Archivi tag: Maccio Capatonda

Angry Birds 2 – Nemici Amici per Sempre, la recensione

Angry Birds 2 – Amici Nemici per Sempre è il secondo film d’animazione dedicato ai mitici protagonsiti della saga videoludica targata Rovio. Questa è la nostra recensione.

Diretto da Thurop Van Orman e John Rice, il film vede un cast vocale formato da Jason Sudeikis, Josh Gad, Leslie Jones, Bill Hader, Awkwafina e Peter Dinklage.

Pennuti e Maialini continuano a farsi scherzi quotidianamente, ma è la comparsa di una terza misteriosa isola a cambiare le cose. Per evitare la distruzione delle loro isole, le due fazioni dovranno mettere da parte i dissapori, ed unirsi contro la minaccia crescente. Ovviamente non tutto andrà come dovrebbe.

Il Commento

Tre anni dopo il tiepido successo – di critica e pubblico – raggiunto da Angry Birds: Il Film, la Sony ha affidato alla coppia formata da Thuorp Van Orman e John Rice il difficile obiettivo di realizzare un sequel che potesse risollevare le sorti di una saga già nata nella difficoltà.

Animazione straordinaria a parte, Angry Birds 2 – Nemici Amici per Sempre parte con tre semplici presupposti: rimodellare verso il successo una saga appena nata, offrire alle famiglie un sano divertimento, e basare la pellicola su una trama – per quanto possibile – solida ed interessante.

Sotto molti punti di vista, il film della coppia Van Orman/Rice riesce negli obiettivi prefissati. Angry Birds 2 diverte, offre una visione completamente inedita della celebre saga videoludica, e riesce ad intrattenere con una trama per certi versi coinvolgente. Ciononostante il prodotto finale continua a non esaltare, rimanendo ancora legato a quella stessa superficialità che ha fatto bocciare la prima pellicola nel 2016.

Il tanto sospirato salto di qualità non c’è stato, o perlomeno non si è visto. A nostro avviso, Angry Birds 2 risulta fin troppo legato ai canoni classici dell’animazione “spicciola”, dove ciò che conta è solo portare al cinema il pubblico, senza però dare seguito ad prodotti di qualità assoluta dal punto di vista registico e sceneggiativo. Non si cercava un messaggio sociale importante in questo film, ma il solo “collaborare è meglio del lavorare da soli” non basta per colmare la distanza abbissale che passa dai capolavori targati Pixar e Disney Animation.

Il doppiaggio italiano non soddisfa completamente. Maccio Capatonda (al secolo Marcello Macchia) può risultare esilarante dal vivo… ma forse molto meno come doppiatore. Il suo Red non genera quella comicità dissacrante voluta dai produttori. Il personaggio doppiato da Alessandro Cattelan (Chuck) è poco coinvolto, e forse questo è un limite.

In Conclusione

Angry Birds 2 – Amici Nemici per Sempre è il classico film d’animazione da vedere… ma senza troppe pretese. Consigliato alle famiglie con piccoli al seguito.

Pupazzi senza Gloria, la recensione del film con Melissa McCarthy

Pupazzi Senza Gloria è un film del 2018, diretto da Brian Henson, con un cast di attori reali e marionette. Tra i protagonisti in carne ed ossa Melissa McCarthy. Questa la recensione.

La Sinossi. Pupazzi senza gloria racconta le vicende di due detective alle prese con un serial killer che sta uccidendo tutti i componenti del cast de L’allegra combriccola, un amatissimo show di pupazzi degli anni 90. A seguire il caso Connie Edwards (Melissa McCarthy), una veterana del corpo di polizia con una terribile dipendenza dallo zucchero, e il suo ex collega pupazzo Phil Phillips (doppiato da Maccio Capatonda), caduto in disgrazia e diventato ora un investigatore privato. Ambientato in una Los Angeles in cui umani e pupazzi condividono sesso, droga e pallottole, Pupazzi senza gloria è un film scorrettissimo tutto da ridere e dal “piacere” assicurato.

