Archivi tag: Box Office Usa

Box Office Usa: Old vince il weekend, Snake Eyes delude

Nell’ultimo weekend di cinema nel Nord America il calo degli incassi fa più notizia rispetto alla vittoria del Box Office Usa ad opera di Old, l’horror di M. Night Shyamalan.

Ebbene si, dopo alcune settimane positivo che hanno spinto il mercato nordamericano verso risultati importanti è tempo di fare i conti con i soliti cali dovuti al caldo estivo. Solo 68 milioni di dollari incassati nel weekend rappresentano difatti un calo non di poco conto. Nonostante tutto, va ricordato che il Box Office Usa, così come tutti i mercati internazionali, viaggiano ancora con la pesante zavorra dovuta alle conseguenze della grave pandemia da Covid-19, pertanto parlare di disfatta è assolutamente fuori luogo.

Cali di mercato a parte, è risultato Old il film campione del weekend: l’horror di M. Night Shyamalan ha raccolto 16.5 milioni di dollari su 3.355 schermi a disposizione. Il risultato è comunque da considerare positivo visto il valore del budget che non raggiunge neppure i 20 milioni di dollari.

Se vogliamo parlare di delusione, allora in quel caso va citato il secondo posto di Snake Eyes: G.I. Joe Le Origini, il film che avrebbe dovuto far rinascere la nota saga, infatti, non è andato più in là di un incasso al secondo di 13.35 milioni di dollari. Snake Eyes è stato inoltre distrutto dalla critica internazionale, e detiene a questo punto il triste titolo di flop dell’estate 2021, e questo visto il budget colossale da 150 milioni di dollari.

In terza posizione Black Widow ha raccolto altri 11.6 milioni di dollari, ed ora viaggia a quota 154.8 milioni. Nel resto del mondo il film Marvel ha incassato altri 14.5 milioni, ed ora vanta un incasso di 314 milioni di dollari in tutto il mondo. Space Jam: New Legends è affondato in quarta posizione dopo aver vinto lo scorso Box Office Usa, il fantasy movie ha infatti perso il 69% degli incassi portandone a casa nel weekend solo 9.56 milioni di dollari, per un totale di 51.36 milioni. La quinta piazza è andata infine a Fast and Furious 9 con un incasso di 4.7 milioni di dollari, ed un totale di 163.39 milioni.


Box Office Usa: trionfo nel weekend per Space Jam 2

Space Jam 2 ha trionfato nel weekend nordamericano all’esordio, il fantasy per famiglie ha infatti incassato oltre 31 milioni nel Box Office Usa.

Nonostante le crescenti preoccupazioni per la variante Delta del Covid-19, le recensioni pressochè negative e l’esordio in contemporanea su HBO Max, il film fantasy per famiglie Space Jam: New Legends è riuscito nell’obiettivo della Warner Bros di vincere il botteghino nordamericano, ma soprattutto farlo con un ottimo incasso. Nel corso dei tre giorni del weekend d’apertura, infatti, il nuovo sequel di Space Jam si è portato a casa un bottino di 31.65 milioni di dollari, con una media per sala molto vicina agli 8 mila dollari (le sale a disposizione tra le tante limitazioni erano quasi 4 mila).

Prima dell’esordio in sala, gli analisti avevano fissato a 20 milioni circa la performance di Space Jam: New Legends, ma evidentemente il pubblico nordamericano ha risposto molto positivamente alla “chiamata alle armi” di LeBron James e company. Nel resto del mondo il film ha portato a casa altri 23 milioni per un totale Worldwide di 54.7 milioni.

Black Widow si è dovuto accontentare del secondo posto dopo aver dominato settimana scorsa il Box Office Usa. Il film Marvel ha raccolto altri 26.25 milioni di dollari (calo -67%), per un totale in dieci giorni di 132.01 milioni. Con gli incassi internazionali del weekend, e quelli legati Disney+, invece, Black Widow ha già raggiunto e superato la quota dei 300 milioni, ed ora viaggia a 324 milioni di dollari.

