Civil War: recensione del film di Alex Garland

Civil War è il nuovo film scritto e diretto da Alex Garland, con Kirsten Dunst e Cailee Spaeny. Questa è la nostra recensione.

Quattro giornalisti raccontano la guerra civile in corso attraverso un viaggio interiore e lungo le strade che li portano a Washington. Lee (Kirsten Dunst), Joel (Wagner Moura), il veterano Sammy (Stephen McKinley Henderson) e la giovane e rampante Jessie (Cailee Spaeny) riprenderanno con i loro obiettivi le più atroci mostruosità che la guerra civile, spietata e crudele, offrirà loro.

Civil War: il commento.

Non giriamoci troppo intorno: Civil War o piace ed entusiasma, oppure lascia lo spettatore con la sensazione di aver passato due ore al cinema senza aver compreso appieno ciò che ha appena visto sullo schermo.

Civil War toglie il fiato con scene violente e sensazioni visive e sonore che fanno sobbalzare sulla poltrona, creando contemporaneamente tensione, rabbia, disgusto e commozione. L’inquietante racconto, scritto dallo stesso Garland, scava nell’animo umano, prima con piccoli accenni – facendo emergere le caratteristiche emotive dei vari personaggi – poi con l’assurdo delirio causato dalla ribellione del Texas e della California.

Il regista non si risparmia, e dà prova una volta ancora della sua maturità dietro alla macchina da presa con un film che non è banalmente il solito cliché dell’assalto alla Casa Bianca con un presidente eroe, ma un racconto cinico, concreto e spietato, così com’è spietata la denuncia che fà del modo di vita statunitense e occidentale. Quando si sfalda il tessuto sociale, cos’è l’unica cosa che conta? La sopravvivenza o l’amicizia e le nuove famiglie allargate che si formano? Ed è forse questo il messaggio finale e la riflessione che Alex Garland vuole instillare nello spettatore, il punto di partenza da cui iniziare a ripensare la società in cui viviamo.

Per il cast Alex Garland ha a disposizione un quartetto d’archi di attori di prim’ordine che dirige magistralmente. Cailee Spaeny e Kirsten Dunst si completano a vicenda ed il loro è un paso doble che suona per l’intera durata della pellicola al ritmo di colpi di scena e di bossoli di fucili semiautomatici. Una menzione speciale va fatta per Nick Offerman che, con poche e ben assestate pennellate, regala un presidente fuori dagli standard hollywoodiani a cui siamo abituati e assuefatti.

Come ciliegina sulla torta, il direttore della fotografia Rob Hardy rende l’esperienza immersiva e avvolgente con una fotografia perfetta ed un dettaglio visivo impressionante. Non c’è dubbio, Civil War è un film si distingue anche dal punto di vista tecnico.

Civil War: in conclusione.

Con questo nuovo film, il regista Alex Garland sembra aver centrato appieno il suo obiettivo, ossia dimostrare che è possibile realizzare un film che possa ben coniugare l’aspetto visivo a quello prettamente narrativo, esplorando allo stesso tempo tematiche sociali assolutamente attuali.

Civil War sarà distribuito nelle sale italiane dal 18 aprile 2024 sotto il marchio 01 Distribution.

Civil War
civil war film recensione

Regista: Alex Garland

Data di creazione: 2024-03-24 17:51


Scopri di più da Universal Movies

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.