A fare da pre-apertura nella serata di martedì 28 agosto alla 75a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia sarà Il Golem – Come venne al mondo (1920) diretto da Paul Wegener.

Il film, il terzo girato da Wegener sullo stesso tema ma l’unico giunto sino a noi, verrà proiettato nella nuova versione restaurata in 4k operata dalla Friedrich-Wilhelm-Murnau-Stiftung di Wiesbaden e dalla Cinémathèque Royale de Belgique di Bruxelles.

Nel comunicato ufficiale si legge anche:

La proiezione de Il Golem sarà sonorizzata con la musica originale del maestro Admir Shkurtaj commissionata dalla Biennale di Venezia, eseguita dal vivo dal Mesimèr Ensemble così composto: Hersjana Matmuja (soprano), Giorgio Distante (tromba in sib, tromba midi), Pino Basile (cupafon – set di tamburi a frizione, percussioni, ocarina), Vanessa Sotgiù (sintetizzatore, pianoforte), Iacopo Conoci (violoncello), Admir Shkurtaj (direzione, elettronica, fisarmonica, pianoforte).

Ambientato nella Praga del 16° secolo, Il Golem racconta la favola ebraica della creatura fatta d’argilla e portata alla vita dal rituale arcano di un rabbino. Prevedendo la prossima espulsione degli ebrei dalla città, il rabbino Loew (Albert Steinrück) risveglia il mitico Golem per proteggere il suo popolo. Dopo una serie di eventi, il Golem salva la vita dell’Imperatore (Otto Gebühr), convincendolo a non cacciare più gli ebrei. Ma per colpa degli intrighi di un servo geloso (Ernst Deutsch), il Golem va fuori controllo e si rivolta contro il suo creatore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.