The Room – La Stanza del Desiderio: Recensione del film con Olga Kurylenko

Chili ha da poco messo a catalogo il film The Room – La Stanza del Desiderio, film diretto da Christian Volckman. Questa la recensione.

Matt e Kate sono due giovani sposi che si trasferiscono presso una nuova abitazione, iniziando così i lavori di ristrutturazione. Nascosta da mobili e carta da parati, gli sposi scovano una strana e sinistra porta metallica che può essere aperta con una particolare chiave. Celata da quella spessa schermatura esiste una stanza che ben presto si rivelerà prodigiosa. Ma quale segreto nasconde realmente quella villa? Quale sarà il prezzo che i due dovranno pagare? Gli interpreti principali sono Olga Kurylenko e Kevin Janssens.

Commento. Il film parte da un’idea interessante, ciononostante ben presto perde il suo appeal. Gli attori annaspano dietro ad una regia poco convincente. Particolarmente infelice anche il doppiaggio.

Christian Volckman è alla sua prima regia importante. La produzione gli affida un film che potrebbe dire molto di più, ma è proprio qui che si nota la mancanza d’esperienza del regista, i cui crediti fino ad oggi si limitavano a videogame e ad uno sci-fi d’animazione “abbastanza dimenticabile” dal titolo Renaissance. Pochi i colpi di scena, ed in ogni caso, telefonati e prevedibili.

Buona la fotografia, e le musiche curate da Raf Keunen. Ben realizzati anche gli effetti speciali che ben si intersecano con i paesaggi e con gli attori.

Gli attori non si distinguono per particolari abilità recitative, pertanto non danno vita a personaggi di spessore, essi sono spesso prevedibili, con una prova più di forma che di sostanza. Olga Kurylenko che ben aveva figurato sia in Johnny English che in Oblivion, è qui bloccata in uno stereotipo poco convincente e monocorda. Kevin Janssens è poco conosciuto in Italia. La sua prova è sufficiente e senza sbavature ma, anche lui, non colpisce e non convince.

A nostro avviso The Room potrebbe non valere pienamente il costo del noleggio sulle diverse piattaforme digitali in giro per il web, e questo nonostante tutte le buone intenzioni.

Classificazione: 2 su 5.

Lascia un Commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: