Archivi tag: Robert Kirkman

Il fumetto Hardcore di Robert Kirkman sarà adattato da Adam Wingard

Il regista Adam Wingard è stato scelto dalla Universal Pictures per dirigere l’adattamento cinematografico di Hardcore, fumetto firmato da Robert Kirkman (The Walking Dead).

Fresco del successo globale ottenuto con Godzilla vs Kong, il lanciatissimo Adam Wingard ha aggiunto un nuovo progetto alla sua fitta agenda, l’altro in ordine di tempo è il prossimo capitolo del MonsterVerse per la Legendary Pictures. Secondo un aggiornamento proveniente da SuperHeroHype, infatti, il regista è stato ingaggiato dalla Universal Pictures per co-scrivere (con Will Simmons) e dirigere l’adattamento cinematografico del fumetto fantascientifico di Robert Kirkman dal titolo Hardcore.

Il fumetto Hardcore è stato firmato da Robert Kirkman, e disegnato dall’artista Marc Silvestri per Skybound Entertainment e Image Comics. La storia alla base del fumetto è ambientata in un futuro in cui un programma noto com Hardcore permette ad assassini e soldati di trasformare qualunque essere umano in una sorta di drone umano, svolgendo pertanto missioni senza sporcarsi le mani.

La Universal Pictures non ha fissato alcuna data di rilascio, pertanto al momento non è dato sapere se il prossimo film di Adam Wingard sarà questo o il prossimo capitolo del MonsterVerse.


Invincible, recensione della serie animata tratta dai fumetti di Robert Kirkman

Si è conclusa ieri, con l’episodio “Da dove vengo davvero”, la prima stagione dell’avvincente Invincible, serie animata per un pubblico adulto distribuita da Prime Video. Questa è la recensione.

Mark è figlio di Nolan Grayson, ovvero il supereroe Omni-Man, un alieno proveniente dal remoto pianeta Viltrum. Il giovane, nonostante sia spronato dal padre a credere in sé stesso, sembra non possedere quella scintilla Viltrumita che gli consentirebbe di acquisire i superpoteri. Al raggiungimento, però, del diciassettesimo compleanno qualcosa in lui inizia a cambiare, e lentamente si rende conto di avere in sé una forza ed una resistenza al di fuori delle umane capacità. Assunta l’identità di Invincible ed allenato dal padre, il ragazzo impara a volare e a combattere, giurando di proteggere i deboli dai soprusi e l’umanità dagli invasori alieni. Qualcosa di oscuro, però è già presente nella vita del ragazzo.

Amazon Studios si sta decisamente specializzando nel portare su Prime Video prodotti con protagonisti eroi sui generis, i quali illuminano, a loro modo, il complicato universo SuperHeroes: dopo The Boys, Doom Patrol ed il dissacrante Future Man, appunto ecco arrivare sul piccolo schermo Invincible.

La serie è l’adattamento dell’omonimo fumetto creato da Robert Kirkman e disegnato da Cory Walker. Dalla serie a fumetti riprende la sua veste grafica, ma ne rimodula le vicende in una timeline alternativa, senza per questo perdere il fascino dei comic book. Violenta, e senza mezze misure, la serie riesce a sorprendere lo spettatore con colpi di scena inaspettati ed epiloghi violenti ed esagerati. Nonostante un disegno non proprio accattivante, per restare il più possibile vicino al fumento, Invincible gode comunque di un’ottima animazione, fluida e senza sbavature.

Gli otto episodi di Invincible, rilasciati a cadenza settimanale a partire dal 26 marzo, sono un incessante susseguirsi di avvenimenti destabilizzanti, e la scelta di far apparire il titolo della serie, dopo un terzo dell’episodio – ogni volta più insanguinata – è un elemento distintivo di impatto. La storia è intrigante ed il personaggio di Mark (doppiato in originale da Steven Yeun, in Italia da Andrea Mete) entra subito nel cuore degli spettatori con quel suo essere a metà tra un impacciato Peter Parker e un Clark Kent sui generis.

Tanti gli attori famosi che prestano le loro voci ai personaggi di Invincible. Si va da Mark Hamill, il Luke Skywalker di Star Wars, al premio Oscar Mahershala Ali, passando per tanti volti famosi, alcuni legati all’universo Star Trek, come Zachary Quinto, Michael Dorn e Sonequa Martin-Green. Nolan, il Viltrumita padre di Mark, è doppiato in originale da J. K. Simmons. Nella versione italiana, l’inquietante voce di Omni-Man è quella di Ambrogio Colombo che ne esalta le caratteristiche del personaggio.