Pupazzi senza Gloria si presenta come una commedia scorrevole, divertente ed ironica al punto giusto. Il mix attoriale tra marionette e attori in carne ed ossa è ben miscelato, tanto che dopo qualche minuto ci si dimentica perfino che alcuni dei protagonisti in realtà sono dei pupazzi, tra l’altro ben rifiniti e con dei colori che spiccano sullo schermo. Le ambientazioni richiamano film e serie tv caratteristiche dei primi anni ’90, una mossa saggia da parte dei produttori che dona quel tocco di nostalgia in più.

La trama, seppur già vista e facilmente prevedibile, riesce a catturare lo spettatore per quei piccoli particolari alquanto inaspettati. Le battute inserite nella sceneggiatura strappano qualche risata, anche perchè ben contestualizzate nonostante un discreto valore di volgarità.

Buona la recitazione della McCarthy, il cui pregio è quello di farsi amare ed odiare allo stesso modo nel corso della stessa pellicola. Soprende il doppiaggio di Maccio Capatonda per la versione italiana.

Anche se votato spesso alla volgarità, il più delle volte gratuita, Pupazzi senza Gloria sembra avere un discreto potenziale per diventare un piccolo cult di genere negli anni a venire.



Poster e clip per Pupazzi Senza Gloria, la commedia con Melissa McCarthy

Lucky Red ha rilasciato una clip italiana di Pupazzi Senza Gloria, la pazza commedia diretta da Brian Henson, ed interpretata da Melissa McCarthy.

L’attrice torna a recitare in una commedia irriverente, ma questa volta in coppia con un pupazzo, in un mondo dove pupazzi ed esseri umani convivono senza problemi … o quasi.

Tra i doppiatori italiani il nostro Maccio Capatonda, mentre nel cast attoriale spazio per Melissa McCarthy, Maya Rudolph, Joel McHal ed Elizabeth Banks.

La Sinossi. Pupazzi senza gloria racconta le vicende di due detective alle prese con un serial killer che sta uccidendo tutti i componenti del cast de L’allegra combriccola, un amatissimo show di pupazzi degli anni 90. A seguire il caso Connie Edwards (Melissa McCarthy), una veterana del corpo di polizia con una terribile dipendenza dallo zucchero, e il suo ex collega pupazzo Phil Phillips (doppiato da Maccio Capatonda), caduto in disgrazia e diventato ora un investigatore privato. Ambientato in una Los Angeles in cui umani e pupazzi condividono sesso, droga e pallottole, Pupazzi senza gloria è un film scorrettissimo tutto da ridere e dal “piacere” assicurato.

Pupazzi Senza Gloria sarà rilasciato in Italia dal 18 ottobre 2018.


La Clip


Il Poster


[UCI Cinemas] Il 5 marzo il cast di Omicidio all’italiana ospiti in due multisala UCI

Nella giornata odierna la nuova commedia diretta ed interpretata da Maccio Capatonda dal titolo Omicidio all’Italiana fa il suo esordio nelle sale italiane, a tal proposito vi proponiamo un evento targato UCI Cinemas legato alla promozione del film prodotto da Lotus Entertainment e Leone Film Group.

La prossima domenica, 5 marzo 2017, il regista ed interprete del film, Maccio Capatonda, ed i membri del cast, Herbert Ballerina e Ivo Avido, saranno ospiti in ben due multisala del circuito UCI Cinemas, un’occasione unica per abbracciare i famosi protagonisti di tante storie che hanno fatto la storia di Mai Dire Gol e lo Zoo di 105.

Maccio, Herbert e Ivo saranno all’UCI MilanoFiori alle ore 17:00 per salutare il pubblico che parteciperà alla proiezione del film in programma alle ore 17:30, successivamente all’UCI Bicocca, alle ore 20:00, per salutare i fan che assisteranno allo spettacolo delle 20:30.

  • Leggete la nostra recensione di Omicidio all’Italiana cliccando qui

Per partecipare alle proiezioni degli spettacoli in cui il cast di Omicidio All’Italiana  sarà presente è possibile acquistare i biglietti presso le casse dell’UCI MilanoFiori e dell’UCI Bicocca, tramite App gratuita di UCI Cinemas per dispositivi Apple, Android e Windows Phone e sul sito www.ucicinemas.it. I biglietti paper-less acquistati tramite App e i biglietti elettronici acquistati tramite sito danno la possibilità di usufruire dal SALTA LA FILA ALLE CASSE. Il pubblico può comunque acquistare i biglietti anche tramite call center (892.960) e le biglietterie automatiche self-service presenti sul posto.

