Archivi tag: C’era una volta a Hollywood

Oscar 2020: Il trionfo di Parasite e la disfatta degli altri

L’edizione numero 92 degli Oscar resterà per sempre nella storia, e il merito va tutto al sud-coreano Parasite. Ecco com’è andata la notte cinematografica più seguita al mondo.

Primo film sud-coreano a vincere la Palma d’oro a Cannes, primo film sud-coreano a vincere l’Oscar come miglior film internazionale (ex film straniero) e primo film in assoluto in lingua non inglese a vincere il premio come miglior film: tutto questo è Parasite, il film di Bong John-ho che ha dominato la stagione di premi e gli Oscar 2020.

Facendo letteralmente piazza pulita intorno a sé lasciando agli altri nient’altro che briciole (sono 4 gli Oscar vinti in totale), Parasite ha segnato in modo indelebile non solo la storia degli Oscar, ma anche la storia del cinema per il modo in cui ha descritto – con un registro a metà tra il thriller e la commedia – un mondo in cui la lotta di classe domina con gli uomini sempre pronti a farsi guerra.

La forza di Parasite è stata talmente forte che tutti gli altri film nominati sono stati messi definitivamente in ombra. Ne è uscito con le ossa abbastanza rotte Joker di Todd Phillips che, a fronte delle 11 candidature, si è dovuto accontentare dei premi per il miglior attore (e non poteva essere altrimenti) e quello per la colonna sonora. E, per carità, non si tiri in ballo l’apparente odio dell’Academy nei confronti dei cinecomic.

E il favorito 1917 di Sam Mendes? Trionfo sì, ma solo nelle categorie tecniche (3 Oscar): nemmeno lo sforzo tecnico del (ricostruito) piano-sequenza ha potuto fare niente contro il fenomeno sud-coreano.

A mani vuote Martin Scorsese (citato come fonte di ispirazione da Bong John-ho nel suo discorso di accettazione) e il suo The Irishman: colpa di Netflix? Non questa volta, perché l’Academy pare non avere avuto occhi che per Parasite e l’affresco storico-malavitoso del regista italoamericano non ha evidentemente trovato posto come, d’altronde, l’affresco storico-nostalgico di Quentin Tarantino con C’era una volta a… Hollywood (2 Oscar).

Riassumendo, gli Oscar 2020 saranno ricordati per il trionfo assoluto di Parasite e per la completa disfatta di tutti gli altri, come se Hollywood avesse alzato le mani di fronte a un film così potente e così perfetto.

Perché tra molti anni, quando si parlerà di quest’edizione degli Oscar, verrà ricordato Parasite, il resto sarà solo un contorno.

Oscar 2020: Parasite entra nella storia, ecco tutti i vincitori

La lunga notte degli Oscar 2020 ha decretato Parasite come Miglior Film, mentre Joaquin Phoenix ha trionfato come Miglior Attore. Snobbato, invece, The Irishman.

C’è aria di cambiamento negli Academy, ed il trionfo di un film in lingua straniera nelle tre più importanti categorie ne è la prova lampante. Il film coreano diretto da Bong Joon-ho dal titolo Parasite è così entrato nella storia degli Academy Awards: mai nessun film straniero aveva vinto come Miglior Film agli Oscar, ma il successo di questo piccolo capolavoro coreano non si è fermato a quest’unico premio. Sue, infatti, le categorie Miglior Regia – ovviamente a Bong Joon-ho – Miglior Sceneggiatura Originale e Miglior Film Straniero (non era neppure in discussione questa vittoria). Tra le altre cose, Parasite è stato anche il film che ha portato a casa il numero maggiore di statuette, ossia quattro. [La Recensione di Parasite].

Con 11 nomination all’attivo, Joker deve comunque ritenersi soddisfatto, e questo nonostante le sole 2 affermazioni. Gli Academy non hanno mai amato il genere cinecomic – anche se si continua a stentare nel considerare Joker un film di genere – pertanto ottenere già così tante candidature non può che rappresentare una grande vittoria. A vincere premi comunque sono stati l’immenso Joaquin Phoenix – tra l’altro protagonista di un discorso di accettazione tutto incentrato sulla redenzione umana – ed il comparto musicale (Colonna Sonora). [Recensione Joker].

Lo stesso discorso NON può essere fatto per film come 1917, C’era una volta a… Hollywood e The Irishman. Le loro 10 candidature hanno prodotto, al massimo 3 premi (1917), pertanto c’è da considerare il risultato ottenuto un completo fallimento, e questo per le aspettative che hanno contribuito ad offrire nel corso della stagione dei premi pre-Oscar.

1917 di Sam Mendes ha trionfato in tre categorie tecniche, ossia Effetti Visivi, Fotografia e Sonoro. [Recensione 1917].

C’era Una volta a… Hollywood è riuscito a vincere solo due premi, ovvero quello a Brad Pitt (Miglior Attore non Protagonista) ed alle Scenografie. [Recensione C’era una volta a… Hollywood].

