Warner Bros. e la proprietà dell’autore J.R.R. Tolkien hanno amichevolmente risolto una battaglia legale di cinque anni sullo sfruttamento digitale dei film Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli.

Il conflitto risale al 2012, quando la proprietà Tolkien e la casa editrice HarperCollins presentarono un’azione legale di 80 milioni di dollari affermando che la Warner e la sua controllata e titolare di diritti New Line, Saul Kaentz Co., avevano violato il diritto d’autore e il contratto.

I ricorrenti affermarono che lo studio non ha mai avuto diritti di licenza dei personaggi ispirati ai film di successo per il loro sfruttamento in spettacoli digitali come slot machine online, videogiochi e altri merchandising digitali.

Un deposito legale, rilasciato lunedì, afferma che le due parti hanno risolto la loro differenza “amichevolmente”. Le condizioni della risoluzione non sono state divulgate.

Fonte: The Wrap