Per maggiori informazioni visitare il sito www.ucicinemas.it o la pagina ufficiale di Facebook di UCI Cinemas all’indirizzo:  www.facebook.com/home.php#!/ucicinemasitalia In alternativa contattare il call center al numero 892.960.

Omicidio all’italiana è stato diretto da Maccio Capatonda, nel cast Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Ivo Avido, Sabrina Ferilli, Antonio Truppo e Fabrizio Biggio.

Sinossi: Uno strano omicidio sconvolge la vita sempre uguale di Acitrullo, sperduta località dell’entroterra abruzzese. Quale occasione migliore per il sindaco (Maccio Capatonda) e il suo vice (Herbert Ballerina) per far uscire dall’anonimato il paesino? Oltre alle forze dell’ordine infatti, accorrerà sul posto una troupe del famigerato programma televisivo “Chi l’acciso?”, condotto da Donatella Spruzzone (Sabrina Ferilli). Grazie alla trasmissione e all’astuzia del sindaco, Acitrullo diventerà in men che non si dica famosa come e ancor più di Cogne! Ma sarà un efferato crimine o un… omicidio a luci grosse??

Omicidio all’italiana arriverà nelle sale il 2 marzo 2017

[Recensione] Omicidio all’italiana, di Maccio Capatonda – uno sguardo sconvolgente dietro lo show business dei crimini

Dopo il successo di “Italiano Medio” Marcello Macchia in arte Maccio Capatonda torna al cinema con una commedia irriverente che strizza l’occhio alla nostra realtà con “Omicidio all’italiana”.

Acitrullo é un paesino sperduto sui colli abruzzesi, abitato da 16 abitanti la cui età media é di 70 anni, tutti i giovani si sono trasferiti in grandi metropoli come Campobasso. Il sindaco Piero Peluso (Maccio Capatonda) escogita un eccellente piano per far conoscere il paese ovunque ma un imprevisto blocca il tutto e fa adirare la Contessa Ugaldina (Lorenza Guerrieri) che fino a quel momento aveva finanziato ogni folle progetto del primo cittadino.

Senza i soldi della contessa Acitrullo rischia di morire, perciò Piero Peluso e suo fratello Marino (Herbet Ballerina) si recano dalla filantropa per implorare il suo perdono, ma la trovano inspiegabilmente senza vita. Pur visibilmente sconvolto per l’accaduto, il sindaco ha l’idea (geniale) di inscenare l’omicidio della ricca donna così da poter richiamare l’attenzione dei media ad Acitrullo.

Acitruzzo non ha nulla da invidiare ad Avetrana, Cogne, o Novi Ligure e lo dimostra con il suo omicidio seguito con attenzione dalle telecamere del programma tv “Chi l’acciso?” e dalla carismatica presentatrice Donatella Spruzzone (Sabrina Ferilli).

In pochissimo tempo si avvia il circo mediatico in cui un paesino sotto i riflettori si attrezza nel ricevere onde di turisti assetati della criminosa storia  mentre la polizia si divide tra chi vuole apparire e chi vuole scoprire la verità.

Maccio Capatonda elabora una raffinata narrazione che rispecchia fedelmente gli ultimi crimini che ci vengono raccontati attraverso maratone televisive in cui chiunque prende la parola per dire la sua, e crediamo fedelmente a quello che vediamo attraverso lo schermo. Non dobbiamo temere che Maccio diventi troppo serioso, l’attore-regista e anche sceneggiatore non si dimentica di farci ridere attraverso il suo fedele gruppo di attori che lo seguono in ogni sua folle avventura.

La piccola bugia nata per aiutare le sorti della desolata Acitrullo gli sfugge di mano a Peluso quando il televoto in diretta tv decreta il killer dell’omicidio.

La scrittura pungente e massacrante non condanna nessuna categoria in particolar modo, prende in giro giornalisti, politici, magistrati in egual modo, mostrandoci ognuno attraverso le maschere con cui abbiamo imparato a convivere.