Per quanto riguarda, invece, The Irishman, il “tonfo” sembra totale: le 10 nomination si sono tramutate in 0 premi, lasciando l’amaro in bocca a Martin Scorsese, Joe Pesci e Al Pacino, senza contare la categoria Effetti Visivi, protagonista durante la campagna pre-Oscar di un “simpatico” siparietto tra lo stesso Martin Scorsese ed i film targati Marvel. A proposito… anche il film dei record Avengers: Endgame ne è uscito sconfitto nella medesima categoria. [Recensione The Irishman].

Gli altri premi attoriali sono andati a Laura Dern (per Storia di un Matrimonio) e Renèe Zellweger (Judy). La Sceneggiatura non Originale è, invece, andata a Taika Waititi per Jojo Rabbit, mentre Toy Story 4 ha trionfato nella categoria relativa ai Film d’Animazione.

TUTTI I VINCITORI

  • ATTORE NON PROTAGONISTA
    Brad Pitt (C’era una volta a… Hollywood)
  • ATTRICE NON PROTAGONISTA
    Laura Dern (Storia di un Matrimonio)
  • COSTUMI
    Piccole Donne
  • COLONNA SONORA
    Joker
  • CORTOMETRAGGIO ANIMATO
    Hair Love
  • CORTOMETRAGGIO LIVE ACTION
    The Neighbors’ Window
  • MONTAGGIO AUDIO
    Ford v Ferrari
  • SONORO
    1917
  • ATTORE PROTAGONISTA
    Joaquin Phoenix (Joker)
  • ATTRICE PROTAGONISTA
    Renée Zellweger (Judy)
  • FILM D’ANIMAZIONE
    Toy Story 4
  • FOTOGRAFIA
    1917
  • REGIA
    Bong Joon-ho (Parasite)
  • MONTAGGIO
    Ford v Ferrari
  • LUNGOMETRAGGIO DOCUMENTARIO
    American Factory
  • CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO
    Learning to Skateboard in a War Zone for a Girl
  • FILM INTERNAZIONALE
    Parasite (Corea del Sud)
  • TRUCCO E PARRUCCO
    Bombshell
  • FILM
    Parasite
  • EFFETTI VISIVI
    1917
  • SCENEGGIATURA ADATTATA
    Jojo Rabbit
  • SCENEGGIATURA ORIGINALE
    Parasite
  • CANZONE ORIGINALE
    Rocketman
  • SCENOGRAFIE
    C’era una volta a… Hollywood

Oscar 2020: I nostri pronostici sui vincitori

Domani notte a Los Angeles verranno assegnati gli Oscar 2020, giunti alla loro 92a edizione. Ma chi si aggiudicherà l’ambita statuetta? Ecco i nostri pronostici.

La guerra, le bombe e la determinazione di due giovani soldati: tutto questo è 1917, il war movie di Sam Mendes girato in piano-sequenza che, forte delle sue 10 nomination, potrebbe far sua la statuetta per il miglior film.

C’è poi il fenomeno Joker (11 candidature) che, per quanto riguarda la categoria di miglior attore protagonista, non dovrebbe avere rivali: Joaquin Phoenix ha già la statuetta in mano.

Stesso discorso per la controparte femminile: Renée Zellweger ha entusiasmato tutti con la sua intensa interpretazione nei panni di Judy Garland nel biopic Judy.

E poi? Parasite di Bong John-ho ha fatto piazza pulita intorno a sé e, oltre al premio come miglior film internazionale, potrebbe aggiudicarsi anche quello per la sceneggiatura originale e, perché no, quello per la regia.

Ricordiamo che la cerimonia dei 92° Academy Awards sarà trasmessa su. Sky Cinema e, in chiaro, su TV8.

Ecco di seguito i pronostici di Universal Movies:

  • Miglior film: 1917
  • Miglior regia: Bong John-ho (Parasite)
  • Miglior attore protagonista: Joaquin Phoenix (Joker)
  • Miglior attrice protagonista: Renée Zellweger (Judy)
  • Miglior attore non protagonista: Brad Pitt (C’era una volta a… Hollywood)
  • Miglior attrice non protagonista: Laura Dern (Storia di un matrimonio)
  • Miglior sceneggiatura originale: Bong John-ho e Han Jin-won (Parasite)
  • Miglior sceneggiatura non originale: Taika Waititi (Jojo Rabbit)
  • Miglior film internazionale: Parasite
  • Miglior film d’animazione: Klaus – I segreti del Natale
  • Miglior fotografia: Roger Deakins (1917)
  • Miglior scenografia: Dennis Gassner e Lee Sandales (1917)
  • Miglior montaggio: Thelma Schoomaker (The Irishman)
  • Miglior colonna sonora: Hildur Guðnadóttir (Joker)
  • Miglior canzone: (I’m Gonna) Love Me Again (Rocketman)
  • Migliori effetti speciali: Andrew R. Jones, Robert Legato, Elliot Newman e Adam Valdez (Il Re Leone)
  • Miglior documentario: The Cave

ADG Awards 2020 – Avengers: Endgame e Parasite tra i vincitori

Con i WGA Awards (qui), la corsa agli Oscar 2020 questa notte ha visto protagonisti anche gli ADG Awards 2020, i premi assegnati dalle associazioni degli scenografi.

