Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa è il terzo episodio del fortunato franchise della Sony Pictures Animation, e questa è la nostra recensione.

TRAMA

Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa è diretto da Genndy Tartakovsky, con le voci (nella versione italiana) di Claudio Bisio, Cristiana Capotondi e Davide Perino, manca il compianto Paolo Villaggio che viene sostituito da Bruno Alessandro.

Nel terzo capitolo, Mavis decide di regalare a suo padre Dracula, e tutti gli altri mostri che abbiamo conosciuto nei precedenti due film una crociera. Durante la vacanza il famoso vampiro si innamorerà del capitano della nave Erika, senza sapere che la donna è in realtà la pronipote di una sua "vecchia conoscenza".

IL NOSTRO COMMENTO

Anche in questo capitolo a divertirsi sono sia i bambini che i grandi. I mostri - e le loro gag - sono su misura per tutte le fasce d'età, con un tocco di classe per i nostalgici: l'introduzione dei mitici gremlins. I dialoghi sono lineari e divertenti, alcune sequenze strappano più di una risata, anche se spesso si ha come l'impressione di assistere  ad uno spettacolo già visto. Il ritmo è molto più compassato rispetto ai primi due episodi, ma nonostante tutto i presupposti per uscire di sala con la voglia di sperare in un ulteriore episodio della saga ci sono tutti. L'animazione, così come lo era stato per i primi due film, è perfetta. I colori sgargianti si abbinano perfettamente con il carattere folle dei personaggi.

Hotel Transylvania 3 - Una Vacanza Mostruosa
  • Massimino de Febe
3.5

Riassunto

Nel terzo capitolo, Mavis decide di regalare a suo padre Dracula, e tutti gli altri mostri che abbiamo conosciuto nei precedenti due film una crociera. Durante la vacanza il famoso vampiro si innamorerà del capitano della nave Erika, senza sapere che la donna è in realtà la pronipote di una sua “vecchia conoscenza”.