In attesa di scoprire se il prossimo 28 febbraio porterà a casa il suo primo Oscar per la categoria Miglior Regista con Mad Max: Fury Road, George Miller in questi giorni è tornato sull’argomento Justice League, il suo cinecomic mai realizzato.

Prendendo spunto dalla nascita del DC Expanded Universe con L’Uomo d’Acciaio ed i prossimi Batman v Superman: Dawn of Justice e Suicide Squad, il regista ha voluto ribadire i motivi per cui il suo Justice League alla fine diventò un progetto morto.

Ecco le sue parole:

Dovevo dirigere la Justice League. È stato, ehm, sette anni fa credo. C’era uno script ottimo, la Warner era decisa a portare avanti il progetto e a me intrigava tanto. Ma c’era lo sciopero degli sceneggiatori all’orizzonte, dovevamo scegliere subito il cast, in accordo con la Warner. Mancava soltanto una data di inizio per la produzione e della roba burocratica da sistemare, ma non erano pronti a prendere una decisione tanto grande a quel tempo, così il progetto morì. C’eravamo quasi. Succede spesso nel mondo del cinema.

Chiaramente non sapremo mai come sarebbe potuto essere un cinecomic di questa portata diretto da George Miller, nel dubbio però vi consiglio di dare un’occhiata al nostro articolo inerente l’approdo del genere cinecomic nelle sale con film in produzione fino al 2020 (cliccate qui).

Fonte: BT