L’unico personaggio che voglia riportarci continuamente alla realtà é l’ispettrice Sandra Pertini (Roberta Mattei), l’unica a voler indagare correttamente sul crimine e preoccupandosi che la verità venda a galla. Incarna l’incredibilità che proviamo davanti allo storytelling mediatico che nasce dietro un crimine.
Eppure come ci ricorda la regina del crime-talk quello che passa attraverso la televisione é un’altra cosa, é puro intrattenimento in cui la verità perde ogni suo valore.

 

Il nostro parere: 7 +

Sembrerebbe che Maccio Capatonda abbia tolto i panni da comico per vestire quelli seri ed impegnati (così come fa Pif), ma i titoli di testa ci ricordano di non credere totalmente né ai personaggi né alla storia “vera” modificata sapientemente dall’autore.
Non lascia nulla al caso, costruendo ogni personaggio completamente carico di pregi e difetti che vengono magistralmente incarnati da attori come Gigio Morra e Antonia Truppo.
Da non sottovalutare la breve partecipazione di Nino Frassica e l’eccellente interpretazione di Sabrina Ferilli, assolutamente credibile nel suo ruolo più delle sue stesse ispirazioni.

 

“Omicidio all’italiana” di Maccio Capatonda arriva al cinema dal 2 marzo, prodotto da Lotus Production e distribuito da Medusa Film.

Maccio Capatonda è il sindaco della bizzarra Acitrullo nel poster di Omicidio all’Italiana

La campagna promozionale di Omicidio all’Italiana, la nuova divertente commedia diretta ed interpretata da Maccio Capatonda, prosegue senza sosta, questa mattina siamo infatti qui pronti a mostrarvi la locandina ufficiale, nonchè il banner per le promozioni virali.

Omicidio all’italiana è stato diretto da Maccio Capatonda, nel cast Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Ivo Avido, Sabrina Ferilli, Antonio Truppo e Fabrizio Biggio.

La Sinossi

Uno strano omicidio sconvolge la vita sempre uguale di Acitrullo, sperduta località dell’entroterra abruzzese. Quale occasione migliore per il sindaco (Maccio Capatonda) e il suo vice (Herbert Ballerina) per far uscire dall’anonimato il paesino? Oltre alle forze dell’ordine infatti, accorrerà sul posto una troupe del famigerato programma televisivo “Chi l’acciso?”, condotto da Donatella Spruzzone (Sabrina Ferilli). Grazie alla trasmissione e all’astuzia del sindaco, Acitrullo diventerà in men che non si dica famosa come e ancor più di Cogne! Ma sarà un efferato crimine o un… omicidio a luci grosse??

Omicidio all’italiana arriverà nelle sale il 2 marzo 2017

Ecco il poster

 

L’esilarante primo trailer di Omicidio all’Italiana, il nuovo film di Maccio Capatonda

Lotus Production e Medusa Film quest’oggi hanno finalmente rilasciato il primo esilarante trailer di Omicidio all’italiana, il nuovo film diretto ed interpretato da Maccio Capatonda, il nome d’arte di Marcello Macchia.

Date un’occhiata alla pioggia di foto ufficiali all’interno di questo link.

Omicidio all’italiana è stato diretto da Maccio Capatonda, nel cast Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Ivo Avido, Sabrina Ferilli, Antonio Truppo e Fabrizio Biggio.

La Sinossi

Uno strano omicidio sconvolge la vita sempre uguale di Acitrullo, sperduta località dell’entroterra abruzzese. Quale occasione migliore per il sindaco (Maccio Capatonda) e il suo vice (Herbert Ballerina) per far uscire dall’anonimato il paesino? Oltre alle forze dell’ordine infatti, accorrerà sul posto una troupe del famigerato programma televisivo “Chi l’acciso?”, condotto da Donatella Spruzzone (Sabrina Ferilli). Grazie alla trasmissione e all’astuzia del sindaco, Acitrullo diventerà in men che non si dica famosa come e ancor più di Cogne! Ma sarà un efferato crimine o un… omicidio a luci grosse??

Omicidio all’italiana arriverà nelle sale il 2 marzo 2017

Ecco il trailer

Foto e teaser trailer per Omicidio all’italiana, la nuova commedia di Maccio Capatonda

Il ciclone Maccio Capatonda, all’anagrafe Marcello Macchia, torna al cinema dopo il successo di Italiano Medio con una nuova esilarante commedia dal titolo Omicidio all’italiana, dove la politica sembra avere un ruolo centrale ai fini della narrazione.

