Torino film Festival
Festival

TFF39: annunciato il programma del Torino Film Festival


Torna il Torino Film Festival, l’edizione 2021 é la 39ma ed é la prima edizione di un festival cinematografico caratterizzata dal ritorno alla capienza massima al 100% nelle sale cinematografiche.

Il pubblico sabaudo potrà godersi 181 film, di cui 68 prime mondiali, 14 internazionali e 53 italiane. Un ritorno alla normalità che vede nel cinema e nella manifestazione di Torino un passaggio fondamentale nella ricerca di quella protettiva serenità che gli eventi culturali sanno così ben dare.

Torino Film Festival: l’immagine ufficiale

I film in concorso sono diversi, ma il tratto in comune può essere ricondotto alla resistenza: una lotta contro passato e presente e una particolare attenzione ai movimenti sociali sulle pari opportunità, e poi un focus sul cinema come strumento educativo.

All’interno del concorso internazionale saranno presentate 12 opere prime e seconde che trovano in TFF39 la possibilità di promozione di approfondimento. La selezione vuole mettere in luce non solo il valore di nuovi autori ma anche il coraggio, la visione e le capacità di produttori, distributori e professionisti del cinema che investono in opere innovative.

  • ALONERS, di Hong Seong-eun (Corea del Sud)
  • BETWEEN TWO DAWNS, DI Selman Nacar (TURCHIA/ROMANIA/FRANCIA/SPAGNA)
  • LE BRUIT DES MOTEURS / THE NOISE OF ENGINES, di Philippe Grégoire (Canada)
  • LA CHICA NUEVA / THE NEW GIRL, di Micaela Gonzalo (Argentina)
  • CLARA SOLA, di Nathalie Álvarez Mesén (Svezia/Costa Rica/Belgio/Germania)
  • THE DAY IS OVER, di Rui Qi (Cina)
  • FEATHERS, di Omar El Zohairy (Francia/Egitto/Olanda/Grecia)
  • GROSSE FREIHEIT / GREAT FREEDOM, di Sebastian Meise (Austria/Germania)
  • UNE JEUNE FILLE QUI VA BIEN / A RADIANT GIRL, di Sandrine Kiberlain (Francia)*anteprima internazionale
  • IL MUTO DI GALLURA, di Matteo Fresi (Italia)
  • EL PLANETA, di Amalia Ulman (USA)
  • LA TRAVERSÉE / THE CROSSING, di Florence Miailhe (Francia/Repubblica Ceca/Germania)

I cortometraggi di Torino Film Festival 39

Il cortometraggio si è ritagliato un ruolo sempre più importante e autonomo nel panorama internazionale: i cineasti hanno l’opportunità di sviluppare le tecniche, affinare la scrittura, allenare lo sguardo, sperimentare, in una struttura produttiva meno impegnativa di quella del lungometraggio, ma che ne comprende tutte le dinamiche. Torino 39 Corti presenta 12 opere ineditein Italia, caratterizzate da grande varietà tematica e stilistica, con il fattore comune dell’attenzione e cura per ogni aspetto della macchina cinematografica. I cortometraggi saranno presentati in abbinamento con i lungometraggi di Torino 39.

  • AIN’T NO MERCY FOR RABBITS, di Aliza Brugger (USA)
  • BABATOURA, di Guillaume Colin (Canada)
  • BACKYARD CAMPING, di Mor Hanay (Israele)
  • LA CATTIVA NOVELLA, di Fulvio Risuleo (Italia)
  • JUNKO, di Minsho Limbu (Nepal)
  • LIBERTY, di Joanna Rozniak (Polonia)
  • MAVKA, di Anastasia Ledkova (Russia)
  • NEON MEETS ARGON, di James Doherty (Irlanda)
  • NIGHT, di Ahmad Saleh (Palestina)
  • LA NOTTE BRUCIA, di Angelica Gallo (Italia)
  • RENDEZ-VOUS, di Roshanak Ajamian (Iran)
  • LA ÚLTIMA PIEZA / PUZZLE, di Ricardo Muñoz Senio (Venezuela)
TFF39: annunciato il programma del Torino Film Festival

FUORI CONCORSO TORINO 39

Un vivacissimo osservatorio della creatività del cinema contemporaneo. In esso troviamo grandi opere di produzione internazionale che permettono ad autori consolidati di dialogare con i pubblici di tutto il mondo ma anche opere importanti di registi esordienti, molte nate in ambito italiano dove rileviamo una grande vitalità da parte di realtà produttive ed enti finanziatori che nei terribili mesi del Covid hanno continuato a operare e a realizzare progetti.

