Archivi tag: Paul W.S. Anderson

Recensione Monster Hunter, il film con Milla Jovovich

Abbiamo visto Monster Hunter, l’adattamento cinematografico dell’omonimo videogame della Capcom interpretato da Milla Jovovich, qui affiancata dall’attore thailandese, esperto in arti marziali, Tony Jaa. Questa la recensione.

Monster Hunter, in distribuzione nelle sale italiane a partire dal 17 giugno 2021, è stato scritto e diretto da Paul W.S. Anderson, nel cast trovano spazio Milla Jovovich, Tony Jaa, Ron Perlman, TI Harris, Diego Boneta, Meagan Good, Josh Helman.

Il Tenente Artemis (Milla Jovovich) e la sua squadra di militari armati fino ai denti, a causa di una misteriosa tempesta, vengono proiettati in un mondo popolato di mostruose creature. Dopo aver visto morire uno a uno i suoi soldati, vittime delle gigantesche creature, Artemis incontra un esperto cacciatore di mostri (Tony Jaa) con il quale si allea per cercare di sopravvivere in questa infernale dimensione.


Monster Hunter è una trasposizione assolutamente fedele della saga ludica da cui è tratto, tutti i dettagli nel film sono stati attentamente studiati. La sceneggiatura risulta banale, così come in molte delle pellicole tratte da videogiochi, ma ciononostante scorre, intrattiene ma soprattutto diverte, e questo grazie anche alle grandi capacità atletiche di Tony Jaa e alla prestazione di una Milla Jovovich già avvezza in pellicole di genere.

Dal momento che il Tenente Artemis piomba nella misteriosa dimensione tutto sembra fatto a misura dei fan: Paul W.S. Anderson riproduce sul set in maniera maniacale l’aspetto del gioco, particolare cura, difatti, viene data a costumi, armi e acconciature. L’unica licenza artistica, a tal proposito, è rappresenta dall’acconciatura “a dir poco particolare” creata per il personaggio interpretato da Ron Perlman.

Gli effetti speciali e il CGI risultano efficaci, la ricostruzione delle creature che popolano la dimensione “mostruosa” è minuziosa, in particolare l’iconico mostro alato Rathalos rasenta la perfezione. Tutte le ambientazioni appaiono adeguate e la colonna sonora entra puntualmente, con il risultato di sottolineare e amplificare la drammaticità e la violenza di molte delle scene.

A nostro avviso, Monster Hunter è un film consigliato agli amanti della saga videoludica da cui esso è tratto, molto di meno ad altri target di pubblico: lo spirito con il quale Paul W.S. Anderson ha realizzato questo piccolo gioiello è in fin dei conti non destinato a tutti.


Monster Hunter: Nuovi mostri nello spettacolare backstage

Dopo aver visto il breve teaser trailer alcuni giorni fa, il moviegame Monster Hunter è tornato prepotentemente d’attualità con un backstage davvero spettacolare.

Nel breve video il regista Paul W.S. Anderson è in compagnia di Ryozo Tsujimoto e Kaname Fujioka, rispettivamente produttore e regista del gioco originale, ed è impegnato a dimostrar loro la bontà delle creature ricreate digitalmente per il suo film. Nel particolare è possibile distinguere le creature note come Diablos e Rathalos.

Il backstage ha però un secondo fine, ovvero quello di rasserenare i fan del videogame dal chiaro stampo fantasy, preoccupati per le ambientazioni fin troppo sci-fi palesate nel primo teaser trailer.

Monster Hunter

  • PRODUZIONE: La pellicola sarà tratta dall’omonimo videogame firmato dalla Capcom. Il budget del film dovrebbe aggirarsi intorno ai 60 milioni di dollari, con Jeremy Bolt e Robert Kulzer pronti a produrre. Monster Hunter è stato scritto e diretto da Paul W.S. Anderson.
  • CAST: Milla Jovovich, Ron Perlman, TI Harris, Tony Jaa, Diego Boneta, Meagan Good, Josh Helman.
  • TRAMA: Per ogni mostro c’è un eroe. Un uomo comune alle prese con un lavoro considerato un vicolo cieco scopre che è in realtà il discendente di un antico eroe. Dovrà quindi viaggiare con destinazione un mondo mistico per essere addestrato e diventare un Cacciatore di Mostri, prima che delle creature mitiche provenienti da un altro mondo distruggano il nostro
  • AL CINEMA: La distribuzione sarà affidata a Screen Gems (per gli Usa) e Sony Pictures (per i mercati internazionali). In Usa il rilascio è atteso per 23 aprile 2021.

