Archivi tag: The Conjuring: per Ordine del Diavolo

Box Office Italia: A Quiet Place 2 vince il weekend d’esordio

Il caldo estivo e la Nazionale Italiana di calcio hanno rallentato la corsa del Box Office Italia, ma di certo non lo hanno fermato: A Quiet Place 2 ha vinto il weekend ed ha superato i 300 mila euro all’esordio.

Con un incasso complessivo che ha superato il milione di euro (1.056.601 euro per l’esattezza), il Box Office Italia torna a far segnare importanti punti di rivalsa dal giorno in cui le sale hanno riaperto. Non si tratterà di un risultato straordinario, ma viste le circostanze già segnalate (caldo estivo e ottavi di finali della Nazionale Italiana) ciò che viene fuori può essere considerato tutto oro che cola.

A vincere vincere il botteghino nazionale, l’ultimo del mese di giugno, è stato come detto A Quiet Place 2. Il sequel del successo sci-fi diretto da John Krasinski ha esordito con 328 mila euro, qualcosina in meno rispetto al primo capitolo, ma con la prospettiva di una tenuta migliore. La seconda posizione è stata raccolta da un’altra new entry, ossia Una Donna Promettente, il film ha raccolto 91 mila euro sovrastando di poco gli 87 mila euro di Crudelia, ora a quota 2 milioni di euro complessivi.

La top five del Box Office Italia è stata completata infine da The Conjuring: per ordine del Diavolo e Spirit – Il Ribelle, rispettivamente con incassi da 81 mila euro e 80 mila euro; per l’horror in particolare l’incasso complessivo è ora salito a quota 1.8 milioni.

Fonte: Cinetel


Box Office Italia: la Nazionale frena gli incassi, vince ancora The Conjuring 3

La Nazionale di Roberto Mancini ha contribuito ad abbassare notevolmente gli incassi complessivi del Box Office Italia, ma è evidente che la mancanza di titoli di grido non poteva prospettare risultati migliori.

Nessun film in classifica è riuscito a raggiungere nel weekend la quota dei 200 mila euro. The Conjuring: per ordine del Diavolo, per esempio, ha vinto il botteghino senza sforzi, piazzando un incasso misero da 161 mila euro, ed ora viaggia a quota 1.7 milioni di euro, a questo punto sembra difficile prevedere il superamento della soglia dei 2 milioni per l’horror prodotto da James Wan.

La più alta nuova entrata del weekend è stata Spirit – Il ribelle, il cui esordio è valso 160 mila euro, ad un passo dalla vetta, ottenendo tra l’altro la seconda media per sala della top ten. In terza posizione, invece, spazio per Crudelia con 141 mila euro, ed un totale di 1.8 milioni. Gli altri due debutti del weekend non ha fatto di certo meglio: Spiral – l’eredità di Saw ha raccolto 131 mila euro in quattro giorni, mentre Monster Hunter solo 65 mila euro, rispettivamente in quarta e quinta posizione.

INCASSI ITALIA 17-20 GIUGNO 2021

  1. THE CONJURING – PER ORDINE DEL DIAVOLO – € 161.189 / € 1.696.425
  2. SPIRIT – IL RIBELLE – € 160.516 / € 160.516
  3. CRUDELIA – € 141.788 / € 1.870.305
  4. SPIRAL – L’EREDITÀ DI SAW – € 131.311 / € 151.239
  5. MONSTER HUNTER – € 65.507 / € 65.507

Fonte: Cinetel


Box Office Usa: incassi ancora in calo, vince il weekend The Hitman’s Wife’s Bodyguard

Gli incassi complessivi del Box Office Usa continuano a calare, e neppure la commedia d’azione The Hitman’s Wife’s Bodyguard riesce a risollevare la situazione.

Come da previsione, la situazione incassi nel mercato nordamericano non ha subito enormi scossoni, anzi il segno continua ad essere negativo nonostante l’approdo in sala di film capaci di catalizzare l’attenzione come The Hitman’s Wife’s Bodyguard. Dati alla mano, infatti, l’incasso complessivo registrato nel weekend è stato 45.12 milioni di dollari, mentre erano 55.56 milioni (già in calo rispetto al weekend ancora precedente) quelli intascati dal mercato appena sette giorni prima. L’impressione, a questo punto, è che il pubblico americano attenda i classici blockbusters estivi (Black Widow su tutti) per tornare in sala in massa.

