4 Replies to “Barbarians: La recensione della prima stagione su Netflix

  1. Roma era un impero invasore…i barbari erano quelli invasi…quindi come la si doveva raccontare? Chi invade è sempre visto come “cattivo ” chi viene invaso è sempre visto come la vittima che deve riprendersi la propria libertà…non capisco i tuoi ragionamenti sulla trama sinceramente….

  2. In verità Varo era famoso per il modo in cui tiranneggiava in quelle terre, e anzi, Netflix sembra averlo ammorbidito un po’ come personaggio. I germanici non sono dipinti in modo molto positivo, (come scritto nella recensione) anzi, sono rappresentati come un popolo diviso, superstizioso e fin troppo aggressivo tanto che non mancano stupri, infanticidi (falliti) e donne trattate come bestiame. Sull’aspetto fisico, anche, un’altra cosa non vera. I romani nella serie sono ben curati, rasati, e appaiono anche due muscolosi bellocci tra quelli in carica, mentre i barbari sono spesso barbuti, irsuti e massicci.

    Immagino che Luca Coniglio abbia solo sentito parlare della serie. Vedendo il parere di appassionati di storia romana, anzi, pare che la serie sia apprezzata nonostante alcune libertà sul personaggio di Arminio. Rimane una delle trasposizioni su schermo più fedeli dal punto di vista storico, specie per quanto riguarda costumi e usanze.

  3. Serie storicamente latente, i “germani” non erano una gruppo di contadini oppressi dai romani ma popoli di saccheggiatori e razziatori che spesso facevano scorribande sanguinarie nella zona del Reno e in Rezia (Austria).
    I villaggi riprodotto nella serie sembrano dei “bijou” con le donne che girano vestite in sandali e vestaglie greche…ridicolo.
    La battaglia finale a base di fuoco e benzina è a tratti “imbarazzante
    Si poteva fare meglio ma molto molto meglio.

  4. l’intento propagandistico antiromano è evidentissimo. è chiaro che dopo più di 2.000 anni ai crucchi ancora brucia la superiorità dei Romani contro i rozzi barbari. La storia non cambia certo a causa di un telefilm pieno di menzogne.

Lascia un Commento...