Archivi tag: Melissa McCarthy

Melissa McCarthy in trattative per interpretare Ursula in La Sirenetta

Il prossimo live action targato Disney sarà La Sirenetta, proprio per questo in casa Disney si lavora per regalare al regista Rob Marshall attori per il cast.

Attraverso un aggiornamento proveniente da Variety è noto da questa sera che la Disney starebbe intavolando una trattativa con Melissa McCarthy. Il ruolo offerto all’attrice sarebbe quello di Ursula, la celebre strega del mare.

Nessuna notizia al momento sull’attrice che avrà l’onore di dare vita ad Ariel, protagonista del classico dell’animazione. Le ultime voci parlavano di Zendaya, ma al momento non possono che rimanere tali.


Le riprese di La Sirenetta dovrebbero partire nel 2020 da Sud Africa e Costa Rica.

In cabina di regia Rob Marshall. La sceneggiatura è stata firmata da Jane Goldman (Kick-Ass, Kingsman). Il live action comprenderà anche le musiche originali composte da Alan Menken per il film animato del 1989 insieme a Lin-Manuel Miranda (Oceania, Mary Poppins Returns).

La release di La Sirenetta è attesa per il 2021.


Trailer ufficiale di LE REGINE DEL CRIMINE, il film di Andrea Berloff con Melissa McCarthy

Vi presentiamo il trailer di Le regine del crimine, il film di Andrea Berloff con Melissa McCarthyTiffany Haddish ed Elisabeth Moss, in uscita nelle sale italiane il prossimo 26 settembre 2019.

Le regine del crimine è il crudo film drammatico targato New Line Cinema incentrato sulle figure femminili della mafia, scritto e diretto da Andrea Berloff, già candidato all’Oscar per la sceneggiatura originale di “Straight Outta Compton”.

Le protagoniste di “Le regine del crimine” (titolo originale “The Kitchen”) sono la nominata all’Oscar Melissa McCarthy (Le amiche della sposa), Tiffany Haddish (Il viaggio delle ragazze) ed Elisabeth Moss (The Handmaid’s Tale) nei ruoli di tre casalinghe del quartiere di Hell’s Kitchen del 1978, mogli di mafiosi mandati in prigione dall’FBI. Lasciate da sole a gestire gli interessi personali dei coniugi, le donne dovranno prendere in mano le azioni criminali della mafia irlandese, dimostrandosi inaspettatamente abili in tutto: dalla gestione del giro di racket, fino all’eliminazione – letterale – della concorrenza.

Recitano nel film anche Domhnall Gleeson (Star Wars – Gli ultimi Jedi), James Badge Dale (Fire Squad – Incubo di fuoco), Brian d’Arcy James (Il caso Spotlight), con Margo Martindale (The Americans), il vincitore del premio Oscar Common (Selma:la strada per la libertà, Marcia per la libertà) e Bill Camp (The Night Of :Cos’ è successo quella notte?), insieme a Jeremy Bobb (Marcia per la libertà), E.J. Bonilla (The Long Road Home), Wayne Duvall (Prisoners), Annabella Sciorra (Daredevil), e Myk Watford.

La sceneggiatura di Berloff è basata sulla serie di fumetti Vertigo creata da Ollie Masters e Ming Doyle per la DC; la produzione è del pluri-candidato all’Oscar Michael De Luca (Captain Phillips: Attacco in mare aperto, L’arte di vincere, The Social Network) e di Marcus Viscidi (Rampage: Furia animale).

“Le regine del crimine” arriverà nelle sale italiane dal 26 settembre 2019, distribuito da Warner Bros Pictures.



Razzie Awards 2019 – Assegnati i premi ai peggiori film dell’anno

Nel giorno che anticipa l’assegnazione degli Oscars 2019, la Golden Raspberry Award Foundation ha “consacrato” quelli che sono i film più brutti dell’anno con i temuti Razzie Awards 2019.

Il premio per il peggior film è andato al “superfavorito” Holmes & Watson, protagonista anche di altre tre vittorie (peggior regista, peggior attore non protagonista (John C. Reilly) e peggior prequel/remake/rip-off o sequel).