La celebre Art Directors Guild questa notte ha scelto le migliori scenografie dell’anno appena passato. Come sempre divisi per categorie, i premi 2020 hanno visto trionfare Parasite (Miglior Scenografia nel Presente), C’era una volta a… Hollywood (Miglior Scenografia nel Passato) e Avengers: Endgame (Miglior Scenografia Fantasy).

Statisticamente l’Academy premia uno dei tre vincitori degli ADG Awards con una precisione quasi perfetta, pertanto facile immaginare una lotta a due per Oscar 2020, ovvero tra Parasite e C’era una volta a… Hollywood. Ricordiamo che Avengers: Endgame non è candidato agli Oscar per questa categoria, quindi è fuori dai giochi.

ADG Awards 2020

  • Film ambientato nel passato: “Once Upon A Time … in Hollywood,” Barbara Ling
  • Film fantasy: “Avengers: Endgame,” Charles Wood
  • Film ambientato nel presente: “Parasite,” Lee Ha-Jun
  • Film d’animazione: “Toy Story 4,” Bob Pauley

Televisione

  • One-Hour Period or Fantasy Single-Camera Series: “The Marvelous Mrs. Maisel”: “Ep. 305, Ep. 308,” Bill Groom
  • One-Hour Contemporary Single-Camera Series: “The Umbrella Academy”: “We Only See Each Other at Weddings and Funerals,” Mark Worthington
  • Television Movie or Limited Series: “Chernobyl,” Luke Hull
  • Half-Hour Single-Camera Series: “Russian Doll”: “Nothing in This World is Easy,” Michael Bricker
  • Multi-Camera Series: “The Big Bang Theory”: “The Stockholm Syndrome,” “The Conference Valuation,” “The Propagation Proposition,” John Shaffner
  • Short Format: Web Series, Music Video or Commercial: “MedMen”: “The New Normal,” James Chinlund
  • Variety, Reality or Event Special: “Drunk History”: “Are You Afraid of the Drunk?,” Monica Sotto

Oscar 2020: Cosa ci dicono queste nomination?

I giochi sono fatti. Oggi sono state svelate le nomination agli Oscar 2020 che quest’anno giungono alla loro 92a edizione. Ma cosa ci dicono queste nomination che vedono al primo posto Joker con 11 candidature?

Sono anni che la vetrina offerta dalla Mostra del Cinema di Venezia è sinonimo di garanzia per gli Oscar. Il Leone d’oro Joker non è da meno, e a dimostrarlo ci sono le 11 candidature; quella per Joaquin Phoenix sembra essere quella più certa, nonostante la pur ottima prova di Antonio Banderas in Dolor y Gloria.

Riuscirà il film di Todd Phillips a trionfare in tutte le categorie in cui concorre? Probabilmente no (d’altronde anche un film come Mad Max: Fury Road, alla fine, prevalse solo nelle categorie tecniche), ma queste 11 nomination a un film disturbante e disturbato come Joker segnalano un modo di vedere le cose che dall’Academy, forse, non ci si aspettava.

Non sono da sottovalutare nemmeno le 10 nomination ottenute da The Irishman e 1917. Soffermiamoci un momento sul film (targato Netflix, attenzione) di Scorsese, tanto discusso ma anche tanto apprezzato. Il film è potente, ma il marchio Netflix potrebbe essere un punto di debolezza su cui i membri dell’Academy potrebbero non soprassedere. Forse.

1917 di Sam Mendes, invece, sembra essere il favorito per la statuetta più ambita (quella come miglior film) e potrebbe fare la voce grossa anche in tutto il comparto tecnico, dal montaggio alla fotografia – da ricordare che il film è un unico piano-sequenza. Un film sulla guerra mondiale in tempi in cui una nuova guerra mondiale sembra essere sempre a un passo? Per l’Academy un monito da tenere in considerazione.

E se invece a trionfare a Hollywood fosse proprio un film sulla Mecca del cinema? Con C’era una volta a… Hollywood, Quentin Tarantino (10 nomination) potrebbe trionfare in tutto e per tutto. E per Brad Pitt, vincitore del Golden Globe, potrebbe essere la volta buona.

Come accaduto per il messicano Roma, anche il coreano Parasite (6 nomination totali) concorre sia come miglior film internazionale sia come miglior film. Per gli altri film stranieri, in pratica, non c’è gara.

Torniamo dunque alla domanda di partenza: cosa ci vogliono dire queste nomination? L’Academy pare voler accogliere quest’aria di cambiamento puntando un occhio a un altrove (Joker) più spregiudicato e per nulla hollywoodiano, e uno (1917, C’era una volta a… Hollywood e, seppur in maniera diversa, The Irishman) più classico e, per certi versi, più sicuro.

C’è poi l’attenzione sempre maggiore che l’Academy dà ai vari festival europei: Joker, Parasite, Dolor y Gloria e Storia di un matrimonio provengono da Venezia e da Cannes, a dimostrazione di come il lido e la croisette riescano ancora a creare programmi con film di alta qualità.

E anche le donne sono riuscite ad avere finalmente il loro giusto riconoscimento: con 62 donne nominate, tra cui Greta Gerwig per la sceneggiatura (ma non per la regia) di Piccole Donne, l’Academy ha raggiunto quest’anno un record che sarebbe dovuto arrivare ancora qualche anno fa.