Nel weekend ha esordito in sala anche Escape Room 2: Gioco Mortale, il cui incasso è stato 8.8 milioni di dollari. Al quarto posto è andato Fast and Furious 9 con 7.62 milioni di dollari, ed un totale di 154.82 milioni. Con gli incassi internazionali il nono capitolo della celebre saga action è salito a quota 591.27 milioni. La quinta posizione, infine, è andata a Baby Boss 2: Affari di Famiglia con 4.72 milioni di dollari, ed un totale di 44.64 milioni.


Box Office Usa: weekend d’esordio da quasi 80 milioni per Black Widow

Il cinecomic Black Widow ha conquistato il pubblico americano come da previsione, e l’incasso nel Box Office Usa nel weekend d’esordio è risultato subito da record.

Seguendo le ottime premesse dei giorni scorsi, Black Widow ha centrato l’obiettivo del record d’incassi nel periodo “post-pandemico”, e lo ha fatto incassando la bellezza di 78 milioni di dollari, ben 8 milioni in più rispetto al precedente record fatto segnare da Fast and Furious 9. Tale incasso si somma agli incassi internazionali ed a quelli relativi al lancio su Disney+ (attraverso Accesso VIP) per un totale spaventoso da 215 milioni di dollari, nessun film prima d’ora era riuscito a spingersi così in alto dallo scoppio della Pandemia da Covid-19.

Secondo il The Hollywood Reporter il film Marvel ha totalizzato 60 milioni di dollari dalle vendite su Disney+, un risultato che senza dubbio ha premiato la scelta di Walt Disney Company di farlo esordire in contemporanea tra Cinema e Disney+, e che potrebbe spingere altre società a dare seguito a questa pratica. A tal proposito, va ricordato che la Warner Bros ha sì fatto esordire i suoi film tra Cinema e HBO Max, ma con la differenza che i clienti del nuovo servizio digitale non hanno dovuto spendere soldi oltre che il solito abbonamento mensile.

Successo Black Widow a parte, il Box Office Usa ha premiato nel weekend anche Fast and Furious 9, il cui nuovo incasso è valso altri 10.88 milioni di dollari, per un totale importante da 141.33 milioni in soli tre weekend di programmazione. In terza posizione si è posizionato, invece, Baby Boss 2: Affari di Famiglia con un incasso di 8.7 milioni di dollari, ed un totale in due weekend di 34.7 milioni.

La quarta posizione del botteghino nordamericano è andata a La Notte del Giudizio per Sempre, l’incasso per l’horror della Universal Pictures è stato 6.71 milioni di dollari, per un totale di 27.45 milioni. La top five è stata completata inoltre da A Quiet Place 2, l’incasso in questo caso è stato di 3 milioni di dollari, con un totale di 150.69 milioni.


Box Office Usa: primo giorno da 40 milioni per Black Widow

Il cinecomic Black Widow ha infranto un nuovo record nell’era “post-pandemica“, il secondo consecutivo per quanto riguarda il Box Office Usa.

Dopo aver raccolto il miglior incasso relativo alle anteprime del giovedì (qui i dettagli), Black Widow ha totalizzato venerdì la bellezza di 39.5 milioni di dollari (anteprime ovviamente incluse) nelle 4160 sale del Nord America in cui è stato proiettato. Come anticipato in precedenza, il risultato ottenuto ieri dal cinecomic Marvel è assolutamente straordinario vista la situazione attuale negli Usa (molte sale ancora rimangono frenate da capienze limitate, mentre in Canada ancora ci sono chiusure in alcune zone), ed ora l’obiettivo sembra essere il terzo record consecutivo nel Box Office Usa, ovvero quello relativo al miglior weekend d’esordio dell’era “post-pandemica”.

Dati alla mano, Black Widow ora potrebbe raccogliere entro domenica una cifra stimata di poco sotto i 90 milioni di dollari, ben oltre i 70 milioni di Fast and Furious 9, e quasi vicina ai 92.5 milioni di Spider-Man: Far From Home, ultimo cinecomic Marvel ad aver esordito prima dello scoppio della pandemia.