Melissa McCarthy ed il presidente degli Stati Uniti d’America – Donald Trump – hanno portato a casa un doppio premio, la prima con la peggiore attrice per Life of the Party e Pupazzi Senza Gloria e il premio “riscatto” per Copia Originale, il secondo invece con peggiore attore e peggior coppia sullo schermo sia per Death of a Nation e Fahrenheit 11/9.


Ecco Tutti i Premi


PEGGIOR FILM

Holmes & Watson

PEGGIOR REGISTA

Etan Cohen / Holmes & Watson

PEGGIOR ATTORE

Donald Trump / Death of a Nation, Fahrenheit 11/9

PEGGIORE ATTRICE

Melissa McCarthy / Life of the Party, The Happytime Murders

PEGGIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

John C. Reilly / Holmes & Watson

PEGGIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

Kellyanne Conway / Fahrenheit 11/9

PEGGIOR COPPIA SULLO SCHERMO

Donald Trump & his self-perpetuating pettiness / Death of a Nation, Fahrenheit 11/9

PEGGIOR PREQUEL, REMAKE, RIP-OFF O SEQUEL

Holmes & Watson

PEGGIOR SCENEGGIATURA

Fifty Shades Freed

IL PREMIO RAZZIE “RISCATTO”

Melissa McCarthy / Can You Ever Forgive Me?

BARRY L. BUMSTEAD AWARD

Billionaire Boys Club


[36TFF] Recensione di Copia Originale, il film con Melissa McCarthy

Can you ever forgive me? è il titolo inglese del film Copia Originale, interpretato da Melissa McCarthy, diretto da Marielle Heller e presente nella sezione Festa Mobile del Torino Film Festival 2018. La nostra recensione.

Quando gli editori si orientano su libri sempre più semplici e corrivi, la scrittrice Lee Israel (Melissa McCarthy) si trova senza lavoro. I suoi tanti volumi dedicati, tra gli altri, a Katharine Hepburn ed Estée Lauder, non la salvano dal tracollo economico. Passa allora a redditizie truffe letterarie: falsifica lettere di celebrità decedute.

Copia Originale è uno di quei film che piacciono tanto a Hollywood e gli elementi ci sono tutti: un’attrice che si imbruttisce per il ruolo, una storia vera, colpi di scena, ma con toni non troppo aggressivi, l’amico gay e la chiusura finale ristoratrice.

Chi scrive non ama particolarmente Melissa McCarthy ma, bisogna ammettere che, dopo tanti film volgari e mal interpretati, l’attrice aveva bisogno di questo ruolo per dimostrare di che pasta è fatta, ed risulta veramente molto brava, in un ruolo scomodo, spigoloso e difficile.

La sceneggiatura è onesta, scivola bene e il film si segue con molta attenzione e serenità non avendo particolari scossoni. Beninteso: il film è molto bello, ma è confezionato per un pubblico alla ricerca di toni dimessi.

Copia Originale raccoglie tutto ciò che ha seminato ed è consolatorio, perchè, alla fine, a Hollywood, si perdonano tutti. Regia televisiva e completamente fuori parte Richard E. Grant, inutilmente sopra le righe e manieristico.

Il film uscirà in Italia il 28 febbraio.


Pupazzi senza Gloria, la recensione del film con Melissa McCarthy

Pupazzi Senza Gloria è un film del 2018, diretto da Brian Henson, con un cast di attori reali e marionette. Tra i protagonisti in carne ed ossa Melissa McCarthy. Questa la recensione.

La Sinossi. Pupazzi senza gloria racconta le vicende di due detective alle prese con un serial killer che sta uccidendo tutti i componenti del cast de L’allegra combriccola, un amatissimo show di pupazzi degli anni 90. A seguire il caso Connie Edwards (Melissa McCarthy), una veterana del corpo di polizia con una terribile dipendenza dallo zucchero, e il suo ex collega pupazzo Phil Phillips (doppiato da Maccio Capatonda), caduto in disgrazia e diventato ora un investigatore privato. Ambientato in una Los Angeles in cui umani e pupazzi condividono sesso, droga e pallottole, Pupazzi senza gloria è un film scorrettissimo tutto da ridere e dal “piacere” assicurato.