Statistiche in calo a parte, il Box Office Usa ha comunque visto un film incassare più degli altri, stiamo parlando di quel The Hitman’s Wife’s Bodyguard atteso prima della pandemia nel 2020, ma poi spinto in sala solo ora. L’incasso registrato nel weekend dall’action comedy è stato 11.67 milioni di dollari, che diventano 17.02 milioni prendendo in considerazione le anteprime e le uscite del giovedì. Lo score non è comunque fallimentare, e questo perchè le previsioni degli analisti puntavano su un esordio da 20 milioni comprese le anteprime, ma anche perchè la critica aveva già bocciato il film.

Chi, invece, ha continuato a regalare gioie e sorrisi è senza dubbio A Quiet Place 2 (la recensione). Il film diretto da John Krasinski ha raccolto nel weekend altri 9.4 milioni di dollari, ed ora il totale sorprendente è salito a quota 125.25 milioni, a questo punto è lecito pensare che il traguardo dei 150 milioni sia oramai dietro l’angolo. Non male in epoca post-Pandemia.

Anche Peter Rabbit 2: Un Birbante in Fuga ha tenuto bene rispetto al weekend precedente: l’incasso ottenuto nel weekend dal fantasy movie è stato 6.1 milioni di dollari (calo inferiore al 35%), per un totale di 20.32 milioni in dieci giorni. The Conjuring: per ordine del Diavolo ha incassato altri 5.15 milioni di dollari, ed ora viaggia sopra i 50 milioni di incasso complessivo (53.6 milioni). La quinta piazza del Box Office Usa è andata, infine, a Crudelia con un incasso da 5.1 milioni di dollari, per un totale di 64.73 milioni.


Box Office Italia: Il caldo e gli Europei affossano gli incassi nel weekend

I primi caldi estivi e l’inizio dei campionati europei di calcio hanno affossati gli incassi nel secondo weekend di giugno. La vittoria del Box Office Italia di The Conjuring 3 è valso 300 mila euro circa.

Dopo alcuni weekend capaci di lasciar intravedere la luce oltre il tunnel, il Box Office Italia torna a far registrare incassi ben al di sotto delle aspettative (o per meglio dire “speranze”). L’incasso complessivo ottenuto dal mercato cinematografico nel weekend è valso 1.1 milioni di euro, ben mezzo milione in meno rispetto al precedente weekend. Come già sottolineato in precedenza, a pesare sul calo i primi caldi estivi, l’inizio dei campionati europei, ma anche la mancanza di nuove uscite capaci di attirare l’attenzione. Per la serie… verranno tempi migliori!

The Conjuring: per ordine del Diavolo ha tenuto la prima posizione del botteghino nazionale con un nuovo incasso da 319 mila euro, per un totale di 1.4 milioni in dieci giorni di programmazione. Crudelia ha raccolto il secondo posto con un incasso di 233 mila euro, che diventano 1.6 milioni dall’inizio della sua programmazione in sala. La terza piazza del podio del Box Office Italia è andata invece alla più alta new entry del weekend, ossia a Run il cui incasso è valso poco meno di 100 mila euro in quattro giorni. Infine registriamo l’esordio magro di Comedians (di Gabriele Salvatores) con 73 mila euro.

Fonte: Cinetel


Box Office Usa: Vince ancora A Quiet Place 2, deludono le novità del weekend

Dopo alcuni weekend di grande impatto, il Box Office Usa fa segnare un piccolo passo indietro, a deludere le new entries Sognando a New York e Peter Rabbit 2.

Nonostante un buon numero di novità, il botteghino statunitense non decolla nel weekend e fa segnare un leggero effetto dietrofront. Nulla di preoccupante, solo una leggera battuta d’arresto.