Nella giornata di ieri Invincible è stato riconfermato per ulteriori due stagioni, pertanto quella suspense che si viene a creare nel finale di stagione fa si che lo spettatore aspetti con ansia l’evolversi degli eventi. La serie è attualmente disponibile su Prime Video.


La serie animata Invincible rinnovata da Amazon per altre due stagioni

Amazon Studios ha scelto di rinnovare la serie animata Invincible per altre due stagioni, l’annuncio è arrivato questa sera attraverso un aggiornamento social di Robert Kirkman.

Il creatore del fumetto da cui è tratta la serie animata “Robert Kirkman” questa sera ha approfittato dell’enorme seguito che ha sui propri canali social per annunciare il rinnovo din Invincible per altre due stagioni. Nel brevissimo video appare anche Steven Yeun, doppiatore del protagonista. Trovate il tweet in fondo alla pagina.

INVINCIBLE

PRODUZIONE: La serie è stata prodotta da Skybound, con Simon Racioppa (Teen Titans) nelle vesti di showrunner. I produttori esecutivi della serie sono Racioppa, Kirkman e David Alpert, ed ancora Catherine Winder, e Justin & Chris Copeland. La prima stagione conterà 8 episodi della durata di circa un’ora. CAST VOCALE: Mahershala Ali (Titan), Clancy Brown (Damien Darkblood), Nicole Byer (Vanessa & Fiona), Jeffrey Donovan (Machine Head), Jonathan Groff (Rick Sheridan), Jon Hamm (Steve), Djimon Hounsou (Martian Emperor), Ezra Miller (D.A. Sinclair), Steven Yeun (The Walking Dead), Sandra Oh (Grey’s Anatomy), J.K. Simmons (Whiplash), Seth Rogen (The Lion King), Gillian Jacobs (Love), Andrew Rannells (Black Monday), Zazie Beetz (Atlanta), Mark Hamill (Star Wars: The Last Jedi), Walton Goggins (Tomb Raider), Jason Mantzoukas (John Wick 3: Parabellum), Mae Whitman (Good Girls), Zachary Quinto (NOS4A2), Khary Payton (The Walking Dead), Chris Diamantopoulos (Silicon Valley), ed ancora Michael Cudlitz, Lauren Cohan, Ross Marquand, Lennie James, Sonequa Martin-Green e Chad Coleman. DISTRIBUZIONE: La prima stagione dal 26 marzo 2021 su Amazon Prime Video.

TRAMA: Invincible racconterà la storia del diciassettenne Mark Grayson (Steven Yeun), un ragazzo come tanti alla sua età, se non fosse per il fatto che suo padre è Omni-man (J.K. Simmons), il più potente supereroe del pianeta. Ma man a mano che Mark inizia a sviluppare i suoi super poteri, scopre che l’eredità di suo padre potrebbe non essere così eroica come sembra.


Il trailer di Invincible, la serie animata di Prime Video

Amazon Studios ha diffuso oggi il primo trailer di Invincible, la serie animata tratta dall’omonima graphic novel di Robert Kirkman.

Il lancio della serie su Amazon Prime Video è stato fissato per il giorno 26 marzo 2021, successivamente sarà rilasciato un episodio a settimana, con il finale di stagione previsto per il 30 aprile. Gli episodi alla fine saranno 8.

La serie è stata prodotta da Skybound, con Simon Racioppa (Teen Titans) nelle vesti di showrunner. I produttori esecutivi della serie sono Racioppa, Kirkman e David Alpert, ed ancora Catherine Winder, e Justin Chris Copeland. La prima stagione conterà 8 episodi della durata di circa un’ora.

Invincible racconterà la storia del diciassettenne Mark Grayson (Steven Yeun), un ragazzo come tanti alla sua età, se non fosse per il fatto che suo padre è Omni-man (J.K. Simmons), il più potente supereroe del pianeta. Ma man a mano che Mark inizia a sviluppare i suoi super poteri, scopre che l’eredità di suo padre potrebbe non essere così eroica come sembra.

