Top Gun: Maverick Recensione
Recensioni

Top Gun: Maverick, la recensione del film con Tom Cruise


Mancano pochissimi giorni all’uscita nelle sale di Top Gun: Maverick, film con un’instancabile Tom Cruise che dopo più di trent’anni torna nei panni di Pete “Maverick” Mitchell, diretto dal regista Joseph Kosinski. Vi presentiamo la nostra recensione.

Top Gun: Maverick – trama

Il Tenente Pete “Maverick” Mitchell (Tom Cruise), tra i migliori aviatori della Marina, dopo più di trent’anni di servizio è ancora nell’unico posto in cui vorrebbe essere. Evita la promozione che non gli permetterebbe più di volare, e si spinge ancora una volta oltre i limiti, collaudando coraggiosamente nuovi aerei.

Chiamato ad addestrare una squadra speciale di allievi dell’accademia Top Gun per una missione segreta, Maverick incontrerà il Tenente Bradley Bradshaw (Miles Teller), nome di battaglia “Rooster”, figlio del suo vecchio compagno di volo Nick Bradshaw “Goose”. Alle prese con un futuro incerto e con i fantasmi del suo passato, Maverick dovrà affrontare le sue paure più profonde per portare a termine una missione difficilissima, che richiederà grande sacrificio da parte di tutti coloro che sceglieranno di parteciparvi.

top gun: maverick commento

Sono trascorsi 35 anni da quando il giovane pilota della marina Pete “Maverick” Mitchell solcava il cielo a bordo di un F-14, e tutt’oggi Top Gun rimane tra i film più iconici nella storia del cinema e con il maggior incasso nel 1986 (circa 176 milioni di dollari al botteghino), con il pregio di aver lanciato tanti giovani attori (Tom Cruise, Meg Ryan, Val Kilmer, Anthony Edwards) che negli anni successivi avrebbero partecipato a film e serie tv di successo.

Top Gun: Maverick stuzzica lo spettatore nostalgico riportando sul grande schermo l’impulsività di Maverick che, nel corso degli anni non ha scalato la carriera militare in marina preferendogli un’altra strada proseguendo a volare ad alta quota e a, velocità non propriamente consentite dai suoi superiori.

Ambientato ai giorni nostri, Top Gun: Maverick aggiorna le tecnologie messe in campo per gli aerei di caccia e, anche le creme rughe per Tom Cruise e Val Kilmer che ci regalano una reunion ai massimi dell’emotività forzata.

Tom Cruise riveste i panni di Maverick e sa, che questo ruolo comporta responsabilità, le stesse da cui il suo personaggio ha preferito sfuggire per tanti anni. Quando la sua carriera sembra essere giunta al capolinea, viene chiamato da Cyclone interpretato da un Jon Hamm che, impassibile non si fa ammaliare dal sorrisone furbastro dell’imprevedibile Maverick.

Il capitano di vascello torna alla base militare Top Gun, richiamato per ordine del suo vecchio amico Iceman interprato da Val Kilmer, e si ritrova a fare i conti con il suo passato. Incontra Penny (Jennifer Connely), barista separata a cui probabilmente ha spezzato il cuore ma, con cui il feeling sembra esser rimasto immutato nel tempo; e fa la conoscenza di un gruppo di nuovi Top Gun, a cui dovrà insegnare tutto quello che sa per un’importantissima missione ma, tra questi piloti c’è qualcuno da cui dovrà chiedere scusa per vari motivi e che gli ricorda ogni giorno quell’incidente in cui ha perso la vita il suo migliore amico, Goose.

La missione da portare a termine per i Top Gun é distruggere un deposito di uranio, custodito nel cuore delle montagne, e per farlo i migliori piloti della Marina statunitense dovranno volare a bassa quota e risalire rapidamente, prima che il nemico li intercetti. Il compito di Maverick é addestrarli e prepararli alla missione nel migliore dei modi, affinchè tutti tornino alla base sani e salvi, tutti ma soprattutto Bradley “Rooster” Bradshaw (Miles Teller), figlio di quell’amico che ha perso durante un’esercitazione sfortunata.

Uno dei pregi che troviamo durante la visione di Top Gun: Maverick é caratterizzato dai dialoghi e quelle scene che rimandano al primo film, citazioni disseminate anche attraverso inquadrature identiche, rimandi che non risultano eccessivamente forzato, anzi, in alcuni momenti l’ironia ne é padrona.

Non neghiamo che le riprese in cielo, durante i voli dei Top Gun siano state ben studiate dal regista Joseph Kosinski con il montaggio di Eddie Hamilton, una carica di adrenalina che terrà sulle spine anche lo spettatore più impassibile.


Top Gun: Maverick é un film per chi ha vissuto Top Gun da ragazzo e ha sognato di poter pilotare un aereo di caccia, o per chi, ha speso i soldi della paghetta per ricopiare il look di Maverick. Non siamo convinti che questo sequel potrà portare al cinema le giovani generazioni, ma sicuramente non deluderà chi attendeva questo sequel dal suo primo annuncio.


Top Gun: Maverick uscirà in anteprima nelle sale italiane il 21 e 22 maggio, e successivamente verrà distribuito a partire dal 25 maggio.

Top Gun: Maverick
top gun maverick recensione film

Regista: Joseph Kosinski

Data di creazione: 2022-05-12 23:37

Valutazione dell'editor
3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.