BLACK WIDOW

PRODUZIONE: Le riprese si sono tenute nel Regno Unito, in Croazia, a Miami (Florida) e in Italia. L’unico dettaglio riguardo la trama è la collocazione temporale, ossia appena dopo gli eventi ammirati in Captain America: Civil War. Il film è stato diretto da Cate Shortland. La sceneggiatura è stata affidata a Jac Schaeffer, e riscritta da Ned Benson. CAST: Scarlett JohanssonScarlett Johansson, David Harbour, Florence Pugh, O-T Fagbenle, e Rachel Weisz, Ray Winstone. DISTRIBUZIONE: L’uscita è fissata per il 9 luglio 2021, con distribuzione ibrida tra Cinema e Disney+ (accesso Vip). In Italia approderà nelle sale il 7 luglio e solo due giorni dopo su Disney+ con Accesso Vip.

TRAMA: Dopo lo straordinario successo di Avengers: Endgame, diventato il maggiore incasso mondiale di sempre, Scarlett Johansson riprende il suo ruolo di Natasha Romanoff/Black Widow, mentre David Harbour veste i panni di Alexi il Guardiano Rosso e Florence Pugh interpreta Yelena.


Box Office Usa: anteprime da oltre 13 milioni per Black Widow

Il cinecomic Marvel StudiosBlack Widow” è pronto ad infrangere un nuovo record “post-pandemico” nell’oramai risvegliato Box Office Usa.

Poco fa il The Hollywood Reporter ha riferito che le anteprime di Black Widow negli Usa hanno fruttato un primo incasso da 13.2 milioni di dollari, una cifra assolutamente in linea con quelle degli ultimi cinecomic Marvel usciti prima della pandemia da Covid-19: giusto per citarne alcuni, Spider-Man: Homecoming (15,4 milioni), Thor: Ragnorok (14,5 milioni), Ant-Man and the Wasp (11,5 milioni), Venom (10 milioni).

Dati alla mano, gli analisti credono che Black Widow potrebbe ora sfruttare le 4100 sale a disposizione, tra cui schermi IMAX e Premium, per infrangere un nuovo record in questa triste “era post-pandemica”. L’incasso stimato nel Box Office Usa per il weekend d’esordio, a queste cifre, potrebbe valere una cifra stimata tra i 90 ed i 100 milioni di dollari, ben oltre i 70 milioni incassati due weekend fa da Fast and Furious 9, attuale record-movie di questo periodo.

Il cinecomic Marvel ha anche esordito in 30 mercati internazionali, Italia incluso, strappando 22.4 milioni in soli due giorni. Non resta che attendere nuovi aggiornamenti.

BLACK WIDOW

PRODUZIONE: Le riprese si sono tenute nel Regno Unito, in Croazia, a Miami (Florida) e in Italia. L’unico dettaglio riguardo la trama è la collocazione temporale, ossia appena dopo gli eventi ammirati in Captain America: Civil War. Il film è stato diretto da Cate Shortland. La sceneggiatura è stata affidata a Jac Schaeffer, e riscritta da Ned Benson. CAST: Scarlett JohanssonScarlett Johansson, David Harbour, Florence Pugh, O-T Fagbenle, e Rachel Weisz, Ray Winstone. DISTRIBUZIONE: L’uscita è fissata per il 9 luglio 2021, con distribuzione ibrida tra Cinema e Disney+ (accesso Vip). In Italia approderà nelle sale il 7 luglio e solo due giorni dopo su Disney+ con Accesso Vip.

TRAMA: Dopo lo straordinario successo di Avengers: Endgame, diventato il maggiore incasso mondiale di sempre, Scarlett Johansson riprende il suo ruolo di Natasha Romanoff/Black Widow, mentre David Harbour veste i panni di Alexi il Guardiano Rosso e Florence Pugh interpreta Yelena.