Prodotto da Lotus Production e distribuito da Medusa Film, la nuova commedia diretta ed interpretata di Maccio Capatonda porterà in sala la bizzarra storia di un piccolo paesino di provincia, passato improvvisamente al centro dell’attenzione a causa di un omicidio alquanto bizzarro. Con Capatonda ovviamente il partner artistico di sempre, il buon Herbert Ballerina (Luigi Luciano), entrambi con due ruoli politici di peso, ossia il sindaco ed il suo vice-sindaco del paesino in questione.

Omicidio all’italiana è stato diretto da Maccio Capatonda, nel cast Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Ivo Avido, Sabrina Ferilli, Antonio Truppo e Fabrizio Biggio.

La Sinossi

Uno strano omicidio sconvolge la vita sempre uguale di Acitrullo, sperduta località dell’entroterra abruzzese. Quale occasione migliore per il sindaco (Maccio Capatonda) e il suo vice (Herbert Ballerina) per far uscire dall’anonimato il paesino? Oltre alle forze dell’ordine infatti, accorrerà sul posto una troupe del famigerato programma televisivo “Chi l’acciso?”, condotto da Donatella Spruzzone (Sabrina Ferilli). Grazie alla trasmissione e all’astuzia del sindaco, Acitrullo diventerà in men che non si dica famosa come e ancor più di Cogne! Ma sarà un efferato crimine o un… omicidio a luci grosse??

Omicidio all’italiana arriverà nelle sale il 2 marzo 2017

Ecco il teaser trailer e la gallery fotografica

[Recensione] Quel bravo ragazzo, di Enrico Lando: esordio da protagonista per Herbert Ballerina

Esce questo giovedì “Quel bravo ragazzo”, commedia firmata da Enrico Lando che vede per la prima volta nei panni da protagonista Luigi Luciano in arte Herbert Ballerina che da anni ha affiancato sul piccolo schermo Michele Macchia (Maccio Capatonda).

Sono tempi per il clan mafioso Cosimato, il loro capostipite don Ferdinando Cosimato (Luigi Maria Burruano) é sul letto di morte, il suo ultimo desiderio é conoscere quel figlio mai riconosciuto così da affidargli la sua “azienda”. Il ragazzo é un trentaquattrenne molto ingenuo e bislacco, rimasto orfano, é cresciuto nella parrocchia di don Isidoro (Maccio Capatonda) che aiuta nelle vesti di cherichetto.

Inizia così la preparazione di Leone (Herbert Ballerina) per diventare un perfetto rappresentante della famiglia Cosimato; Vito (Tony Sperandeo) e Salvo (Enrico Lo Verso) provano ad addestrarlo affinché arrivi pronto all’incontro con le altre famiglie mafiose in occasione dell’elezione del Capo dei Capi.

Leone non é il discendente che i fedelissimi della famiglia si augurano, ha un modo di agire totalmente distante dalle regole mafiose, lo dimostra in più occasioni spiazzando l’avvocato Greco (Ninni Bruschetta) che non che pesci pigliare durante gli incontri “di consulenza”. La sua voce é una fuori da coro, ha un approccio totalmente pulito ed onesto nei lavori dell’azienda paterna, il suo é uno sguardo bambinesco e genuino. L’innocente amicizia che nascerà con Sonia (Daniela Virgilio), poliziotta in incognito, e il suo rapporto con gli “zii” Vito e Salvo sono manifestazioni della sua trasparenza caratteriale.

In “Quel bravo ragazzo” si ride della mafia, raccontata con assoluta leggerezza attraverso le interpretazioni di attori con un bagaglio personale sull’incriminante tematica come Tony Sperandeo e Ninni Bruschetta che regalano maggior spessore ed ironia ai loro personaggio, basti pensare ad Enrico Lo Verso che interpreta un killer vegetariano con una spiccata sensibilità etica che si nutre con bacche di goji.