Sì, queste nomination ci dicono che l’Academy ha voglia di cambiare, e con lei l’intero mondo del cinema. A partire dal disagiato Joker.

Oscar 2020: Joker 11 nomination, 10 per 1917 e The Irishman

Attraverso una diretta streaming ufficiale, l’Academy ha diffuso poco fa tutte le nomination relativamente all’edizione 2020 degli Oscars.

A dominare la sessione 2020 degli Academy Awards è senza dubbio il cinecomic Joker, il cui score è stato di 11 nomination, tra cui Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attore a Joaquin Phoenix. Il cinecomic DC ha segnato un cambiamento epocale nella storia degli Academy che, per la prima volta dopo il primo approccio avuto con Black Panther, ha riconosciuto il genere, premiandolo con ben 11 nomination.

Con 10 nomination a testa spiccano anche i due super favoriti 1917 e The Irishman, cosi come l’ultimo film di Quentin Tarantino, ossia C’era una volta a… Hollywood. Sorprende, e neppure tanto, la presenza di Parasite in ben 6 categorie, tra cui Miglior Film Straniero, Miglior Film e Miglior Regia.

Star Wars: L’ascesa di Skywalker ha raccolto 3 nomination, tutte nelle categorie tecniche, mentre il film dei record Avengers: Endgame solo quella relativa agli Effetti Visivi.

In attesa del post commento, eccovi tutte le nomination relativamente agli Oscar 2020.

Nomination Oscar 2020

  • ATTORE NON PROTAGONISTA
    Tom Hanks (Un amico straordinario)
    Anthony Hopkins (I due papi)
    Al Pacino (The Irishman)
    Joe Pesci (The Irishman)
    Brad Pitt (C’era una volta a… Hollywood)
  • ATTRICE NON PROTAGONISTA
    Cathy Bates (Richard Jewell)
    Laura Dern (Storia di un Matrimonio)
    Scarlett Johansson (Jojo Rabbit)
    Florence Pugh (Piccole Donne)
    Margot Robbie (Bombshell)
  • COSTUMI
    The Irishman
    Jojo Rabbit
    Joker
    Piccole Donne
    C’era una volta a… Hollywood
  • COLONNA SONORA
    Joker
    Piccole Donne
    Storia di un Matrimonio
    1917
    Star Wars: L’Ascesa di Skywalker
  • CORTOMETRAGGIO ANIMATO
    Dcera (Daughter)
    Hair Love
    Kitbull
    Memorable
    Sister
  • CORTOMETRAGGIO LIVE ACTION
    Brotherhood
    Nefta Football Club
    The Neighbors’ Window
    Saria
    A Sister
  • MONTAGGIO AUDIO
    Ford v Ferrari
    Joker
    1917
    C’era una volta a… Hollywood
    Star Wars: L’Ascesa di Skywalker
  • SONORO
    Ad Astra
    Ford v Ferrari
    Joker
    1917
    C’era una volta a… Hollywood
  • ATTORE PROTAGONISTA
    Antonio Banderas (Dolor Y Gloria)
    Leonardo DiCaprio (C’era una volta a… Hollywood)
    Adam Driver (Storia di un Matrimonio)
    Joaquin Phoenix (Joker)
    Jonathan Pryce (I Due Papi)
  • ATTRICE PROTAGONISTA
    Cinthia Erivo (Harriet)
    Scarlett Johansson (Storia di un matrimonio)
    Saoirse Ronan (Piccole Donne)
    Charlize Theron (Bombshell)
    Renée Zellweger (Judy)
  • FILM D’ANIMAZIONE
    Dragon Trainer 3: il mondo nascosto
    I lost my body
    Klaus
    Missing Link
    Toy Story 4
  • FOTOGRAFIA
    The Irishman
    Joker
    The Lighthouse
    1917
    C’era una volta a… Hollywood
  • REGIA
    Martin Scorsese (The Irishman)
    Todd Phillips (Joker)
    Sam Mendes (1917)
    Quentin Tarantino (C’era una volta a… Hollywood)
    Bong Joon-ho (Parasite)
  • MONTAGGIO
    Ford v Ferrari
    The Irishman
    Jojo Rabbit
    Joker
    Parasite
  • LUNGOMETRAGGIO DOCUMENTARIO
    American Factory
    The Case
    The Edge of Democracy
    For Sama
    Honeyland
  • CORTOMETRAGGIO DOCUMENTARIO
    In the Absence
    Learning to Skateboard in a War Zone for a Girl
    Life overtakes me
    St Luis Superman
    Walk Run Cha-cha
  • FILM INTERNAZIONALE
    Corpus Christi (Poland)
    Honeyland (Nord Macedonia)
    I Miserabili (Francia)
    Dolor y Gloria (Spagna)
    Parasite (Corea del Sud)
  • TRUCCO E PARRUCCO
    Bombshell
    Joker
    Judy
    Maleficent: Signora del Male
    1917
  • FILM
    Ford v Ferrari
    The Irishman
    Jojo Rabbit
    Joker
    Piccole Donne
    Storia di un matrimonio
    1917
    C’era una volta a… Hollywood
    Parasite
  • EFFETTI VISIVI
    Avengers: Endgame
    The Irishman
    Il Re Leone
    1917
    Star Wars: L’Ascesa di Skywalker
  • SCENEGGIATURA ADATTATA
    The Irishman
    Jojo Rabbit
    Joker
    Piccole Donne
    I Due Papi
  • SCENEGGIATURA ORIGINALE
    Cena con Delitto – Knives Out
    Storia di un Matrimonio
    1917
    C’era una volta a… Hollywood
    Parasite
  • CANZONE ORIGINALE
    Toy Story 4
    Rocketman
    Breakthrough
    Frozen 2
    Harriet
  • SCENOGRAFIE
    The Irishman
    Jojo Rabbit
    1917
    C’era una volta a… Hollywood
    Parasite