Box Office Usa: Il weekend del 4 luglio va a Fast and Furious 9

Fast and Furious 9 – The Fast Saga ha vinto il suo secondo weekend di programmazione nel Nord America, ed ora viaggia sopra la quota dei 100 milioni di dollari nel Box Office Usa.

Nel weekend che celebra la Festa dell’indipendenza (durerà ben 4 giorni con il festivo di lunedì), gli americani hanno scelto di tornare di buon grado a riempire le sale cinematografiche, con la Universal Pictures protagonista con tre film sul podio del Box Office Usa.

In attesa di scoprire i dati ufficiale del lungo weekend dell’Indipendenza, arriveranno nella giornata di domani, è stato ancora Fast and Furious 9 il dominatore del botteghino. Per il nono capitolo della famosa saga action, infatti, il weekend classico è valso un incasso da 24 milioni di dollari (-65,7%), con una stima in quattro giorni di 32 milioni. Senza prendere in considerazione le stime per la giornata festiva di domani, F9 ha già totalizzato 117.1 milioni di dollari divenendo così il film più veloce a raccogliere la quota dei 100 milioni dallo scoppio della pandemia da Covid-19. A livello globale il film della Universal ha conquistato la cifra di 500.3 milioni di dollari, ed anche in questo caso si tratta di un traguardo storico, ossia quello del film col maggiore incassi dallo scoppio della pandemia.

Baby Boss 2 – Affari di famiglia ha esordito nel weekend al secondo posto, e lo ha fatto con 17.3 milioni di dollari in tre giorni e 23 milioni stimati col festivo di domani. Dati alla mano si tratta di un risultato al di sotto delle previsioni degli analisti, ma anche molto sotto gli incassi del primo capitolo, il quale esordì nel 2017 con ben 50 milioni di dollari. A tal proposito, la Universal è certa che il film avrà una buona tenuta nel corso delle prossime settimane.

La notte del giudizio per sempre ha ottenuto il terzo posto del Box Office Usa: il quarto capitolo della celeberrima saga horror ha esordito nel weekend con 12.75 milioni di dollari con un potenziale da 16 milioni col festivo di domani. Il resto della top five ha visto ancora A Quiet Place 2 con una buona tenuta a quota 4.22 milioni di dollari (totale 144.43 milioni) e The Hitman’s Wife’s Bodyguard al quinto posto con 3 milioni di dollari, ed un totale di 31.37 milioni.

Nel prossimo weekend sarà la volta dell’attesissimo Black Widow, il film dividerà l’esordio tra sale cinematografiche e piattaforma digitale Disney+.


Box Office Usa: 70 milioni nel weekend d’esordio per Fast and Furious 9

Gli esercenti nordamericani hanno finalmente piazzato un colpo ferale ai servizi digitali: Fast and Furious 9 ha confermato le aspettative degli analisti, e vinto con 70 milioni il Box Office Usa.

La pandemia ha lasciato cicatrici profonde in tutti i settori commerciali, con i cinema costretti addirittura alla chiusura totale per mesi. Le sale cinematografiche, ad ogni modo, a piccoli passi stanno tornando a macinare soddisfazioni… ed ovviamente dollari. Risultati come quelli registrati da Fast and Furious 9 non possono che confermare la grande voglia di rinascita di un settore piegato dalla crisi. In attesa del prossimo test, che avverrà con Black Widow il 7 luglio, questo weekend sarà ricordato come il primo vero passo verso la piena normalità.

Poche ore fa il The Hollywood Reporter ha confermato che Fast and Furious 9 ha raccolto 70 milioni di dollari nel suo weekend d’esordio, il più alto incasso dall’inizio della pandemia, ma anche più alto in assoluto dall’uscita in sala di Star Wars: L’ascesa di Skywalker nel dicembre 2019. Come già anticipato nel nostro precedente aggiornamento sul Box Office Usa, le sale a disposizione del kolossal della Universal Pictures sono state circa 4179 (il numero più alto dall’inizio della pandemia), di cui alcune con un numero ridotto di spettatori, e questo sottolinea la bontà del risultato “da record” ottenuto da Toretto e company. Oltreoceano Fast and Furious 9 ha aperto anche in altri 22 mercati internazionali, ed ora vanta un bottino da 334,85 milioni di dollari e un incasso globale di 404,85 milioni di dollari.