A vincere il Box Office Usa è stato A Quiet Place 2, il cui nuovo balzo in testa è arrivato dopo il secondo posto alle spalle di The Conjuring 3 ottenuto lo scorso weekend. Il nuovo incasso ottenuto da A Quiet Place 2 è valso un primo posto da 11.65 milioni di dollari, ed un totale di 108.99 milioni di dollari, divenendo così il primo film in assoluto a raggiungere – e superare – la quota dei 100 milioni dall’avvento della pandemia. Ad aiutare, un calo delle visite contenuto che non ha neppure superato il 40%.

La prima delusione del weekend è arrivata dal tanto pubblicizzato Sognando a New York – In The Heights, il musical diretto da Jon M. Chu capace solo di incassare 11.4 milioni di dollari. Il risultato ottenuto è da considerare ampiamente sotto le aspettative degli analisti, i quali davano il film ben sopra i 20 milioni al debutto. In terza posizione si è posizionata la seconda delusione del weekend, stiamo ovviamente parlando di Peter Rabbit 2: Un Birbante in Fuga il cui incasso si è fermato a quota 10.4 milioni di dollari, con una media per sala di poco superiore ai 3 mila dollari. Anche in questo caso si tratta di un risultato al di sotto delle aspettative.

The Conjuring: per ordine del Diavolo ha conquistato il quarto posto – dopo aver vinto il weekend scorso – e lo ha fatto incassando altri 10.02 milioni di dollari, ed ora viaggia a quota 43.8 milioni. Il fantasy Crudelia ha chiuso in quinta posizione con un nuovo incasso da 6.74 milioni di dollari, ed un totale di 56 milioni.

Il cinema è ripartito: che impatto ha avuto la riapertura delle sale?

La riapertura dei cinema e dei teatri è stata una boccata d’ossigeno non indifferente. Anche se i numeri registrati finora non si possono definire ottimi, sono comunque un segno evidente di una volontà di ripartenza e di voglia del pubblico di tornare a vedere i film sul grande schermo.

Zoomando sul box office italiano, fa piacere notare come i titoli “di punta” di questa stagione sembrano aver chiamato a sé il pubblico. Film come Crudelia (visibile in contemporanea al cinema e su Disney+ con Accesso Vip), The Conjuring: Per ordine del Diavolo e prossimamente A Quiet Place 2 e Fast & Furious 9 hanno le potenzialità, oltre che il dovere, di far tornare in massa il pubblico nelle sale pur non potendo, in ottemperanza ai protocolli anti-Covid, incassare quello che avrebbero potuto in condizioni normali.

Lo streaming, in definitiva, è stato un palliativo che ha aiutato certamente le produzioni di alcuni film che sarebbero arrivati direttamente al cinema come abbiamo già detto precedentemente. Possiamo affermare, allora, che i colossi dello streaming come Netflix e Prime Video abbiano in qualche modo tratto vantaggio da questa drammatica situazione? Affermare il contrario sarebbe inutile e quantomai ipocrita; e alzi la mano chi non avrebbe voluto vedere un capolavoro come Soul sul grande schermo e non su Disney+.

Dunque, l’impatto che la riapertura ha avuto, e sta avendo, sul pubblico può considerarsi positivo – in barba agli iettatori e ai detrattori che profetizzavano una certa paura e reticenza degli spettatori a tornare nelle sale – con la proposta (intelligente) di proporre anche film non esattamente nuovi come Old Boy di Park Chan-wook. Perché il pubblico ha bisogno anche di questo: vedere storie che già conosce sul grande schermo, sia che si tratti della prima volta o anche della decima.

Forse è ancora troppo presto per dichiarare vinta la battaglia (il Covid è ben lungi dall’essere debellato), ma continuando a essere accorti e rispettando le norme il cinema può ripartire nella speranza, in un futuro non troppo lontano, di vedere nuovamente le sale piene. E il cinema potrà tornare a essere una piacevole abitudine.

Box Office Italia: l’horror The Conjuring 3 guida la classifica nel weekend

Così come accaduto negli Usa, l’horror The Conjuring 3 ha vinto il Box Office Italia nel suo weekend d’apertura. Per il nuovo capitolo della saga nota come ConjuringVerse si tratta dell miglior risultato dalle riaperture post-pandemia.