Nel cast di doppiatori di Invincible ci saranno Mahershala Ali (Titan), Clancy Brown (Damien Darkblood), Nicole Byer (Vanessa & Fiona), Jeffrey Donovan (Machine Head), Jonathan Groff (Rick Sheridan), Jon Hamm (Steve), Djimon Hounsou (Martian Emperor), Ezra Miller (D.A. Sinclair), Steven Yeun (The Walking Dead), Sandra Oh (Grey’s Anatomy), J.K. Simmons (Whiplash), Seth Rogen (The Lion King), Gillian Jacobs (Love), Andrew Rannells (Black Monday), Zazie Beetz (Atlanta), Mark Hamill (Star Wars: The Last Jedi), Walton Goggins (Tomb Raider), Jason Mantzoukas (John Wick 3: Parabellum), Mae Whitman (Good Girls), Zachary Quinto (NOS4A2), Khary Payton (The Walking Dead), Chris Diamantopoulos (Silicon Valley), ed ancora Michael Cudlitz, Lauren Cohan, Ross Marquand, Lennie James, Sonequa Martin-Green e Chad Coleman.

IL TRAILER DI INVINCIBLE


Zachary Quinto tra le voci di Invincible, la serie animata di Amazon

Amazon Studios prosegue lo sviluppo di Invincible, la serie animata tratta dalla graphic novel di Robert Kirkman, Cory Walker e Ryan Ottley.

Questa notte Variety ha confermato che il colosso digitale ha messo sotto contratto Zachary Quinto e Khary Payton, i due attori faranno parte del team di doppiatori. La fonte ha aggiunto che Quinto (Star Trek: L’inizio) presterà la sua voce a Robot (uno degli alleati del protagonista), mentre Payton (The Walking Dead) la presterà a Black Samson (membro dell’alleanza di supereroi chiamata “Guardians of the Globe).

Gli altri doppiatori sono Steven Yeun, che darà voce al protagonista Mark Grayson, J.K. Simmons doppierà suo padre, l’alieno Omin-Man. Inoltre Sandra Oh (Killing Eve), Gillian Jacobs (Community), Seth Rogen (Kung Fu Panda), Walton Goggins (Ant-Man and the Wasp), Zazie Beetz (Joker) e Mark Hamill (Batman: The Animated Series).

La serie è prodotta da Skybound, con Simon Racioppa (Teen Titans) nelle vesti di showrunner. I produttori esecutivi della serie sono Racioppa, Kirkman e David Alpert, ed ancora Catherine Winder, e Justin & Chris Copeland. La prima stagione conterà 8 episodi della durata di circa un’ora. Invincible è programmato per debuttare in tutto il mondo su Amazon Prime Video in più di 200 paesi.

Co-creata da Kirkman e Walker, la graphic novel Invincible è una serie animata supereroistica che ruota attorno a Mark Grayson, un normale adolescente eccetto per il fatto che suo padre è il più potente supereroe della terra. Appena superati i diciassette anni, Mark inizia a sviluppare dei propri poteri ed entra sotto la tutela del padre. La serie è descritta come ricca di suspense, d’azione ed emozione, ma si basa su momenti commoventi pieni di amore, amicizia e umanità.


Universal porta al cinema Oblivion Song, il fumetto di Robert Kirkman

Dopo The Walking Dead, Outcast ed il futuro Invincible, l’artista Robert Kirkman vedrà presto un altro suo fumetto approdare ad Hollywood. Il titolo del fumetto pronto ad approdare al cinema è Oblivion Song.

Il film vedrà la collaborazione tra Universal Pictures e Skybound, con lo stesso Robert Kirkman in cabina di produzione. La sceneggiatura è stata affidata nelle mani di Sean O’Keefe. Tra i produttori, spazio anche per David Alpert, Bryan Furst e Sean Furst, ma anche il vice presidente esecutivo della Universal, Jon Mone, e il direttore dello sviluppo Lexi Barta.

La trama di Oblivion Song ruota intorno ad uno strano cataclisma che fa sparire in un’altra dimensione una intera area metropolitana di Philadelphia. Tale evento prende il nome di la Trasposizione. La nuova dimensione è ambientata in un pianeta alieno abitato da terrificanti creture. A 10 anni dalla Trasposizione, un uomo riesce a trovare il modo di passare da una dimensione all’altra, riuscendo così a riportare indietro i sopravvissuti.