In trend di incassi è chiaramente rivolto verso l’alto, basti pensare che la vittoria da 70 milioni ottenuta da Fast and Furious 9 segue quelle precedenti ottenute da Godzilla vs Kong e A Quiet Place 2. Ci vorrà ancora del tempo per tornare alla piena normalità, ma se questi sono i primi segnali, allora la strada intrapresa è quella giusta.

Fast 9 a parte, il Box Office Usa ha fatto registrare il secondo posto di A Quiet Place 2 con 6.2 milioni di dollari (totale 136.39 milioni), ed il terzo posto dell’action-movie The Hitman’s Wife’s Bodyguard con 4.88 milioni di dollari incassati nel suo secondo weekend (totale 25.87 milioni).


Box Office Usa: Fast and Furious 9 vola di venerdì con 30 milioni

Dall’esordio nordamericano di Fast and Furious 9 ci si aspettavano numeri importanti, ed in effetti l’ultimo Box Office Usa di giugno regalerà soddisfazioni.

Nel primo giorno di programmazione (anteprime incluse), il nono capitolo della saga Fast and Furious ha incassato la bellezza di 30 milioni di dollari. Le sale messe a disposizione per il film Universal Pictures sono state 4179 (il numero più alto dall’inizio della pandemia), di cui alcune con un numero ridotto di spettatori. Secondo gli analisti, a questo punto, le aspettative per il weekend d’esordio di Fast and Furious 9 si attendono cifre ben oltre i 70 milioni di dollari.

Se le previsioni fossero mantenute, Fast and Furious 9 diventerebbe il film col più alto incasso dell’era pandemica, ma anche il record movie da Star Wars: L’Ascesa di Skywalker a dicembre del 2019. Non resta che attendere nuovi aggiornamenti in merito.

FAST AND FURIOUS 9

PRODUZIONE: Il film è stato diretto da Justin Lin, con una sceneggiatura stata firmata da Daniel Casey. E’ stato prodotto invece da Neal H. Moritz, Vin Diesel, Jeff Kirschenbaum, Joe Roth, Justin Lin, Clayton Townsend e Samantha Vincent. CAST: Michelle Rodriguez, Tyrese Gibson, Chris “Ludacris” Bridges, Jordana Brewster, Nathalie Emmanuel e Sung Kang, al fianco delle attrici premiate con l’ Oscar® Helen Mirren e Charlize Theron. Fanno parte del cast di Fast & Furious 9 anche la superstar premio Grammy, Cardi B, nei panni del nuovo personaggio del franchise Leysa, una donna legata al passato di Dom, e il re del Reggaeton, Ozuna, in un ruolo cameo. USCITA: Nelle sale Usa dal 25 giugno 2021. In Italia dal 18 agosto 2021.

TRAMA: Il Dom Toretto di Vin Diesel sta conducendo una vita tranquilla fuori dal giro, con Letty e suo figlio, il piccolo Brian, ma sanno che il pericolo è sempre in agguato al di là del loro pacifico orizzonte. Questa volta, una nuova minaccia costringerà Dom a confrontarsi con i peccati del suo passato, se vuole salvare coloro che più ama. La sua squadra si riunisce nuovamente per fermare un complotto a risonanza mondiale guidato dal più abile assassino e pilota ad alte prestazioni che abbiano mai incontrato: il fratello rinnegato di Dom, Jakob (John Cena, l’imminente The Suicide Squad).


Box Office Usa: incassi da brividi per le anteprime di Fast and Furious 9

Nella giornata di ieri Fast and Furious 9 – The Fast Saga ha esordito con cifre importanti nelle sale Usa, ora le previsioni sembrano anticipare un esordio nel Box Office Usa da record.