Critics’ Choice Awards 2020: La lista dei vincitori

Sono stati assegnati stanotte i 25° Critics’ Choice Awards, i premi cinematografici assegnati dalla Broadcast Film Critics Association (BFCA).

A poche ore dall’annuncio delle nomination relative agli Oscars 2020, i celebri Critics’ Choice Awards hanno celebrato il cinema della scorsa edizione, e lo hanno fatto spingendo C’era una volta a… Hollywood in cima alla lista delle preferenze riguardo la categoria Miglior Film.

Per la categoria Miglior Regia ha portato a casa il premio Bong Joon-ho per il sorprendente Parasite, il premio in questo caso è stato condiviso con Sam Mendes per 1917. Gli attori che hanno trionfato nelle rispettive categorie attoriali sono Renée Zellweger, Joaquin Phoenix, Brad Pitt e Laura Dern.

La delusione più cocente è arrivata da The Irishman, protagonista con 14 nomination, ma “proprietario” di un solo premio, ovvero quello per il Miglior Cast d’insieme.

CRITICS’ CHOICE AWARDS 2020

  • MIGLIOR FILM

“1917”
“Ford v Ferrari”
“The Irishman”
“Jojo Rabbit”
“Joker”
“Little Women”
“Marriage Story”
“Once Upon a Time… in Hollywood”*
“Parasite”
“Uncut Gems”

  • MIGLIORE ATTORE

Antonio Banderas – “Pain and Glory”
Robert De Niro – “The Irishman”
Leonardo DiCaprio – “Once Upon a Time… in Hollywood”
Adam Driver – “Marriage Story”
Eddie Murphy – “Dolemite Is My Name”
Joaquin Phoenix – “Joker”*
Adam Sandler – “Uncut Gems”

  • MIGLIORE ATTRICE

Awkwafina – “The Farewell”
Cynthia Erivo – “Harriet”
Scarlett Johansson – “Marriage Story”
Lupita Nyong’o – “Us”
Saoirse Ronan – “Little Women”Charlize Theron – “Bombshell”
Renée Zellweger – “Judy”*

  • MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Willem Dafoe – “The Lighthouse”
Tom Hanks – “A Beautiful Day in the Neighborhood”
Anthony Hopkins – “The Two Popes”
Al Pacino – “The Irishman”
Joe Pesci – “The Irishman”
Brad Pitt – “Once Upon a Time… in Hollywood”*

  • MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA

Laura Dern – “Marriage Story”*
Scarlett Johansson – “Jojo Rabbit”
Jennifer Lopez – “Hustlers”
Florence Pugh – “Little Women”
Margot Robbie – “Bombshell”
Zhao Shuzhen  – “The Farewell”

  • MIGLIOR GIOVANE ATTORE / ATTRICE

Julia Butters – “Once Upon a Time… in Hollywood”
Roman Griffin Davis – “Jojo Rabbit”*
Noah Jupe – “Honey Boy”
Thomasin McKenzie – “Jojo Rabbit”
Shahadi Wright Joseph – “Us”
Archie Yates – “Jojo Rabbit”

  • MIGLIOR CAST D’INSIEME

“Bombshell”
“The Irishman”*
“Knives Out”
“Little Women”
“Marriage Story”
“Once Upon a Time… in Hollywood”
“Parasite”

  • MIGLIOR REGISTA

Noah Baumbach – “Marriage Story”
Greta Gerwig – “Little Women”
Bong Joon Ho – “Parasite”*
Sam Mendes – “1917”*
Josh Safdie and Benny Safdie – “Uncut Gems”
Martin Scorsese – “The Irishman”
Quentin Tarantino – “Once Upon a Time… in Hollywood”

  • MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE

Noah Baumbach – “Marriage Story”
Rian Johnson – “Knives Out”
Bong Joon Ho and Han Jin Won – “Parasite”
Quentin Tarantino – “Once Upon a Time… in Hollywood”*
Lulu Wang – “The Farewell”

  • MIGLIOR SCENEGGIATURA ADATTATA

Greta Gerwig – “Little Women”*
Noah Harpster and Micah Fitzerman-Blue – “A Beautiful Day in the Neighborhood”
Anthony McCarten – “The Two Popes”
Todd Phillips & Scott Silver – “Joker”
Taika Waititi – “Jojo Rabbit”
Steven Zaillian  – “The Irishman”

