In questi giorni il regista pluripremiato James Cameron ha avuto parole abbastanza amare nei confronti dell'Academy in merito alla scelta dei film da portare alla cerimonia di premiazione, definendola anti-Blockbusters.

Anche se il suo Titanic è stato premiato con ben 11 premi Oscar, il regista prossimo a riportare sul grande schermo l'universo Avatar ha ammesso che la linea scelta dagli Academy per la scelta dei film da nominare per la vittoria degli Oscar è oramai bella che conosciuta, ossia rivolta ai piccoli film più che ai grandi blockbusters, una scelta che, ovviamente, allontana da tempo la gente dalla visione della cerimonia di premiazione.

Ecco le sue parole:

"Ci sono state poche occasioni nella storia degli Oscar in cui un film molto popolare abbia avuto una buona accoglienza. La posizione tipica dell'Academy è 'E' nostro dovere sostenere i film piccoli'; così facendo non si preoccupano dei film che le persone vogliono davvero vedere, che pagano soldi per andare a vedere, il messaggio che gli mandano è 'Tu pensi che ti piaccia, ma ti dovrebbe piacere quest'altro film invece'. Finché l'Academy pensa che questo sia il suo compito, gli ascolti della cerimonia resteranno bassi. Aspettatevi un grande show e divertitevi senza aspettarvi altro."

Ovviamente Cameron ha voluto sottolineare che gli 11 Oscar vinti dal suo Titanic non possono essere che una pura eccezione che non può che confermare queste sue dichiarazione:

"Il caso di Titanic è stato eccezionale. Non dico che sia un film migliore di quelli venuti prima o dopo, o che quello fosse un anno particolarmente buono, ma è un film che ha fatto un sacco di soldi e ha avuto un sacco di nomination. Se l'Academy facesse così più spesso, l'interesse nei confronti degli Oscar aumenterebbe."

Parole dure quelle di Cameron che però ci sentiamo di condividere in pieno.

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.