IL BACKSTAGE


L’horror Mimic diventa una serie tv firmata da Paul W.S. Anderson

Il regista/produttore Paul W.S. Anderson svilupperà una serie tv tratta da Mimic, celebre horror/sci-fi diretto da Guillermo Del Toro negli anni novanta.

La nuova serie, o meglio il pilot che dovrebbe ispirare la serie, sarà prodotta da Miramax TV, con Paul W.S. Anderson (Resident Evil) in veste di regista dell’episodio pilota, ma anche responsabile creativo. Nel ruolo di sceneggiatore e showrunner spazio, invece, per Jim Danger Gray (Orange is the New Black).

Ad oggi non esiste alcuna emittente collegata alla trasmissione della serie.

Mimic è stato diretto da Guillermo Del Toro nel 1997, con lo stesso regista occupato in cabina sceneggiativa con Matthew Robbins e John Sayles. Negli anni duemila il film ha ottenuto anche due sequel. Nel film un gruppo di ricercatori, con l’intento di trovare una cura ad una malattia, creano un virus che trasforma gli insetti in mostri assetati di carne capaci di mimare le fattezze umane.


Milla Jovovich annuncia la fine delle riprese di Monster Hunter

Le riprese dell’adattamento cinematografico del videogame Monster Hunter sono ufficialmente terminate, ad annunciarlo la protagonista Milla Jovovich.

Abbandonato il franchise Resident Evil, la poliedrica Milla Jovovich nel prossimo futuro sarà protagonista di due potenziali franchise, uno dei quali – Monster Hunter – ha appena vissuto la fine delle riprese (l’altro è Hellboy).

Postando – via Instagram – un lungo saluto alla troupe di produzione, l’attrice ha confermato quest’oggi la fine delle riprese. Ora sarà compito di Paul W.S. Anderson dare il via alla lunga fase di post-produzione.


La pellicola sarà tratta dall’omonimo videogame firmato dalla Capcom. Il budget del film dovrebbe aggirarsi intorno ai 60 milioni di dollari, con Jeremy Bolt e Robert Kulzer pronti a produrre.

Monster Hunter sarà scritto e diretto da Paul W.S. Anderson. Nel cast spazio per Milla Jovovich, Ron Perlman, TI Harris, Tony Jaa, Diego Boneta, Meagan Good, Josh Helman.

Qui la prima versione della sinossi: Per ogni mostro c’è un eroe. Un uomo comune alle prese con un lavoro considerato un vicolo cieco scopre che è in realtà il discendente di un antico eroe. Dovrà quindi viaggiare con destinazione un mondo mistico per essere addestrato e diventare un Cacciatore di Mostri, prima che delle creature mitiche provenienti da un altro mondo distruggano il nostro

La distribuzione sarà affidata a Screen Gems (per gli Usa) e Sony Pictures (per i mercati internazionali).




Milla Jovovich con Paul W.S. Anderson per l’adattamento di Monster Hunter

Il regista Paul W.S. Anderson e la moglie Milla Jovovich torneranno a collaborare insieme nuovamente dopo l’ottima esperienza vissuta nella saga horror Resident Evil, e tra l’altro ancora con un film che passa dai videogames al cinema.

Variety ha confermato stamane che Milla Jovovich sarà tra i protagonisti di Monster Hunter, come detto diretto dal marito Paul W.S. Anderson. Il film come noto sarà tratto dall’omonima saga videoludica creata oltre dieci anni fa da Capcom, la stessa di Resident Evil per intendersi.

Qualche tempo fa, il regista Anderson, aveva commentato il suo approccio al franchise in questo modo:

“Per ogni mostro c’è un eroe. Un uomo ordinario con un lavoro ordinario scopre di essere il discendente di un antico eroe. Dovrà viaggiare in un mondo mistico per allenarsi e diventare un cacciatore di mostri, prima che le creature mitiche di quel mondo distruggano il nostro. Non ci sono personaggi centrali, quindi l’approccio sarà più o meno come con Resident Evil, quando abbiamo imposto i nostri personaggi e la nostra storia a quel mondo. Credo sia perfetta come formula. Il mondo di Monster Hunter includerà questi enormi deserti che faranno sembrare il Deserto del Gobi un secchiello di sabbia, e ci saranno navi in grado di navigare sulla sabbia. E si combatteranno queste enormi creature, alcune grandi come l’isolato di una città. Vivono sotto terra e, quando saltano fuori, è come se tutto diventasse la parte migliore di Dune. E ci saranno anche draghi volanti, ragni giganti, e le più meravigliose creature! L’ultimo atto sarà nuovamente ambientato nel nostro mondo, quando realizziamo che le creature mitologiche sono essenzialmente tornate per vendicarsi. Quindi ci sarà un secondo film nel quale pianificare una riscossa!”