Pupazzi senza Gloria si presenta come una commedia scorrevole, divertente ed ironica al punto giusto. Il mix attoriale tra marionette e attori in carne ed ossa è ben miscelato, tanto che dopo qualche minuto ci si dimentica perfino che alcuni dei protagonisti in realtà sono dei pupazzi, tra l’altro ben rifiniti e con dei colori che spiccano sullo schermo. Le ambientazioni richiamano film e serie tv caratteristiche dei primi anni ’90, una mossa saggia da parte dei produttori che dona quel tocco di nostalgia in più.

La trama, seppur già vista e facilmente prevedibile, riesce a catturare lo spettatore per quei piccoli particolari alquanto inaspettati. Le battute inserite nella sceneggiatura strappano qualche risata, anche perchè ben contestualizzate nonostante un discreto valore di volgarità.

Buona la recitazione della McCarthy, il cui pregio è quello di farsi amare ed odiare allo stesso modo nel corso della stessa pellicola. Soprende il doppiaggio di Maccio Capatonda per la versione italiana.

Anche se votato spesso alla volgarità, il più delle volte gratuita, Pupazzi senza Gloria sembra avere un discreto potenziale per diventare un piccolo cult di genere negli anni a venire.



Poster e clip per Pupazzi Senza Gloria, la commedia con Melissa McCarthy

Lucky Red ha rilasciato una clip italiana di Pupazzi Senza Gloria, la pazza commedia diretta da Brian Henson, ed interpretata da Melissa McCarthy.

L’attrice torna a recitare in una commedia irriverente, ma questa volta in coppia con un pupazzo, in un mondo dove pupazzi ed esseri umani convivono senza problemi … o quasi.

Tra i doppiatori italiani il nostro Maccio Capatonda, mentre nel cast attoriale spazio per Melissa McCarthy, Maya Rudolph, Joel McHal ed Elizabeth Banks.

La Sinossi. Pupazzi senza gloria racconta le vicende di due detective alle prese con un serial killer che sta uccidendo tutti i componenti del cast de L’allegra combriccola, un amatissimo show di pupazzi degli anni 90. A seguire il caso Connie Edwards (Melissa McCarthy), una veterana del corpo di polizia con una terribile dipendenza dallo zucchero, e il suo ex collega pupazzo Phil Phillips (doppiato da Maccio Capatonda), caduto in disgrazia e diventato ora un investigatore privato. Ambientato in una Los Angeles in cui umani e pupazzi condividono sesso, droga e pallottole, Pupazzi senza gloria è un film scorrettissimo tutto da ridere e dal “piacere” assicurato.

Pupazzi Senza Gloria sarà rilasciato in Italia dal 18 ottobre 2018.


La Clip


Il Poster


Jennifer Lawrence è l’attrice più pagata al mondo per il secondo anno consecutivo

A quanto pare non ce n’è per nessuno: la giovane Jennifer Lawrence, star di Hunger Games e vincitrice di un Oscar per l’interpretazione in Il lato positivo, è per il secondo anno consecutivo l’attrice più pagata al mondo nella celebre classifica stilata da Forbes con un compenso pari a 46 milioni di dollari, comprendente la saga young adult sopracitata e quella di X-Men.

L’attrice ha sbaragliato la concorrenza di attrici più mature, guadagnandosi (è il caso di dirlo) la vetta delle attrici più pagate per il secondo anno consecutivo. Completamente netto il distacco da Melissa McCarthy, seconda classificata con “soli” 33 milioni; terzo posto per la diva Scarlett Johansson che con i compensi per i ruoli in Captain America: Civil War e Ghost in the Shell si è portata a casa 25 milioni.

Di seguito, la lista completa delle dieci attrici più pagate:

Jennifer Lawrence: $46 million (Hunger Games, X-Men)
Melissa McCarthy: $33 million (Ghostbusters)
Scarlett Johansson: $25 million (Captain America: Civil War, Ghost In A Shell)
Jennifer Aniston: $21 million (Office Christmas Party)
Fan Bingbing: $17 million (Skiptrace, Lady of the Dynasty)
Charlize Theron: $16.5 million (The Huntsman: Winter’s War, Mad Max: Fury Road)
Amy Adams: $13.5 million (Batman v Superman, MaxMara)
Julia Roberts: $12 million (Money Monster, Mother’s Day)
Mila Kunis: 11 Million (Bad Moms, Family Guy)
Deepika Padukone: 10 Million (Bajiro Mastani)

Fonte: Forbes

[Recensione] Ghostbusters, il reboot al femminile di Paul Feig

Questa sera vi parliamo di Ghostbusters, il reboot al femminile della amatissima saga fantasy diretto da Paul Feig, ed interpretato da Kristen Wiig, Melissa McCarthy, Kate McKinnon, Leslie Jones e Chris Hemsworth.