Annunciata la data della premiere della seconda stagione di Outcast

L’emittente televisiva Cinemax ha annunciato quella che sarà la data per la premiere relativamente alla seconda stagione di Outcast, la serie tv tratta dall’omonima graphic novel firmata da Robert Kirkman.

La serie prenderà il via per la seconda stagione dal 20 luglio 2018, ad annunciarlo Kary Antholis – presidente di HBO Miniseries e della programmazione di Cinemax.

La serie creata e prodotta da Kirkman ha come protagonista Patrick Fugit nel ruolo di un giovane che è stato alle prese con una possessione demoniaca per tutta la sua vita. Con l’aiuto del Reverendo Anderson (Philip Glenister), il ragazzo cerca di proteggere le persone a cui tiene di più, ma i pericoli provenienti da un altro mondo potrebbero rappresentare un ostacolo insormontabile.

Nel cast della seconda stagione Patrick Fugit, Philip Glenister, Wrenn Schmidt, Megan Holter, Reg E. Cathey, Kate Lyn Sheil, Allison Barnes, Julia Crockett, David Denman e Brent Spiner.

Outcast 2 andrà in onda su Cinemax dal 20 luglio 2018.

[Lucca Comics and Games] Robert Kirkman tra gli ospiti dell’edizione 2017

Il noto fumettista Robert Kirkman è stato scelto dalla direzione del Lucca Comics & Games come ospite illustre dell’edizione 2017, oramai prossima a partire.

La presenza di Robert Kirkman è stata annunciata solo alcune ore fa, il noto fumettista sarà infatti a completa disposizione dei fan italiani per firmare autografi e rispondere alle domande più disparate. La sua presenza al Lucca Comics sarà, ovviamente, legata alla promozione dell’ottava stagione di The Walking Dead, serie tv tratta da un suo fumetto.

Dai fumetti di successo di Kirkman sono state create pietre miliari dell’universo televisivo, oltre The Walking Dead, infatti, vanno ricordate le serie Fear the Walking Dead e Outcast, mentre in ambito cinematografico vanno menzionate le produzioni tratte da Invincible e Kill the Minotaur, al momento solo in fase di pre-produzione.

Lucca Comics & Games andrà in scena dal 2 al 5 novembre 2017.

[The Walking Dead] Andrew Lincoln spiega la scena con Rick invecchiato

Tra le sequenze presenti nel primo trailer dell’ottava stagione di The Walking Dead, quella con Rick invecchiato è di certo la scena che ha destato più curiosità.

A parlare della scena in questione è stato colui che presta il volto a Rick Grames. Parlando con Entertainment Weekly, l’attore Andrew Lincoln ha cercato di spiegare la scena, ovviamente senza dare troppi indizi.

“D’istinto ho pensato che era una grande trovata narrativa. Ho pensato che fosse interessante giocare un po’ fuori dalle regole. vedere un Rick grigio. Dal momento che lo vedete così, deve trovarsi nel futuro. La situazione sarà più chiara dopo la premiere del 22 ottobre. Però potrebbe non essere così. forse le cose sono meno chiare di quanto sembri. Questo è tutto ciò che posso dire al riguardo.”

Nella graphic novel firmata da Robert Kirkman, più precisamente nel capitolo All Out War, è presente un passaggio in cui il narratore fa un “leggero” salto temporale, descrivendo lo stato fisico e mentale del protagonista Rick Grames. La scelta dei produttori potrebbe essere tranquillamente quella di seguire il materiale originale, ma anche quella di distaccarsi leggermente piazzando nella trama comunque un riferimento, magari trasformando il salto temporale in una visione o un sogno. Scopriremo la verità tra poco più di un mese…

The Walking Dead 8 sarà sviluppata da Scott M. Gimple. I produttori sono Robert Kirkman, Gale Anne Hurd, Dave Alpert e Greg Nicotero

The Walking Dead 8 conta su di un cast formato da Andrew Lincoln, Danai Gurira, Norman Reedus, Melissa McBride, Lauren Cohan, Chandler Riggs, Khary Payton, Christian Serratos, Josh Mcdermitt, Tom Payne, Austin Amelio, Steven Ogg, Katelyn Nacon, Pollyanna McIntosh e Jeffrey Dean Morgan.

The Walking Dead 8 stagione andrà in onda il 22 ottobre 2017 su AMC.

Ecco il video.