Al momento il regista ha portato la propria idea al Festival di Cannes, il suo obiettivo sarà quello di portare dalla sua parte investitori stranieri per co-finanziare il film e distribuirlo in terra straniera. Secondo gli ultimi aggiornamenti, pare che il film avrà un budget di circa 60 milioni di dollari, con Constantin Films unica società produttrice.

Molta più azione nel nuovo reboot della saga Resident Evil

Durante il recente Festival di Cannes, il CEO di Constantin Film ha annunciato di aver iniziato il processo di riavvio della saga Resident Evil, da allora le notizie in merito sembrano approdare in rete col contagocce.

A dare un piccolo aggiornamento sul progetto di riavvio di Resident Evil è stato in queste ore il produttore, tra l’altro anche ex-programmatore per Capcom durante la creazione del primo capitolo dell’ominima saga videoludica, Hiroyuki Kobayashi, durante un’intervista riportata sul web da Heroic Hollywood.

Contrariamente a quanto in molti poteva pensare con l’ingresso in cabina di produzione di un maestro dell’horror come James Wan, il nuovo Resident Evil secondo Kobayashi dovrà avere nel proprio dna molta più azione (quindi no più horror?) di quanto vista nei primi sei capitoli realizzati da Paul W.S. Anderson. Il produttore ha ammesso di aver amato questo aspetto della saga precedente e che l’obiettivo sarà proseguire su questa strada.

Sulla presenza di Paul W.S. Anderson in un qualche ruolo nel nuovo reboot, il produttore non si è sbilanciato, rivelando che il progetto sarà tutto nuovo, con un nuovo regista ed un nuovo cast.

La saga cinematografica Resident Evil è stata avviata da Paul W.S. Anderson nel 2002, ovviamente la trama è stata adattata dall’omonima saga videoludica di proprietà della Capcom, i capitoli arrivati in sala sono stati sei e, complessivamente, hanno incassato oltre 1,2 miliardi di dollari. La protagonista dell’intera sagà è stata interpretata da Milla Jovovich.

Resident Evil Reboot sarà sceneggiato da Greg Russo e prodotto da James Wan.

[Recensione] Resident Evil: The Final Chapter, l’ultima battaglia di Milla Jovovich

Questa mattina vi proponiamo la nostra recensione di Resident Evil: The Final Chapter, l’ultimo capitolo della saga tratta dai videogame Capcom, scritto e diretto ancora una volta da Paul W.S. Anderson ed interpretato da Milla Jovovich, Ali Larter e Iain Glen.

Sono passati oramai 15 anni dall’approdo in sala del primo capitolo di una lunga saga amata da pochi e criticata da molti, non tanto per la bassa qualità delle singole pellicole giunte in sala, ma per il modo in cui il regista Paul W.S. Anderson ha scelto nel tempo di stravolgere quelli che sono stati per anni i punti forti di uno dei franchise videoludici di maggior successo nella storia: “mistero, terrore e caratterizzazione dei protagonisti”.

L’ultima fatica del regista, tra l’altro marito della protagonista Milla Jovovich e padre della piccolissima attrice che interpreta la Regina Rossa, nei primi minuti sceglie di ricucire “parzialmente” lo strappo con i fan storici della saga videoludica ripercorrendo, in maniera forse più in linea con il materiale originale, quelli che sono stati gli eventi scatenanti dell’infezione causata dalla Umbrella Corporation, si tratta di un lebile spiraglio di luce perchè da lì a poco si torna sui toni a cui eravamo, purtroppo, abituati: azione a spron battuto e performance della protagonista al limite della fantascienza, il tutto condito da un 3D quasi disturbante e mai incisivo come in altri capitoli precedenti.