Ebbene si, il genere horror riporta il pubblico italiano nelle sale quasi in massa. L’esordio di The Conjuring: per ordine del Diavolo (qui la recensione) è valso il primo posto del botteghino con incasso di 614 mila euro (il migliore in assoluto dalla riapertura delle sale in Italia). Complessivamente, tenendo conto del fatto che il film ha esordito di mercoledì, lo score nel primo weekend di programmazione del film di Michael Chaves sale a quota 785 mila euro.

Il nuovo live-action Crudelia (qui la recensione) si è tenuto il secondo posto con un incasso di 410 mila euro (calo del 10%) ed un totale 1.2 milioni di euro. In terza piazza spazio ancora una volta per The Father – Nulla è come sembra con 195 mila euro ed un totale di 628 mila euro.

INCASSI ITALIA 3-6 GIUGNO 2021

  1. THE CONJURING – PER ORDINE DEL DIAVOLO – € 614.042 / € 785.435
  2. CRUDELIA – € 410.812 / € 1.210.198
  3. THE FATHER – NULLA È COME SEMBRA – € 195.335 / € 628.544
  4. IL CATTIVO POETA – € 75.224 / € 546.124
  5. 100% LUPO – € 65.088 / € 284.592

Fonte: Cinetel


Box Office Usa: The Conjuring 3 spaventa A Quiet Place 2 e vince il weekend

Il mercato cinematografico nordamericano sta tornando velocemente ai suoi precedenti fasti. Nel primo weekend di giugno il Box Office Usa ha visto trionfare The Conjuring 3 con quasi 25 milioni, e A Quiet Place 2 protagonista di una discreta tenuta.

Nonostante un debutto in contemporanea su HBO Max (totalmente gratuito per gli abbonati), The Conjuring: per ordine del Diavolo (qui la nostra recensione) ha impressionato gli analisti, ed ha incassato la bellezza di 24.01 milioni di dollari con una media per sala di quasi 8 mila dollari (3102 sale a disposizione). Per il nuovo capitolo della saga nota come ConjuringVerse si tratta di un ottimo score visto i “tempi che corrono”, a tal proposito infatti va ricordato che Annabelle 3 (uscito nel periodo precedente all’emergenza pandemica) al suo esordio aveva incassato 20 milioni di dollari. Nel resto del mondo The Conjuring: per ordine del Diavolo ha incassato altri 26.8 milioni di dollari, ed ora vanta un totale nel Box Office Worldwide da 57.2 milioni.

A Quiet Place 2 nel weekend ha perso il comando del botteghino nazionale, ma piazzando un altro incasso importante da 19.5 milioni di dollari (-59%). Complessivamente il thriller sci-fi ha già raccolto 88.61 milioni e si avvia a divenire il primo film in assoluto a raggiungere la quota dei 100 milioni di dollari complessivi nel Box Office Usa nell’era pandemica. Con gli incassi dei mercati internazionali lo score è salito a quota 138.61 milioni di dollari.

In terza posizione è sceso invece Crudelia: il live-action Disney (la nostra recensione) ha raccolto altri 11.24 milioni di dollari per un totale di 43.68 milioni di dollari. Anche in questo caso va sottolineato che si tratta di una “distribuzione ibrida“, con la Disney che ha deciso di distribuire il film al Cinema ma anche su Disney+ con Accesso VIP (nessun dettaglio sugli incassi ottenuti dal servizio digitale al momento è stato riferito).

Nel weekend americano ha esordito anche il film d’animazione Spirit – Il ribelle (sequel di Spirit – Cavallo Selvaggio del 2002) con un incasso stimato di 6.2 milioni di dollari.


Box Office Italia: The Conjuring 3 in testa nel giorno della Festa della Repubblica

L’horror The Conjuring: per ordine del Diavolo è partito subito in testa nel Box Office Italia, e lo ha fatto durante il giorno della Festa della Repubblica.

Continuano a crescere, seppur di poco, gli incassi complessivi del botteghino nazionale. Ieri, nel giorno della Festa della Repubblica infatti, gli incassi giornalieri sono stati 524 mila euro, con circa 74 mila biglietti staccati. Si tratta di un importante passo in avanti in questo periodo difficile toccato solo lo scorso agosto, quando con Tenet in programmazione il Box Office Italia giornaliero segnava quota 526 mila euro.

