come la “mela marcia” della banda ne rimane offeso e dispiaciuto. 

L’unica soluzione quindi è quella di allontanarsi dalla sua famiglia perché nonostante i suoi sforzi ad essere un bravo “bambino” non riesce a togliersi la nomea da birbante.

La vita fuori dalla campagna lo chiama a se e una volta fuggito in città si ritroverà in un mondo pieno di sorprese e avventure dove il suo essere così ribelle verrà messo alla prova così da poter trovare il proprio io interiore e ciò che lo fa sentire davvero se stesso.

È un film adatto a tutta la famiglia. Nonostante in questo nuovo episodio Peter provi a non combinare nuovi disastri, rimane sempre la canaglia che tutti conoscono. Si nota la crescita e il cambiamento del birbante protagonista, verso una responsabilità nei riguardi di se stessi e verso il prossimo, convincendo persino lo spettatore nel porsi interrogativi su quale sia la scelta più giusta da fare.

Will Gluck torna a dirigere l’esuberante coniglio, candidandosi in automatico alla creazione di una nuova saga ricca di gag che funzionano più o meno tutte, risultando in alcune sequenze una satira di se stessa rischiando di rimanere incastrata nella trappola della commercializzazione a tutti i costi.


Peter Rabbit 2: Un Birbante in Fuga
La recensione di Peter Rabbit 2: un birbante in fuga

Director: Will Gluck

Editor's Rating:
3

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.