il giorno più bello del mondo recensione
Recensioni

Il giorno più bello del mondo, la recensione del film di Alessandro Siani

Abbiamo visto Il giorno più bello del mondo film comico/fantastico diretto e interpretato da Alessandro Siani, insieme a Gianluca Ansanelli. Questa è la nostra recensione.

Nel cast possiamo annoverare anche Stefania Spampinato, Leone Riva e Sara Ciocca. Arturo Meraviglia è il gestore del teatro lasciatogli dal padre, ormai in rovina, ma un giorno riceve inaspettatamente un’eredità da uno zio lontano. Illudendosi di poter salvare la sua attività accetta, scopre che dovrà occuparsi di due bambini: Gioele e Rebecca. Arturo scopre che Gioele è un bambino con dei poteri di telecinesi e sfrutta così la situazione per pagare i debiti. Ma il potere così messo in vista attira l’attenzione di ricercatori francesi che sono intenzionati a fare esperimenti sul bambino. Sarà compito di Arturo aiutarlo e per farlo dovrà cambiare se stesso.

COMMENTO

Il giorno più bello del mondo è il quarto film diretto e interpretato da Alessandro Siani. Come per le precedenti pellicole, a dominare la scena è il ovviamente il Siani cabarettista, il quale con un misto di magia e comicità riesce ad interessare e coinvolgere di buon grado gli spettatori. Nei primi atti i ritmi sono altalenanti, momenti di tristezza e malinconia infatti si intrecciano ad altri dove la comicità puramente partenopea domina. L’ingresso dei bambini e della vera magia danno una sterzata alla storia che comincia a prendere ritmo.

Il personaggio interpretato da Siani, suo malgrado, diviene padre e deve trovare il suo modo di gestire la situazione, e lo fa con buffe e comiche reazioni, e con la magia scaturita dai poteri del bambino si crea un mix di divertimento e riflessione che sfociano in un finale veramente interessante.

Gli effetti visivi da considerare benevolmente artigianali e le sue piccate battute riescono sempre a smorzare la serietà, senza però abbatterla. L’amore alla “napoletana” non poteva mancare e il rapporto tra Arturo e Flavia ne è la rappresentazione migliore.

L’insieme di comicità partenopea, magia amore, unitamente ad un lavoro estetico alqualnto discreto, riescono a lasciare piacevolmente sorpresi. Il finale davvero particolare è la degna conclusione di una storia nel complesso ben congeniata.

Lascia un Commento...