Quest’oggi per la terza giornata del Bif&st – Bari International Film Festival abbiamo assistito alla Masterclass con protagonista l’attrice francese Andréa Ferréol.

Questo è il resoconto della masterclass a cui Universal Movies ha partecipato.

La masterclass è andata in scena subito dopo la proiezione del film La Grande Abbuffata di Marco Ferreri. Le prime parole dell’attrice sono subito rivolte al passato, ovvero a quando il film in questione venne presentato al 26° Festival di Cannes.

“Fu uno scandalo e molti francesi si infuriarono in modo molto scatenato.”

Ovviamente subito dopo non perde tempo nel ringraziare La Grande Abbuffata, perché è da lì che è iniziato tutto, prima di allora lavorava in teatro recitando in piccoli sketch comici. A tal proposito la Ferréol ha parlato del suo provino con Ferreri del quale aveva paura per i suoi grandi ed enormi occhi blu.

“Per ottenere la parte ingrassai 25 kg, ma quando l’ottenni volavo sugli Champs Elysées.”

Nel ricordare i registi con cui ha lavorato in carriera, tra questi gli italiani Rosi, Monicelli e Cavani, si lascia scappare un emozionante sorriso per Pasquale Festa Campanile.

“Lui era pazzesco, era molto divertente e aveva una gran voglia di lavorare nonostante bevesse Fernet Branca da mattina a sera.”

Su Rainer Werner Fassbinder e Ettore Scola, la regista esordisce con un “instancabili”. Ovviamente ricorda anche i registi con cui non ha avuto un buon feeling, ricordando a tal proposito Peter Greenaway, più attento ai dettagli scenici che a dirigere un attore.

L’attrice poi si sofferma su un dettaglio risalente a vent’anni fa, quando era già sulla cinquantina: All’epoca ricevette una chiamata dal suo agente inglese che le comunicò che non intendeva più lavorare per lei data la sua età, per lei fu una botta tremenda nel morale e nell’orgoglio che ancora oggi si porta dietro. Nonostante ciò, grazie alla sua interpretazione della Principessa Palatina in un film francese ha ricevuto ben cinque offerte cinematografiche nel suo paese.

Il suo ultimo intervento va verso tutti coloro che vogliono intraprendere il mestiere di attore:

“Ci vuole forza, sacrificio, bisogna imparare tutto e subito ed essere pronti a modificare il proprio corpo anche per questo lavoro. Ci vuole coraggio, perseveranza, lavoro e soprattutto volontà, volontà e volontà.”

Di Seguito alcune foto dell’evento.