  • MIGLIOR FOTOGRAFIA

Jarin Blaschke – “The Lighthouse”
Roger Deakins – “1917”*
Phedon Papamichael   – “Ford v Ferrari”
Rodrigo Prieto – “The Irishman”
Robert Richardson – “Once Upon a Time… in Hollywood”
Lawrence Sher – “Joker”

  • MIGLIORI SCENOGRAFIE

Mark Friedberg, Kris Moran – “Joker”
Dennis Gassner, Lee Sandales  – “1917”
Jess Gonchor, Claire Kaufman – “Little Women”
Lee Ha Jun – “Parasite”
Barbara Ling, Nancy Haigh – “Once Upon a Time… in Hollywood”*
Bob Shaw, Regina Graves – “The Irishman”
Donal Woods, Gina Cromwell – “Downton Abbey”

  • MIGLIOR MONTAGGIO

Ronald Bronstein, Benny Safdie – “Uncut Gems”
Andrew Buckland, Michael McCusker – “Ford v Ferrari”
Yang Jinmo  – “Parasite”
Fred Raskin – “Once Upon a Time… in Hollywood”
Thelma Schoonmaker – “The Irishman”
Lee Smith – “1917”*

  • MIGLIORI COSTUMI

Ruth E. Carter – “Dolemite Is My Name”
Julian Day – “Rocketman”
Jacqueline Durran – “Little Women”
Arianne Phillips – “Once Upon a Time… in Hollywood”
Sandy Powell, Christopher Peterson – “The Irishman”
Anna Robbins – “Downton Abbey”

MIGLIOR TRUCCO E PARRUCCO

“Bombshell”*
“Dolemite Is My Name”
“The Irishman”
“Joker”
“Judy”
“Once Upon a Time… in Hollywood”
“Rocketman”

MIGLIORI EFFETTI VISIVI

“1917”
“Ad Astra”
“The Aeronauts”
“Avengers: Endgame”*
“Ford v Ferrari”
“The Irishman”
“The Lion King”

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE

“Abominable”
“Frozen II”
“How to Train Your Dragon: The Hidden World”
“I Lost My Body”
“Missing Link”
“Toy Story 4”*

  • MIGLIOR FILM D’AZIONE

“1917”
“Avengers: Endgame”*
“Ford v Ferrari”
“John Wick: Chapter 3 – Parabellum”
“Spider-Man: Far From Home”

  • MIGLIOR COMMEDIA

“Booksmart”
“Dolemite Is My Name”*
“The Farewell”
“Jojo Rabbit”
“Knives Out”

  • MIGLIOR FILM FANTASCIENTIFICO O HORROR

“Ad Astra”
“Avengers: Endgame”
“Midsommar”
“Us”*

  • MIGLIOR FILM STRANIERO

“Atlantics”
“Les Misérables”
“Pain and Glory”
“Parasite”*
“Portrait of a Lady on Fire”

  • MIGLIOR CANZONE

“Glasgow” (No Place Like Home) – “Wild Rose”* (TIE)
“(I’m Gonna) Love Me Again” – “Rocketman”* (TIE)
“I’m Standing With You” – “Breakthrough”
“Into the Unknown” – “Frozen II”
“Speechless” – “Aladdin”
“Spirit” – “The Lion King”
“Stand Up” – “Harriet”

  • MIGLIOR COLONNA SONORA

Michael Abels – “Us”
Alexandre Desplat   – “Little Women”
Hildur Guðnadóttir – “Joker”*
Randy Newman – “Marriage Story”
Thomas Newman  – “1917”
Robbie Robertson – “The Irishman”

BAFTA 2020 – Dominio assoluto di Joker con 11 nomination

Il Leone d’oro a Venezia è stato solo l’inizio: la stagione dei premi continua sotto i migliori auspici per Joker, il film di Todd Phillips che ha dominato le nomination ai BAFTA 2020 con ben 11 candidature.

Tra le nomination ottenute dal film con Joachin Phoenix, oltre a quella – ovviamente – come miglior attore, anche quelle come miglior film, regia e sceneggiatura non originale.

Seguono, a pari merito con 10 nomination, C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino e The Irishman di Martin Scorsese, il grande snobbato ai Golden Globes; che i BAFTA diano invece qualche chances al film prodotto da Netflix?

Bene anche 1917, il war movie di Sam Mendes che ha trionfato ai Golden Globes che ha ottenuto 9 candidature.

Doppia soddisfazione per Parasite di Bong John-ho che ha ottenuto la nomination per il miglior film e quella per il miglior film straniero.