Partiamo dal presupposto che Ghostbusters ha dovuto subire un iter produttivo tra i più travagliati dell’intera storia del cinema hollywoodiano, passando dalla possibilità sequel all’accantonamento provvisorio prima di rinascere con la formula del reboot al femminile. Questo è un modo semplice per far capire che stiamo parlando di un titolo che non è stato concepito con i migliori presupposti e che difficilmente avrebbe potuto avere tanti estimatori tra la vecchia guardia, anche perchè nessuno, neanche produttori e sceneggiatori vari, sembrava avere le idee chiare su come riportare in vita una saga tanto amata, senza rovinarla. Detto questo parliamo di cosa ha funzionato e cosa decisamente no.


Il regista Paul Feig si è fatto apprezzare in patria per aver riportato in auge la commedia al femminile fatta di personaggi forti e gag ben congeniate, titoli come Le Amiche della Sposa e Corpi da Reato hanno da subito messo d’accordo tutti, fan e critica, allora perchè non provare a mettere mano su una saga già collaudata per portarla in una nuova direzione? Beh, questo deve essere stato il primo pensiero di Feig, produttori e sceneggiatori, un pensiero che non sembra aver attecchito nella realtà.

Il nuovo Ghostbusters sin dai primi istanti sembra voler rendere continuamente omaggio ai primi due storici capitoli, il che non sembrava male come idea, se non fosse che col passare dei minuti questa scelta inizia a stancare per la troppa reiterazione, l’idea di dare alla saga una nuova direzione si scioglie per dar spazio ad un reboot “lecchino” privo di originalità, cast a parte.

Ovviamente, duole ammetterlo, il confronto con i primi due capitoli non regge e man mano che il tempo passa questo concetto prende sempre più forza, ed in effetti è proprio questo il limite insormontabile di una commedia sul paranormale che avrebbe potuto avere del potenziale senza la grana del confronto, diciamolo senza peli sulla lingua: senza i primi due capitoli della saga, questo Ghostbusters avrebbe anche potuto essere discreta divertente.

Alcuni dei personaggi portati in vita da Feig funzionano decisamente, e questo è un punto a favore (uno dei pochi purtroppo), il regista su questo aspetto lavora benissimo, la scelta di affidarsi a volti noti della sua filmografia è sicuramente vincente. Melissa McCarthy e Kristen Wiig riescono ad infiammare la scena nonostante una sceneggiatura non proprio brillante, Kate McKinnon e Leslie Jones producono una sana e spontanea comicità, mentre funziona meno il Chris Hemsworth/segretario bello e tonto, ma su questo si può tranquillamente sorvolare.

L’aspetto estetico del Ghostbusters di Paul Feig è abbastanza soddisfacente. Risulta stupefacente, ma forse troppo elaborata per quello che avrebbe dovuto essere un primo capitolo la scena in cui vengono liberati tutti i fantasmi in quel di New York, per la serie spariamoci le migliori cartucce ora finchè possiamo!!!

In definitiva Ghostbusters NON può reggere il confronto con i primi due capitoli della saga perchè in fin dei conti manca di originalità e per tenere a bada (senza riuscirci) le lamentele dei fan più accaniti è statp imbottito di omaggi e cammei vari, in alcuni casi improponibili. Preso invece singolarmente (cosa ovviamente non possibile) è però un buon prodotto per l’intrattenimento familiare, fa ridere in qualche occasione, ha ottimi personaggi e dispone di una buona dose di effetti speciali che funzionano …. !!!

Non ce ne vogliano gli amici della Sony Pictures, ma questo Ghostbusters è un’occasione sprecata!!!

