Non c'è stato verso, nonostante l'esordio di un film atteso come Nelle Pieghe del Tempo, il rullo compressore Black Panther non ha lasciato la vetta del Box Office Usa, ed ora il film Marvel vola verso i 600 milioni complessivi.

Nel weekend appena passato Black Panther ha incassato l'impressionante cifra di 41,13 milioni di dollari, si tratta di uno dei più alti incassi della storia americana riferiti al quarto weekend di programmazione. Ad oggi il film di Ryan Coogler ha incassato 562 milioni di dollari, divenendo il settimo più alto incasso della storia americana. Nel computo della speciale classifica Marvel Cinematic Universe, la Pantera Nera si avvicina a passi da gigante all'incasso di Avengers (623 milioni).

A livello internazionale Black Panther ha finalmente esordito in Cina, dove ha piazzato uno score da 66,5 milioni di dollari, per un totale nel weekend di 100 milioni, che aggiunti agli incassi complessivi siamo ben oltre il miliardo di dollari. Nel prossimo articolo dedicato al Box Office Worldwide descriveremo nel dettaglio lo score internazionale del film.

Lasciando per un attimo lo sfavillante cammino di Black Panther, passiamo al secondo posto conquistato da Nelle Pieghe del Tempo. Il fantasy Disney incassa in tre giorni 33,31 milioni di dollari, con una media per sala non stellare da circa 8 mila dollari. Ovviamente non si tratta di un incasso stratosferico, ma neppure si può parlare di flop, a sua discolpa il film ha infatti "sofferto" la presenza in classifica di Black Panther, e potrà continuare il suo cammino anche nelle prossime settimane, passaparola positivo permettendo.

Esordio senza fuochi d'artificio, al terzo posto, per Strangers: Prey at Night. L'horror ha incassato solo 10,48 milioni in tre giorni, dimezzando l'esordio del primo capitolo uscito nelle sale circa 10 anni fa.