I produttori Marco Belardo e Enrico Venti in arte Ivo Avido (Lotus Prodution) ha ammesso che era da tempo che si voleva lanciare sul grande schermo Herbert Ballerina e con il soggetto di Ciro Zecca é arrivata l’occasione per elaborare una narrazione divertente ed efficace per il suo personaggio.
Herbert sembra scrollarsi di dosso il personaggio finora interpretato negli sketch con il compagno Maccio che qui sembra dargli la sua “benedizione”.

La sua “inconscia” comicità ricorda a tratti il Benigni di Johnny Stecchino o il fanciullesco Forrest Gump, eppure il regista Enrico Lando ha sempre avuto in mente la fisicità di Buster Keaton. Se Pif prova a raccontare la Sicilia mafiosa attraverso una narrazione di stampo fiabesca, qui si prendono di petto tutte le sfaccettature di quel mondo e vengono rovesciate attraverso toni comici e sopratutto consapevoli.

La mafia viene vista come una comunissima azienda che prova stress e da cui sono necessarie le dimissioni prima di rischiare che si formi un buco in testa.

Il nostro parere: 7

Una commedia divertente e senza pretese, si ride con piacere sul mondo stra-raccontato sul piccolo schermo, che viene presa in giro con intelligenza, grazie al candore del suo protagonista. Diverse sono le citazioni cinematografiche all’interno della narrazione, inserite meticolosamente ed intelligentemente come la partecipazione di Jordi Mollà.

“Quel bravo ragazzo” di Enrico Lando con Herbert Ballerina uscirà nelle sale italiane il 17 novembre, distribuito da Medusa Film.

Maccio Capatonda e Herbert Ballerina presenteranno Mariottide al Lucca Comics & Games 2016

Dopo il red carpet e la presentazione ufficiale durante la Festa del Cinema di Roma, la sitcom italiana prodotta da Infinity Tv dal titolo Mariottide è pronta a mostrarsi ancora al pubblico in vista della premiere attesa per il 26 ottobre, l’occasione sarà il Lucca Comics & Games 2016.

Ospiti di una Masterclass Post-Modesta (in pieno stile Mariottide) il prossimo 30 ottobre, Maccio Capatonda (Marcello Macchia) e Herbert Ballerina (Luigi Luciano), presenteranno al pubblico del Lucca Comics & Games la sitcom prodotta da Infinity Tv dal titolo Mariottide, l’incontro avverrà presso il Cinema Astra e verrà moderato da Giorgio Viaro, storico direttore di Best Movie.

Durante l’incontro verranno mostrati i primi due episodi, “Compleanno” e “Botte”. Con Capatonda, in veste di regista ed inteprete principale, e Ballerina, ci sarà anche il produttore e anch’essi interprete Ivo Avido (Enrico Venti).


Mariottide è il primo esempio di sitcom italiana prodotta direttamente per un servizio streaming on demand, Infinity; è prodotta da Marco Belardi per LOTUS PRODUCTION ed Enrico Venti per SHORTCUT PRODUCTIONS in collaborazione con VIDEOTIME. Il cofanetto completo della serie sarà disponibile dal 26 ottobre in anteprima esclusiva su Infinity.

Sinossi

Mariottide è un cantante neomelodico squattrinato che cerca di celare la sua condizione di povertà a Fernandello, un ragazzo un po’ ritardato, trovato per caso in un cassonetto all’età di 30 anni. “Mi piace definirlo un eroe post modesto – ha spiegato Maccio Capatonda – che cerca di destreggiarsi in questa Italia piena di ladroni e furfanti”. Comicità e trovate geniali arricchiscono la vita del cantante e del pargolo troppo cresciuto per definirlo tale, al loro fianco celebri volti del mondo dello spettacolo hanno preso parte a questo progetto, interpretando personaggi molto lontani dalla loro realtà e ognuno distinto da tratti paradossali e per questo memorabili.

Tra i i tanti Ale e Franz, Ivo Avido, Daniele Battaglia, Biggio, Raul Cremona, Marco Donadoni, Nino Frassica, Jake La Furia, Francesco Mandelli, Federico Russo, Giuliano Sangiorgi, Tony Sperandeo, Bebo Storti e Barbara Tabita.