Come già anticipato, a vincere la sfida della Festa della Repubblica è stato The Conjuring: per ordine del Diavolo (qui la nostra recensione). L’incasso maturato dal nuovo capitolo del ConjuringVerse all’esordio è stato 169 mila euro (su circa 250 schermi), ottenendo tra l’altro la miglior media per sala in assoluto. In seconda posizione Crudelia ha raccolto altri 133 mila euro, per un totale di 800 mila euro. La terza piazza del podio è invece andata a The Father – Nulla è come sembra con 71 mila euro, e 429 mila euro in totale.

BOX OFFICE ITALIA 2 GIUGNO

  1. THE CONJURING – PER ORDINE DEL DIAVOLO – € 169.247 / € 169.714
  2. CRUDELIA – € 133.503 / € 798.859
  3. THE FATHER – NULLA È COME SEMBRA – € 71.420 / € 429.793
  4. IL CATTIVO POETA – € 31.640 / € 469.517
  5. UN ALTRO GIRO – € 24.096 / € 364.203

Lo spaventoso poster IMAX di The Conjuring: per ordine del Diavolo

Nel giorno che anticipa l’uscita nelle sale italiane di The Conjuring: per ordine del Diavolo, l’account IMAX Corporation ha diffuso in rete il poster destinato al circuito americano IMAX.

Così come tutti gli altri contenuti presenti nella campagna promozionale del film, anche il poster IMAX suggerisce il grado di terrore che porta con sè la pellicola diretta da Michael Chaves, da molti già considerata tra i capitoli più spaventosi dell’intero ConjuringVerse. A tal proposito, vi proponiamo la nostra recensione di The Conjuring: per ordine del Diavolo a questo indirizzo.

THE CONJURING: PER ORDINE DEL DIAVOLO

PRODUZIONE: Il film è stato scritto da David Leslie Johnson. In cabina di regia spazio per Michael Chaves. La produzione è affidata a James Wan e Peter Safran. CAST: Patrick Wilson, Vera Farmiga, Ruairi O’Connor, Sarah Catherine Hook e Julian Hilliard. DISTRIBUZIONE: Nelle sale Usa dal 4 giugno 2021. Nelle sale italiane dal 3 giugno.

TRAMA: The Conjuring: per ordine del Diavolo è un horror tratto da una storia realmente accaduta, che a suo tempo scioccò persino Ed e Lorraine Warren. Uno dei casi paranormali affrontati dalla coppia, iniziò con una lotta per l’anima di un giovane ragazzo, e li portò ben oltre dove erano mai stati. Un caso che fece storia, soprattutto in tribunale, quando un uomo accusato di omicidio, tentò di impugnare la sua possessione demoniaca come difesa.


Recensione dell’horror The Conjuring: Per ordine del Diavolo

The Conjuring: Per ordine del Diavolo, diretto da Michael Chaves, é il terzo atteso capitolo della terrificante saga horror nota come ConjuringVerse, un’agghiacciante storia di terrore, omicidio e male oscuro, che ha sconvolto persino gli investigatori del paranormale Ed e Lorraine Warren. Questa è la recensione.

The Conjuring: Per ordine del Diavolo – la storia

I Warren sono chiamati a liberare dalla possessione demoniaca un innocente bambino ma, l’esorcismo si dimostra più difficile di quanto i due demonologi si sarebbero aspettati. Durante il rituale, Lorraine inizia ad avere particolari visioni, Ed ha un arresto cardiaco che mette in serio pericolo la sua vita, mentre il demone sposta la sua possessione dal bambino ad un altro corpo, quello del giovane Arne.

Il demonio sembra non aver nessuna intenzione di abbandonare la possessione del corpo di Arne, ha una missione da compiere e, per farlo, ha bisogno che il ragazzo compia un omicidio e si uccida. Sarà compito di Ed e Lorraine dimostrare l’innocenza di Arne, facendo accettare alla giuria in tribunale che il giovane accusato d’omicidio era posseduto dal demonio.