Il Nostro Verdetto 6+

 

Quattro nuovi video introduttivi sulle protagoniste di Ghostbusters

Sony Pictures ha rilasciato in questi giorni quattro nuovi video dedicati alle nuove protagoniste del reboot al femminile della saga Ghostbusters.

Spazio quindi alle descrizioni video dei personaggi interpretati da Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon e Leslie Jones.


Ghostbusters è stato diretto da Paul Feig, nel cast Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon, Leslie Jones, Chris Hemsworth, Andy Garcia e Neil Casey, con la partecipazione speciale dei vecchi Ghostbusters, Bill Murray, Dan Aykroyd e Ernie Hudson.

Questa la Sinossi Ufficiale:

Abby ed Erin sono una coppia di scrittrici semi sconosciute che decidono di pubblicare un libro sui fantasmi. La loro tesi consiste nell’affermare che questi sono assolutamente reali. Tempo dopo Erin ottiene un prestigioso incarico come docente della Columbia University. Quando il libro sugli spettri, ormai dimenticato, ricompare, diventerà lo zimbello della facoltà e sarà costretta a lasciare il lavoro. La sua credibilità è persa ed Erin decide a quel punto di riunirsi ad Abby aprendo una ditta di acchiappafantasmi. Scelta che si rivela vincente: Manhattan è invasa da una nuova ondata di spettri e non ci sarà altro da fare per il team che dargli la caccia.

Ghostbusters arriverà nelle sale italiane il 28 luglio 2016

Ecco le featurette

[youtube]https://youtu.be/jxFFl6NV5ck[/youtube]

[youtube]https://youtu.be/rHeyB6cN2bw[/youtube]

[youtube]https://youtu.be/gFA6fYp0t-U[/youtube]

[youtube]https://youtu.be/t6nhYEe-YUY[/youtube]

Melissa McCarthy protagonista del trailer vietato ai minori di The Boss

In attesa di apprezzarla nel reboot al femminile di Ghostbusters, Melissa McCarthy torna protagonista quest’oggi sulle nostre pagine grazie al primo trailer vietato ai minori di The Boss, la nuova commedia diretta da Ben Falcone (Tammy).

Nel film in uscita a luglio, la McCarthy interpreta una imprenditrice molto scorretta che finisce in carcere per alcuni movimenti loschi lavorativi; il carcere però non fa altro che renderla peggiore di quello che era prima. Nel cast con la McCarthy anche Peter Dinklage, Kristen Bell, Kathy BatesCecily Strong.

The Boss arriverà nelle nostre sale a luglio.

Ecco il trailer

[youtube]https://youtu.be/1jNWgac2sQc[/youtube]

Chris Hemsworth, Melissa McCarthy e company nelle nuove immagini di Ghostbusters

Warner Bros Italia ha rilasciato nella giornata odierna una bella cinquina di immagini tratte dal prossimo reboot al femminile della nota saga Ghostbusters.

Protagonisti dei cinque scatti ufficiali le quattro acchiappafantasmi interpretate da Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon e Leslie Jones, con loro anche il fidato segretario interpretato per l’eccezione dal belloccio per antonomasia, Chris Hemsworth.


 

Ghostbusters è stato diretto da Paul Feig, nel cast Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon, Leslie Jones, Chris Hemsworth, Andy Garcia e Neil Casey, con la partecipazione speciale dei vecchi Ghostbusters, Bill Murray, Dan Aykroyd e Ernie Hudson.

Questa la Sinossi Ufficiale:

Abby ed Erin sono una coppia di scrittrici semi sconosciute che decidono di pubblicare un libro sui fantasmi. La loro tesi consiste nell’affermare che questi sono assolutamente reali. Tempo dopo Erin ottiene un prestigioso incarico come docente della Columbia University. Quando il libro sugli spettri, ormai dimenticato, ricompare, diventerà lo zimbello della facoltà e sarà costretta a lasciare il lavoro. La sua credibilità è persa ed Erin decide a quel punto di riunirsi ad Abby aprendo una ditta di acchiappafantasmi. Scelta che si rivela vincente: Manhattan è invasa da una nuova ondata di spettri e non ci sarà altro da fare per il team che dargli la caccia.

Ghostbusters arriverà nelle sale italiane il 28 luglio 2016

[SLGF id=84]