Resident Evil: The Final Chapter è figlio di un modo di fare cinema troppo legato all’amore per l’estetica, dove mostrare spettacolo è più importante del raccontare storie, tanta roba per le casse della Sony Pictures (e forse nemmeno tanto visti i primi dati d’incasso), un vero peccato per chi invece sperava che questo capitolo potesse in effetti rappresentare una sorta di ancora di salvataggio per regista e protagonista, colpevoli di aver straziato lo spettacolo della narrazione targato Capcom.

E’ davvero un peccato dover criticare aspramente l’ultima fatica di Anderson e company, anche perchè in alcune sequenze è possibile apprezzare ciò che in molti hanno sperato di vedere nel corso degli anni riguardo questa saga (basti pensare al ritorno di Alice ed il suo gruppo nell’Alveare), ma dare un parere al singolo film è letteralmente impossibile, ci si ritrova infatti dinanzi ad una saga lunga quasi 15 anni che, a nostro modesto parere, ha fallito miseramente, mostrando solo col primo capitolo alcuni tratti distintivi del lavoro realizzato da Capcom.

Da premiare la scelta di riportare nel capitolo finale alcuni personaggi amati dai fan, parliamo ovviamente di Claire Redfield (Ali Larter), peccato per il suo utilizzo misero ai fini della storia, ed il mastino Wesker (Shawn Roberts), ci chiediamo però che fine hanno fatto i vari Leon, Chris Redfield e Ada Wong, tre nomi che rappresentano la vera spina dorsale della saga videoludica. Premiamo inoltre, questo è letteralmente fuori discussione, il talento ed il carisma di Milla Jovovich, qui non nel genere in cui dà il meglio di se, ma di certo uno dei cardini di una saga con troppi chiaro scuri.

Da fan della saga videoludica Resident Evil bocciamo il lavoro di Paul W.S. Anderson svolto durante l’intero franchise, da appassionati di cinema action/horror ci sentiamo di promuovere solo parzialmente il lavoro svolto per questo ultimo capitolo.

Il Verdetto 6

Paul W.S. Anderson pronto a portare sul grande schermo il videogame Monster Hunter

Il regista e produttore Paul W.S. Anderson con il futuro Resident Evil: The Final Chapter sembra pronto a lasciare definitivamente questa saga per dedicarsi ad un nuovo progetto, ma attenzione perchè la mela non cade mai troppo lontana dall’albero.

Secondo Empire Online pare che Anderson ed il suo socio Jeremy Bolt abbiano in mente di portare sul grande schermo un altro grande successo videoludico di casa Capcom (la casa di produzione del franchise Resident Evil), stiamo parlando di Monster Hunter.

La fonte rivela che nei piani di Anderson e Bolt ci sia la volontà di puntare inizialmente su due film, per poi capire se il nuovo possibile franchise possa attecchire, divenendo così nuova fonte di incassi dopo la chiusura di Resident Evil.

Il videogame Monster Hunter è incentrato su di un uomo deluso dalla sua vita che scopre suo malgrado di essere l’ultimo discendente di una stirpe mitica di cacciatori di mostri. Egli viene risucchiato in un mondo parallelo abitato da mostri di ogni genere, qui scoprirà le sue abilità. Ovviamente il colpo di scena arriva quando questo mondo parallelo si fonde con la Terra, portando tali mostri per le strade terrestri.

Rimanete connessi per ulteriori aggiornamenti….

Milla Jovovich mostra un breve assaggio del primo trailer di Resident Evil: The Final Chapter

A pochi giorni dal rilascio del primo trailer di Resident Evil: The Final Chapter, la protagonista Milla Jovovich ha pensato bene di aumentare l’hype dei fan della saga rilasciato un piccolo assaggio attraverso il suo profilo Twitter.

Resident Evil: The Final Chapter è l’ultimo capitolo della saga cinematografica tratta dalla mitica serie di videogames firmati Capcom, alla regia torna Paul W.S. Anderson, nel cast Milla Jovovich, Ali Larter, Iain Glen, Shawn Roberts, Ruby Rose, Eoin Macken, William Levy, Fraser JamesRola.

La trama del sesto capitolo della saga parte direttamente dopo i fatti narrati in Resident Evil: Retribution con i pochi superstiti dall’immane infezione causata da Umbrella Corps oramai allo stremo delle forze, la protagonista Alice (Milla Jovovich) quindi si ritroverà a contrastare, in compagnia di un nuovo gruppo di combattenti, una nuova orda di non morti, questa volta dove tutto è cominciato, a Raccoon City.

Resident Evil: The Final Chapter arriverà nelle sale il 27 gennaio 2017

Ecco il teaser del trailer