Se n'è andato oggi all'età di 68 anni dopo una lunga malattia l'attore siciliano Luigi Maria Burruano, noto per aver recitato in film come Mery per sempre, I cento passi e Qualunquemente.

Nato a Palermo nel 1948, Burruano inizia la sua carriera nel cabaret e nel teatro dialettale. L'esordio al cinema avviene nel 1970 in L'amore coniugale diretto da Dacia Maraini.

La carriera nel cinema prosegue a gonfie vele negli anni '80 e '90 recitando in drammi di forte impatto sociale che hanno come tema principale la mafia (sovente riveste i panni del mafioso) e il degrado come Pizza Connection (1985) di Damiano Damiani, Mery per sempre (1989) e il seguito Ragazzi fuori (1990) diretti da Marco Risi.

Non mancano le incursioni nella commedia come S.P.Q.R. - Duemila e mezzo anni fa (1994) di Carlo Vanzina, La fame la sete (1999) di Antonio Albanese e Amore a prima vista di Vincenzo Salemme.

Da ricordare soprattutto i ruoli rivestiti in Baaria (2009) di Giuseppe Tornatore, Qualunquemente (2011) di Giulio Manfredonia e nel seguito Tutto tutto niente niente (2012). Il suo ultimo film è Quel bravo ragazzo in cui recita accanto a Herbert Ballerina.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.