Nella sezione Festa Mobile dell'edizione 36 del Torino Film Festival, abbiamo visto il nuovo film diretto e interpretato da Ralph Fiennes, dal titolo The White Crow.

Flashback e andirivieni nel tempo (compresa la nascita, nel 1938, in un vagone della Transiberiana zeppo di giocatori, ubriachi e contadini), per raccontare il momento in cui, nel 1961, l’astro nascente del balletto russo Rudolf Nureyev, sfuggì in maniera rocambolesca al rimpatrio e si consegnò alla polizia di Parigi. 

Ralph Fiennes non è nuovo al ruolo di regista, l'abbiamo già visto in Coriolanus del 2011 e The Invisible Woman del 2013. Abbiamo perà dovuto aspettare 5 anni e una sceneggiatura di David Hare per farlo tornare dietro la macchina da presa.

Per chi non lo sapesse, Hare è un famosissimo sceneggiatore, nomination per 2 Oscar e famoso soprattutto per il capolavoro The Hours. Quindi avendo Fiennes + Hare + la vita di Nureyev il risultato avrebbe dovuto essere ottimo, ed invece...

The White Crow si colloca in quella linea grigia, collocata esattamente al centro, in cui una pellicola non è nè bella, nè brutta. Una specie di fiction che si lascia guardare, ma senza emozionare granchè.

Ottimo il protagonista Olag Ivenko. L'attore sa recitare, ballare, parlare 3 lingue e molto altro. Fiennes attore è purtroppo solo passabile. Non convince la sceneggiatura di Hare. Non regala palpiti, se non alla scena finale all'aeroporto, ma per il resto è piatta come l'orizzonte di un mare calmo.

Ralph, ti aspettiamo alla prossima prova, Nureyev meritava ben altro trattamento.


The White Crow
Overall
2.5

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.