Ecco di seguito l’elenco con tutte le nomination ai BAFTA Awards 2020:

MIGLIOR FILM
1917 
THE IRISHMAN 
JOKER 
ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD 
PARASITE 

MIGLIOR REGISTA
1917 – Sam Mendes
THE IRISHMAN – Martin Scorsese
JOKER – Todd Phillips
ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD – Quentin Tarantino
PARASITE – Bong Joon-ho

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
BOOKSMART 
KNIVES OUT 
MARRIAGE STORY 
ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD 
PARASITE 

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE
THE IRISHMAN 
JOJO RABBIT 
JOKER 
LITTLE WOMEN 
THE TWO POPES 

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA
JESSIE BUCKLEY – Wild Rose
SCARLETT JOHANSSON – Marriage Story
SAOIRSE RONAN – Little Women
CHARLIZE THERON – Bombshell
RENÉE ZELLWEGER – Judy

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA
LEONARDO DICAPRIO – Once Upon a Time… In Hollywood
ADAM DRIVER – Marriage Story
TARON EGERTON – Rocketman
JOAQUIN PHOENIX – Joker
JONATHAN PRYCE – The Two Popes

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
LAURA DERN – Marriage Story
SCARLETT JOHANSSON – Jojo Rabbit
FLORENCE PUGH – Little Women
MARGOT ROBBIE – Bombshell
MARGOT ROBBIE – Once Upon a Time… in Hollywood

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
TOM HANKS – A Beautiful Day in the Neighborhood
ANTHONY HOPKINS – The Two Popes
AL PACINO – The Irishman
JOE PESCI – The Irishman
BRAD PITT – Once Upon a Time… in Hollywood

MIGLIORE COLONNA SONORA ORIGINALE
1917 
JOJO RABBIT 
JOKER 
LITTLE WOMEN 
STAR WARS: THE RISE OF SKYWALKER 

MIGLIOR FILM BRITANNICO
1917 
BAIT
FOR SAMA
ROCKETMAN 
SORRY WE MISSED YOU 
THE TWO POPES 

MIGLIOR DEBUTTO DI UN REGISTA, PRODUTTORE O SCENEGGIATORE BRITANNICO
BAIT 
FOR SAMA 
MAIDEN 
ONLY YOU 
RETABLO 

MIGLIOR FILM STRANIERO
THE FAREWELL 
FOR SAMA 
PAIN AND GLORY 
PARASITE 
PORTRAIT OF A LADY ON FIRE 

MIGLIOR DOCUMENTARIO
AMERICAN FACTORY 
APOLLO 11 
DIEGO MARADONA 
FOR SAMA 
THE GREAT HACK 

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
FROZEN 2 
KLAUS 
A SHAUN THE SHEEP MOVIE: FARMAGEDDON 
TOY STORY 4 

MIGLIOR CASTING
JOKER 
MARRIAGE STORY 
ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD
THE PERSONAL HISTORY OF DAVID COPPERFIELD
THE TWO POPES 

MIGLIOR FOTOGRAFIA
1917 
THE IRISHMAN
JOKER 
LE MANS ’66 
THE LIGHTHOUSE

MIGLIOR MONTAGGIO
THE IRISHMAN 
JOJO RABBIT 
JOKER 
LE MANS ’66
ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD 

MIGLIOR SCENOGRAFIA
1917 
THE IRISHMAN 
JOJO RABBIT 
JOKER 
ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD 

MIGLIORI COSTUMI
THE IRISHMAN 
JOJO RABBIT 
JUDY 
LITTLE WOMEN 
ONCE UPON A TIME… IN HOLLYWOOD 

MIGLIOR TRUCCO E ACCONCIATURE
1917 
BOMBSHELL 
JOKER 
JUDY
ROCKETMAN 

MIGLIOR SONORO
1917 
JOKER 
LE MANS ’66 
ROCKETMAN
STAR WARS: THE RISE OF SKYWALKER 

MIGLIOR EFFETTI VISIVI
1917 
AVENGERS: ENDGAME 
THE IRISHMAN
THE LION KING 
STAR WARS: THE RISE OF SKYWALKER 

STAR EMERGENTE
AWKWAFINA
KAITLYN DEVER
KELVIN HARRISON JR.
JACK LOWDEN
MICHEAL WARD

Golden Globes 2020 – Tarantino e 1917 dominano i premi

Nella notte sono stati assegnati i Golden Globes 2020 che hanno visto trionfare C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino e il war movie 1917 diretto da Sam Mendes.

Il film di Tarantino si è aggiudicato, tra gli altri, il premio come miglior film commedia o musical e il premio per la sceneggiatura, mentre il film di Sam Mendes – vincitore del Golden Globe come miglior regista – ha trionfato nella categoria miglior film drammatico.

Come da previsione, Joaquin Phoenix ha vinto il Golden Globe come miglior attore per Joker, aprendosi definitivamente le porte per l’Oscar, mentre la controparte femminile se l’è aggiudicata Renée Zellweger per la sua interpretazione nel biopic Judy incentrato su Judy Garland.

Il coreano Parasite di Bong Joon-ho, già trionfatore a Cannes, ha vinto il premio come miglior film straniero, e anche per lui l’Oscar è ormai solo una formalità.