Mariottide andrà in onda su Infinity Tv dal 28 ottobre 2016


Il Lucca Comics & Games andrà in scena dal 28 ottobre al 1 novembre 2016

[RomaFF11] Maccio Capatonda presenta Mariottide, in anteprima per Alice nella città

Abbiamo conosciuto il personaggio di Mariottide circa 10 anni fa all’interno della trasmissione televisiva “Mai dire lunedì”, era un cantautore neomelodico triste alla ricerca di un successo che non é mai arrivato tanto da portarlo ad una condizione di miseria e povertà che tenta in tutti i modi di nascondere a Fernandello, un ragazzotto di 30 anni un po’ ritardato che trovò per caso in un cassonetto.

Mariottide é sempre stato un personaggio molto amato dal pubblico di Marcello Macchia alias Maccio Capatonda e col tempo le sue disavventure sono aumentate tanto da richiedere maggior spazio, da qui l’idea della sit-com prodotta da Marco Belardi ed Enrico Venti e distribuita on demand sulla piattaforma Infinity TV (dal 26 ottobre).

I primi due episodi di “Mariottide” sono stati presentati questa sera al cinema Admiral, all’interno della programmazione della sezione autonoma Alice nella città, dove Maccio Capatonda ed Herbert Ballerina hanno potuto rispondere ad alcune curiosità del pubblico accorso per la proiezione.
Il personaggio di Mariottide come tutti i suoi personaggi sono nati dalle influenze comiche che ha avuto nel corso degli anni, ha potuto imparare l’arte della comicità da interpreti come Totò, Fantozzi, ed anche Nino Frassica che ha invitato a partecipare nella sit-com. Eppure Mariottide rappresenta quella comicità amara che ognuno di noi deve affrontare quotidianamente, un uomo che alterna i più svariati lavori pur di poter guadagnare un minimo per offrire qualcosa da mettere nel piatto a Fernandello che sogna di poter far lo scienziato, ma seppur triste e sconfortato cade sempre in piedi, presentandosi come un eroe invincibile.

Come una sit-com classica ogni episodio avrà una narrazione che si concluderà nell’episodio stesso che ospiterà nel corso della serie diversi ospiti, volti noti al pubblico come Ale e Franz, Jake La Furia, Biggio e Francesco Mandelli, Pierluigi Pardo, Giuliano Sangiorgi e Rocco Tanica, che affiancheranno il cast fisso composto da Maccio Capatonda, Herbert Ballerina, Ivo Avido, Nino Frassica, Marco Donadoni e Barbara Tabita.

“Mariottide” di Maccio Capatonda sarà trasmessa a partire dal 26 ottobre sulla piattaforma on demand Infinity TV.

Problemi di viabilità nelle nuove spassose clip italiane di Angry Birds – Il Film

Si torna a parlare questa mattina della spassosa campagna promozionale di Sony Pictures Italia per Angry Birds – Il Film, l’adattamento live action del noto videogame diretto da Clay Kaytis e Fergan Reilly.

Nelle due nuove clip italiane rilasciate spazio ad alcuni problemi legati alla viabilità, protagonista prima Red (Maccio Capatonda) con delle strisce pedonali, poi Chuck (Alessandro Cattelan) con uno Stop non rispettato.

Angry Birds – Il Film è stato diretto da Clay Kaytis e Fergan Reilly, nel cast vocale Jason Sudeikis, Peter Dinklage, Josh Gad, Kate McKinnon, Bill Hader, Sean Penn e Danny McBride, le voci italiane sono di Maccio Capatonda, Alessandro Cattelan e Chiara Francini.

Ecco la Sinossi:

Nel film Angry Birds scopriremo finalmente perché i famosi pennuti sono così arrabbiati! La storia ci porta su un’isola popolata da volatili quasi tutti felici, anche se incapaci di volare. In questo paradiso, Red, un uccello con problemi di controllo della rabbia, il velocissimo Chuck e l’esplosivo Bomb, sono sempre stati emarginati. Ma quando sull’isola arrivano dei terribili maialini verdi, toccherà a loro dimostrargli di che cosa sono capaci…

Angry Birds – Il Film arriverà nelle sale italiane a giugno 2016

Ecco la clip

[youtube]https://youtu.be/y09UQ9GN7ms[/youtube]

[youtube]https://youtu.be/kG1aqvI16QQ[/youtube]