The Conjuring: Per ordine del DiavoloLa nostra recensione

Basato sulla storia vera del processo ad Arne Johnson, The Conjuring: Per ordine del Diavolo si dimostra sin dalle prime scene un film sensazionale tanto da risultare terrificante ed avvincente la scena iniziale dell’esorcismo del piccolo David. Lo spettatore segue passo per passo la cronistoria del caso di Arne, e segue i Warren nelle loro indagini che li porteranno a scoprire dell’esistenza di una maledizione e di una donna che ha promesso un’anima al demonio.

The Conjuring: Per ordine del Diavolo ci mostra una storia più spinosa in cui la suspence viene ben calibrata lungo tutto il film per lasciar spazio all’azione. Il regista Michael Chaves sembra mettere alla prova i Warren, in particolare Lorraine magistralmente interpretata da Vera Farmiga, conferendo a lei maggior forza nella coppia mentre Ed interpretato da Patrick Wilson mostra le sue debolezze, così come avviene anche nella coppia dei giovani Arne (Ruairi O’Connor) e Debbie (Sarah Catherine Hook).

C’è anche un sottile umorismo, che è stempera il ritmo carico di tensione e che verso la fine rischia di cadere nel melò con la narrazione enfatica della storia d’amore di Ed e Lorraine volendo dimostrarci che la forza del loro amore sia più forte del male.

In questo nuovo episodio della saga lo spettatore si ritrova, per la prima volta, ad esplorare una narrazione non unicamente focalizzata sulla presenza o meno di un demone ma nella ricerca di prove tangibili da poter esser portate e dimostrate in un luogo di giustizia. E così la presenza di una satanista che, non inciampa per caso ma evoca per sua volontà nelle forze oscure, bramando di scatenare morte e caos, dà modo di far utilizzo di effetti speciali non effimeri che, rappresentano il taglio netto tra ciò che potrebbe essere reale e ciò che, palesemente, non lo sarà mai.

Particolare attenzione viene data alle sonorità scelte da Joseph Bishara che evidenziano lo spirito verso pericoli ineccepibili e scenari tetri, interrotti dalla musica ad alto volume di singoli pop che rappresentano i gesti scellerati e folli, incontrollabili da un animo umano non posseduto.

Per rivitalizzare un genere senza cadere nello splatter, Michael Chaves strizza l’occhio all’horror classico, facendo utilizzo di flashback e di montaggi alternati, e citazioni chiare a film del passato come L’esorcista e Nightmare 4 e anche alle opere precedenti della saga The Conjuring.

The Conjuring: Per ordine del Diavolo arriva nei cinema italiani dal 2 giugno, distribuito da Warner Bros Pictures.


Il trailer finale italiano di The Conjuring: per Ordine del Diavolo

A pochi giorni dall’esordio in sala, The Conjuring: per ordine del Diavolo si mostra al popolo della rete attraverso il lancio del terrificante trailer finale italiano.

Il terzo capitolo della saga The Conjuring, nonchè ennesimo del più grande universo condiviso noto come ConjuringVerse, nella giornata odierna è stato proiettato in anteprima nazionale con rilascio ufficiale previsto per domani, 2 giugno 2021. Nelle prossime ore sarà disponibile anche la nostra recensione, vi invitiamo pertanto a rimanere connessi sulle nostre pagine. Il trailer finale è disponibile in fondo alla pagina.

THE CONJURING: PER ORDINE DEL DIAVOLO

PRODUZIONE: Il film è stato scritto da David Leslie Johnson. In cabina di regia spazio per Michael Chaves. La produzione è affidata a James Wan e Peter Safran. CAST: Patrick Wilson, Vera Farmiga, Ruairi O’Connor, Sarah Catherine Hook e Julian Hilliard. DISTRIBUZIONE: Nelle sale Usa dal 4 giugno 2021. Nelle sale italiane dal 3 giugno.

TRAMA: The Conjuring: per ordine del Diavolo è un horror tratto da una storia realmente accaduta, che a suo tempo scioccò persino Ed e Lorraine Warren. Uno dei casi paranormali affrontati dalla coppia, iniziò con una lotta per l’anima di un giovane ragazzo, e li portò ben oltre dove erano mai stati. Un caso che fece storia, soprattutto in tribunale, quando un uomo accusato di omicidio, tentò di impugnare la sua possessione demoniaca come difesa.