Ecco l’elenco completo dei vincitori dei Golden Globe 2020:

  • Miglior Film – Drama: 1917
  • Miglior Attrice – Drama: Renee Zellweger, Judy
  • Miglior Attore – Drama: Joaquin Phoenix, Joker 
  • Miglior Film – Musical o Commedia: C’era una volta a… Hollywood 
  • Miglior attrice – Musical o Commedia: Awkwafina, The Farewell 
  • Miglior attore – Musical o Commedia: Taron Egerton, Rocketman 
  • Miglior attore non protagonista: Brad Pitt, C’era una volta a… Hollywood 
  • Miglior colonna sonora: Joker 
  • Miglior Limited Series / TV Movie: Chernobyl 
  • Miglior Performance di un’attrice in Limited Series / TV Movie: Michelle Williams, Fosse/Verdon 
  • Miglior Regista: Sam Mendes, 1917 
  • Miglior Attrice TV Series – Drama: Olivia Colman, The Crown 
  • Miglior Performance di un’attrice non protagonista in una Limited Series / TV Movie: Patricia Arquette, The Act 
  • Miglior Canzone Originale: I’m Gonna Love Me Again – Rocketman 
  • Miglior Serie Tv – Comedy: Fleabag 
  • Miglior Attrice non protagonista: Laura Dern, Storia di un matrimonio 
  • Miglior Film d’Animazione: Missing Link 
  • Miglior Sceneggiatura: C’era una volta a… Hollywood
  • Miglior Attore Serie Tv – Drama: Best Actor TV Series – Drama: Brian Cox, Succession 
  • Miglior Film Straniero: Parasite 
  • Miglior Attrice Serie Tv – Comedy: Phoebe Waller-Bridge, Fleabag 
  • Miglior Serie Tv – Drama: Succession 
  • Miglior Performance di un attore non protagonista in una Limited Series / TV Movie: Stellan Skarsgard, Chernobyl 
  • Miglior Performance di un attore in una Limited Series / TV Movie: Russell Crowe, The Loudest Voice 
  • Miglior Attore Serie Tv – Comedy: Ramy Yousef, Ramy

La versione estesa di C’era una volta a… Hollywood potrebbe uscire tra un anno

Che a Quentin Tarantino piaccia rimettere le mani ai suoi film è cosa risaputa, tant’è che tra un anno potrebbe arrivare la versione estesa di C’era una volta a… Hollywood, il suo nono film presentato all’ultimo festival di Cannes.

A rivelarlo è stato lo stesso Tarantino dopo la proiezione del film organizzata dal sito Collider all’ArcLight Cinema a Los Angeles. Durante il Q&A che ha avuto luogo a proiezione finita, a cui erano presenti anche Leonardo DiCaprio e Brad Pitt, Tarantino ha avuto modo di parlare riguardo alla versione estesa del film dopo che Pitt gli ha chiesto se il materiale scartato in sede di montaggio vedrà mai la luce, il regista ha così risposto:

Molto probabilmente quando avremo finito con tutto questo, tra un anno o giù di lì.

Tarantino, come detto sopra, non è nuovo alle versioni estese dei suoi film: una versione con scene aggiunte di The Hateful Eight concepita come miniserieè presente nel catalogo statunitense di Netflix , mentre a breve potrebbe approdare anche una versione più lunga di Django Unchained.

Per quanto riguarda C’era una volta a… Hollywood, che nella versione attuale dura 161 minuti, alcune scene erano già state aggiunte subito dopo la presentazione a Cannes… e chissà quante altre ce ne saranno per portare la durata oltre le tre ore.

Parasite domina i premi della Chicago Film Critics Association

Nella notte sono stati assegnati i premi della Chicago Film Critics Association, e la sorpresa maggiore arriva dalla nuova affermazione di Parasite, il film di Bong Joon-Ho.

Con la vittoria del premio principale (Miglior Film), Parasite ha portato a casa anche Miglior Regista, Miglior Sceneggiatura e Miglior Film Straniero, per un totale di quattro affermazioni. Per la sorprendente pellicola del regista coreano si preannuncia un cammino trionfale verso gli Oscar 2020.

Quattro premi sono andati anche alla nuova versione cinematografica di Piccole Donne, versione come noto diretta da Greta Gerwig. A premi è andato anche C’era una volta a… Hollywood, ma qui le affermazioni sono state solo due.

I Premi

MIGLIOR FILM
Parasite

MIGLIOR REGISTA
Bong Joon Ho, Parasite

MIGLIORE ATTORE
Adam Driver, Marriage Story

MIGLIORE ATTRICE
Lupita Nyong’o, Us

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA
Brad Pitt, Once Upon a Time…in Hollywood

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
Florence Pugh, Little Women

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE
Parasite by Bong Joon Ho and Han Jin Won

MIGLIOR SCENEGGIATURA ADATTATA
Little Women by Greta Gerwig

MIGLIOR FILM STRANIERO
Parasite

MIGLIOR DOCUMENTARION
Apollo 11

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE
Toy Story 4

MIGLIOR FOTOGRAFIA
Roger Deakins, 1917

MIGLIOR MONTAGGIO
Thelma Schoonmaker, The Irishman

MIGLIORI SCENOGRAFIE
Once Upon a Time…in Hollywood

MIGLIORI COSTUMI
Little Women

MIGLIOR COLONNA SONORA
Alexandre Desplat, Little Women

MIGLIORI EFFETTI VISIVI
Ad Astra

MIGLIOR PROMESSA
Aisling Franciosi, The Nightingale

MILOS STEHLIK AWARD
Lulu Wang, The Farewell