 

Il fumetto Invincible di Robert Kirkman arriva al cinema con Seth Rogen e Evan Goldberg

Il fumettista Robert Kirkman vedrà finalmente un suo fumetto approdare al cinema, il The Hollywood Reporter ha infatti confermato che Invincible sarà scritto e diretto da Evan Goldberg e Seth Rogen, la coppia alle spalle del successo post-apocalittico Facciamola Finita, ma anche la serie tv Preacher.

Dopo aver visto trionfare in tv The Walking Dead ed ottenere buone recensioni l’altro suo fumetto dal titolo Outcast, il fumettista Robert Kirkman finalmente approderà con Invincible sul grande schermo. La trama del fumetto ruota intorno ad un liceale che improvvisamente acquisisce alcuni superpoteri, il ragazzo è il figlio del supereroe più potente del pianeta, ma nonostante ciò si ritroverà a scoprire segreti agghiaccianti sulle origini del suo nuovo immenso potere.

Non ci sono ancora date di inizio produzione, ma va da se che Evan Goldberg e Seth Rogen ora si metteranno da subito a lavoro sulla sceneggiatura, in maniera da dare un’identità precisa all’adattamento.

Max Landis in trattative per dirigere il remake di Un lupo mannaro americano a Londra

Hollywood non smette mai di stupirci, e questo detto in senso tutt’altro che positivo. Ci sta che nel cinema postmoderno, perché di questo si tratta, si prendano ad esempio alcuni film del passato e si rielaborino col gusto e lo stile tipici degli anni Duemila, ma pescare a piene mani dalla storia cinema e selezionare un qualsiasi film per trarne un remake sembra una mossa da “bandiera bianca”. Così, dopo molti film, anche il cult Un lupo mannaro americano a Londra (1981) di John Landis subirà la stessa sorte.

La Universal, infatti, sta progettando di realizzare il remake del celebre horror e sta trattando con Max Landis, figlio del sopracitato John, per fargli scrivere e dirigere il film che sarà prodotto da Skybound Entertainment di David Alpert e Robert Kirkman (quest’ultimo noto per aver prodotto la serie The Walking Dead), mentre papà Landis sarà produttore esecutivo.

La notizia del remake circolava in rete già da tempo e aveva come fulcro proprio la figura di Max Landis che però, all’inizio, aveva smentito il tutto su Twitter e anche ora ha pubblicato una serie di tweet che chiariscono la faccenda. Ora che la notizia sembra essere stata confermata, per Landis Jr. si prospetta un progetto di dimensioni straordinarie, non tanto per il film in sé, quanto per lo status di vero e proprio cult a cui è stato assorto sin dal 1981, per merito anche dell’ottimo trucco di Rick Baker vincitore dell’Oscar. Questa sarà la dimostrazione per vedere se il detto “Tale padre, tale figlio” ha un fondamento di verità.

 

 

John Carpenter contro Robert Kirkman – The Walking Dead è copiato dal cinema di George A. Romero

Scoppia in questi giorni una super polemica legata alla mitica serie televisiva The Walking Dead, una serie che, secondo il maestro dell’horror John Carpenter, è figlia illegittima del cinema di George A. Romero, il cultore per eccellenza del sottogenere zombie movie.

The Walking Dead è chiaramente figlia del cinema di Romero, questo è un punto chiave più volte ammesso dal creatore della epopea fumettistica, Robert Kirkman, ma secondo John Carpenter il plagio è davvero più che evidente.

Nel particolare secondo Carpeter, Kirkman ed i produttori della AMC stanno sfruttando a più riprese il cinema di Romero e tutt’oggi continuano a farlo senza ritegno, ecco le sue parole:

“The Walking Dead era un film che George Romero ha fatto nel 1968. Lo hanno sfruttato e continuano a farlo anche oggi”

Conoscendo il caratteraccio del buon Carpenter c’era da aspettarsi un intervento a gamba tesa nei confronti di Kirkman e soci, sembra abbastanza chiaro però che certi attacchi non possono che rimanere fini a se stessi, anche perchè tutto il sottogenere zombie movie da anni non trova sbocchi verso l’originalità (a parte qualche famoso cambiamento di stile)…. perchè quindi puntare il dito contro un prodotto che davvero funziona?

Cosa ne penserà davvero di questa presa di posizione di Carpenter il buon George A. Romero? E voi cosa ne pensate?