Boys davide ferrario
Italiani Festival Recensioni

Boys di Davide Ferrario emoziona il pubblico di Taormina Film Fest

Boys, l’ultimo lungometraggio scritto e diretto da Davide Ferrario, ha inaugurato la 67ª edizione del Taormina Film Fest, regalando al suo pubblico una serata nostalgicamente emozionale.

Una band che arriva dagli anni ’70, carica di rock e quel vintage visto con animo nostalgico che vorrebbe ritrovare una nuova luce nell’oggi.

Boys é la storia di un gruppo di persone ancora capace di sognare, che supera un problema rimanendo insieme a distanza di anni, cavalcando il fuoco sacro della musica curata da Mauro Pagani. É un affresco di una generazione di sognatori di mezza età che non vuole rinunciare alla propria identità e ai propri desideri.

Il regista Davide Ferrario ha preso ispirazione dai testi scritti da Mauro Pagani ai tempi in cui ha lasciato la PFM, dei testi pieni di parole “incazzate” di chi sta attraversando due decadi musicali differenti, quella degli anni Settanta e gli anni Ottanta. 

TRAMA
Joe (Marco Paolini), Carlo (Giovanni Storti), Bobo (Giorgio Tirabassi) e Giacomo (Neri Marcorè) sono amici da sempre, ciascuno con la propria vita e i propri problemi, ma uniti da un autentico legame e dalla passione che li aveva fatti incontrare: la musica. The Boys, questo il nome della band, avevano avuto un fulmineo successo negli anni Settanta. Nella loro routine – tra vicende amorose e personali – irrompe una possibilità che li porta in un nuovo viaggio: dovranno fare i conti con i sogni e le ambizioni di un tempo e il mondo di oggi, ma ancora di più scopriranno il senso della loro amicizia.

Boys: il nostro commento

Quattro uomini uniti da una storia comune, da una musica che non è più protagonista degli anni attuali che vivono ma che è stata un riferimento nella loro vita e nel passato di alcune generazioni, si ritrovano a fare i conti con un presente dove sembra non esserci più posto per loro se no attraverso una riscoperta del vintage.

Ferrario sceglie di raccontare una storia d’amicizia e relazioni personali in quel mondo musicale che è stato iconico e d’ispirazione anche per la musica d’oggi. Il regista mostra di affidarsi in toto ai suoi attori che riescono a trasmettere sullo schermo quel senso di affiatamento e connessione del valore dell’amicizia, pur avendo tutti identità differenti che riescono a coesistere insieme in scena come una vera band rock.

In Boys scopriamo Giovanni Storti, lontano dal trio con l’abilità di un batterista professionista, Giorgio Tirabassi e Neri Marcorè abili chitarristi e cantautori, caratteristica che hanno già dimostrato su altri tipi di palchi, e Marco Paolini dialettico e cupo al punto giusto.

Boys é una commedia corale dai toni solari seppur con tematiche nostalgiche e trascinanti. E per questo, fondamentali sono anche le interpreti femminili – Isabel Russinova, Saba Anglana, Linda Messerklinger e Giorgia Wurth – che regalano sentimento ed emozionalità alla band.

Boys, regia di Davide Ferrario, con Neri Marcorè, Marco Paolini, Giovanni Storti e Giorgio Tirabassi, uscirà nei cinema italiani il 1 luglio distribuito da Adler Entertainment.

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.