Il discorso di Meryl Streep pronunciato dopo aver ricevuto il Golden Globe alla carriera durante i Golden Globe Awards non poteva non avere strascichi polemici. Così, il suo discorso - non troppo velato - contro il presidente Donald Trump ha mandato su tutte le furie il tycoon il quale ha reagito definendo l'attrice tre volte premio Oscar "sopravvalutata". Hollywood, però, ha risposto ad alta voce.

Trump, dopo aver sentito il discorso dell'attrice in cui veniva accusato, tra l'altro, di aver preso in giro un giornalista disabile, ha risposto con il seguente tweet:

"Meryl Streep, una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood, non mi conosce personalmente, eppure mi ha attaccato la notte scorsa ai Golden Globes. È semplicemente una fanatica di Hillary [Clinton] che non sa perdere. Per la centesima volta, non ho mai “preso in giro” un giornalista disabile (non lo farei mai), l’ho semplicemente imitato “mentre metteva la coda fra le gambe” dopo aver cambiato parere su una notizia di 16 anni fa che aveva scritto per farmi apparire in cattiva luce. Quanta disonestà nella stampa!"

Ma la questione non poteva finire qui. In difesa dell'attrice è scesa Hollywood, e non solo. Tra i molti ad aver twittato con pensieri di solidarietà nei confronti della Streep possiamo citare la scrittrice J.K. Rowling, le attrici Anna Kendrick, Ellen DeGeneres, Julianne Moore, Sharon Stone, il cantante/attore John Legend e il regista Ron Howard. Come se già non fosse chiaro durante il dibattito politico prima delle elezioni presidenziali, il pianeta Hollywood si è nettamente schierato contro Donald Trump e le sue idee politiche conservatrici.

Che si sia o meno dalla parte di Trump, una cosa va assolutamente detta: Meryl Streep non è un'attrice sopravvalutata; i suoi tre Oscar e le sue trenta nomination ai Golden Globe, di cui nove vinti, sono lì a dimostrarlo.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.