  • ALINE, di Valérie Lemercier (Canada/Francia)*film di chiusura
  • ALTRI PADRI, di Mario Sesti (Italia)
  • BANGLA – LA SERIE, di Phaim Bhuiyan, Emanuele Scaringi (Italia)
  • BLOOD ON THE CROWN, di Davide Ferrario (Malta/Canada/USA)
  • CLINT EASTWOOD: A CINEMATIC LEGACY (USA/UK)
  • CODA – I SEGNI DEL CUORE, di Sian Heder (USA/Francia)
  • CRY MACHO, di Clint Eastwood (USA)
  • THE GIRL IN THE FOUNTAIN, di Antongiulio Panizzi (Italia)
  • IT SNOWS IN BENIDORM, di Isabel Coixet (Spagna/UK)
  • DER MENSCHILICHE FAKTOR / HUMAN FACTORS, di Ronny Trocker (Germania/Italia/Danimarca)
  • UN MONDE /PLAYGROUND, di Laura Wandel (Belgio)
  • LA NOTTE PIù LUNGA DELL’ANNO, di Simone Aleandri (Italia)
  • PEEPING BALLA – OMAGGIO A PIETRO BALLA
  • PIEMONTE FACTORY: UN LABORATORIO CINEMATOGRAFICO PER GIOVANI REGISTI, di AA.VV. (Italia)
  • IL PRANZO DI FRANCESCO, di Pasquale Scimeca (Italia)
  • QUATTORDICI GIORNI, di Ivan Cotroneo (Italia)
  • RE GRANCHIO, di Alessio Rigo de Righi, Matteo Zoppis (Italia/Francia/Argentina)
  • SANTA LUCIA, di Marco Chiappetta (Italia)
  • SING 2 – SEMPRE PIù FORTE, di Garth Jennings (USA)*film d’apertura
  • LA SVOLTA, di Riccardo Antonaroli (Italia)
  • TRAFFICANTE DI VIRUS, di Costanza Quatriglio (Italia)

Il programma si fa più ricco con le sezioni Fuori Concorso: L’incanto del reale che valorizza opere dalla forza dirompente, che traggono linfa creativa e artistica dalla realtà del presente, ricorrendo in modo innovativo alle risorse degli archivi audiovisivi di tutto il mondo messi a disposizione dei cineasti; Surprise con protagonista il cinema francese; Tracce di teatro / il respiro della scena che pone l’attenzione per le osmosi e le contaminazioni tra cinema e teatro, con la presenza di molte opere di arte cinematografica ispirate dalla scena teatrale e la reinterpretano in modo innovativo, scardinando le abituali distinzioni tra generi e formati.

Al Torino Film Festival saranno presentate in anteprima mondiali delle opere che renderanno omaggio a Eduardo De Filippo.

Il regista Edoardo De Angelis, dopo il successo del fim Natale in casa Cupiello, torna a frequentare i testi di De Filippo componendo una sorta di ideale trilogia in una chiave che apre porte al surreale e al cinema colorato degli anni sessanta. Sergio Castellitto interpreta quei ruoli che furono di Eduardo, accompagnato da attori scelti tra i più interessanti del genere teatro-cinema

  • NON TI PAGO, di Edoardo De Angelis
    Sergio Castellitto è Ferdinando Quagliuolo, gestore di un banco lotto, protagonista di uno dei testi più noti di Eduardo, andato in scena nel 1940 e incluso nelle Cantate dei giorni pari (messo in scena da Luca De Filippo nel 2015, anno della sua prematura scomparsa). Quagliuolo vive spingendo ogni situazione della vita quotidiana e familiare verso cortocircuiti inevitabili per una storia che parla di sogni, vincite al lotto, superstizioni ma non rinuncia al sorriso dell’illusione del colpo di fortuna.
  • SABATO, DOMENICA E LUNEDì, di Edoardo De Angelis
    Sergio Castellitto è Peppino Priore – protagonista della commedia andata in scena nel 1959 e inclusanella Cantata dei giorni dispari – padre di una famiglia borghese che, oltre ai tre figli e alla moglie, si allarga in una sorta di piccola tribù di sorelle, fratelli, nonna e vicini di casa. De Angelis tradisce alcuni ruoli del testo originario giocando con il teatro tipico di un pranzo della domenica rivelandoci un nuovo sguardo che non prescinde mai da quello di Eduardo così sapiente nel mettere a nudo le dolorose contraddizioni degli interni familiari.
  • EDOARDO E NOI: evento speciale in occasione delle anteprime del film di Edoardo De Angelis
    Un incontro organizzato da TFF, Museo Nazionale del Cinema, Università di Torino e Universo in collaborazione con Rai Fiction e Picomedia
monica bellucci

I Premi del Torino Film Festival 2021

Il Premio Stella della Mole per l’Innovazione Artistica viene attribuito ogni anno ad artisti che contribuiscono in modo originale, universale e senza tempo alla cultura cinematografica.
Il Premio Stella della Mole per l’Innovazione Artistica 2021 viene conferito a Monica Bellucci quale riconoscimento per la sua versatilità artistica, per la disponibilità a promuovere l’opera di autori emergenti permettendo così la realizzazione di progetti poliedrici con contenuti e linguaggi nuovi, per la sua capacità di padroneggiare magnificamente una potenzialità creativa che può arricchire enormemente l’arte cinematografica.

Nel corso della 39ma edizione del Torino Film Festival, l’Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) conferisce il PREMIO MARIA ADRIANA PROLO ALLA CARRIERA 2021 al regista Giuseppe Piccioni.

Il Premio sarà assegnato venerdì 3 dicembre 2021 alle ore 20.00 nella sala 3 del Cinema Massimo di Torino. A consegnarlo sarà un ospite d’eccezione, una delle attrici più note e amate del cinema italiano, Margherita Buy, presenza importante nel cinema del regista, che nel corso degli anni e di molti film ha dato vita a tanti personaggi diversi: divertenti, drammatici, e anche commoventi, come quello di suor Caterina in Fuori dal mondo (1999), il film che sarà proiettato dopo la cerimonia di premiazione.

Al seguente link é possibile consultare il programma ufficiale del Torino Film Festival 2021. Per ulteriori informazioni, vi invitiamo a consultare i canali ufficiali della rassegna.

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.