Dopo 10 anni dal successo del Il mio grosso grasso matrimonio greco la sceneggiatrice e attrice di origine greca Nia Vardalos ritenta il successo nei cinema con il suo sequel, raccontandoci le vicende della sua strana famiglia Portokalos.

Fu difficile per la famiglia Portokalos accettare il matrimonio tra Toula (Nia Vardalos) e l’americano Ian (John Corbett), eppure dopo 16 anni li ritroviamo ancora felicemente sposati e genitori di Paris (Elena Kampouris), un’adolescente che tenta ogni giorno di svincolarsi dalla soffocante famiglia e dalle origini elleniche che ogni giorno suo nonno le ricorda.

Infatti l’anziano Gus Portakolos (Michael Costantine) é ossessionato dalle sue origini, tanto da vivere nella convinzione di essere un diretto discendente di Alessandro Magno e di avere le prove per dimostrarlo; proprio durante questa sua ricerca genealogica scopre che sul suo certificato di matrimonio manca la firma del prete e quindi il suo matrimonio con Maria (Lainie Kazan) non é valido.

E ora come si fa? Niente paura, ci pensa la famiglia: si organizza un sfavillante matrimonio.

Il mio grosso grasso matrimonio greco2
Il Mio Grosso Grasso Matrimonio Greco 2

Una famiglia ingombrante, chiassosa, che regala abbracci stretti quasi soffocanti ma allo stesso tempo rappresenta la forza di ogni componente dei Portokalos, e se ne accorgerà presto anche Paris che la sua imbarazzante famiglia in realtà è strana ma allo stesso tempo unica.

Vi sono battute pungenti e momenti imbarazzanti, una zia Voula senza peli sulla lingua che dispensa consigli a sorella e nipote, una bis nonna di pochissime parole (ma vere e giuste) e che con una mossa mette tutti in riga lasciando tutti a bocca aperta.

L’ironia e la spontaneità dei personaggi ci ricorda che le stranezze culturali in realtà sono l’arco verso la conoscenza, la complicità e la libertà di scelta, solo dopo averli raggiunti ci si può considerare veramente felici.

Bennet: Non sei al club greco?
Paris: Per me ogni giorno é un club greco!

Il nostro parere: 6 e 1/2
Anche se ricalca in buona parte la sceneggiatura candidata agli oscar nel 2002, Kirk Jones ci fa ritrovare il sorriso attraverso ogni membro della famiglia greca che ci ha ricordato che le diversità rappresentano i punti di forza di una persona e ci rendono speciali agli occhi degli altri.

“Il mio grosso grasso matrimonio greco 2” uscirà nelle sale italiane il 24 marzo, distribuito da Universal Pictures.