Proiettato in circa 3100 sale del Nord America, il nono capitolo dell’adrenalinica saga ha portato nelle casse della Universal Pictures una cifra stimata di 7.1 milioni di dollari. Dalla giornata di domani (il primo giorno del weekend canonico) la distribuzione prevederà un’espansione a 4179 sale, la più ampia dall’inizio della pandemia.

Dati alla mano, gli analisti prevedono un esordio per Fast and Furious 9 – The Fast Saga da circa 60 milioni di euro, un risultato superiore a quello fatto registrare da A Quiet Place 2 (57 milioni nei quattro giorni della festa del Memorial Day), ad oggi il “record-movie” del post-Pandemia, ed in linea con quello ottenuto anni prima dallo spin-off Hobbs and Shaw. Non resta che attendere la risposta del pubblico americano nei prossimi giorni.

Ad oggi Fast and Furious 9 – The Fast Saga ha già incassato 292 milioni di dollari dai mercati internazionali in cui ha esordito fino ad oggi, mercato cinese incluso. In Italia il film esordirà il 18 agosto.

FAST AND FURIOUS 9

PRODUZIONE: Il film è stato diretto da Justin Lin, con una sceneggiatura stata firmata da Daniel Casey. E’ stato prodotto invece da Neal H. Moritz, Vin Diesel, Jeff Kirschenbaum, Joe Roth, Justin Lin, Clayton Townsend e Samantha Vincent. CAST: Michelle Rodriguez, Tyrese Gibson, Chris “Ludacris” Bridges, Jordana Brewster, Nathalie Emmanuel e Sung Kang, al fianco delle attrici premiate con l’ Oscar® Helen Mirren e Charlize Theron. Fanno parte del cast di Fast & Furious 9 anche la superstar premio Grammy, Cardi B, nei panni del nuovo personaggio del franchise Leysa, una donna legata al passato di Dom, e il re del Reggaeton, Ozuna, in un ruolo cameo. USCITA: Nelle sale Usa dal 25 giugno 2021. In Italia dal 18 agosto 2021.

TRAMA: Il Dom Toretto di Vin Diesel sta conducendo una vita tranquilla fuori dal giro, con Letty e suo figlio, il piccolo Brian, ma sanno che il pericolo è sempre in agguato al di là del loro pacifico orizzonte. Questa volta, una nuova minaccia costringerà Dom a confrontarsi con i peccati del suo passato, se vuole salvare coloro che più ama. La sua squadra si riunisce nuovamente per fermare un complotto a risonanza mondiale guidato dal più abile assassino e pilota ad alte prestazioni che abbiano mai incontrato: il fratello rinnegato di Dom, Jakob (John Cena, l’imminente The Suicide Squad).


Box Office Usa: incassi ancora in calo, vince il weekend The Hitman’s Wife’s Bodyguard

Gli incassi complessivi del Box Office Usa continuano a calare, e neppure la commedia d’azione The Hitman’s Wife’s Bodyguard riesce a risollevare la situazione.

Come da previsione, la situazione incassi nel mercato nordamericano non ha subito enormi scossoni, anzi il segno continua ad essere negativo nonostante l’approdo in sala di film capaci di catalizzare l’attenzione come The Hitman’s Wife’s Bodyguard. Dati alla mano, infatti, l’incasso complessivo registrato nel weekend è stato 45.12 milioni di dollari, mentre erano 55.56 milioni (già in calo rispetto al weekend ancora precedente) quelli intascati dal mercato appena sette giorni prima. L’impressione, a questo punto, è che il pubblico americano attenda i classici blockbusters estivi (Black Widow su tutti) per tornare in sala in massa.

Statistiche in calo a parte, il Box Office Usa ha comunque visto un film incassare più degli altri, stiamo parlando di quel The Hitman’s Wife’s Bodyguard atteso prima della pandemia nel 2020, ma poi spinto in sala solo ora. L’incasso registrato nel weekend dall’action comedy è stato 11.67 milioni di dollari, che diventano 17.02 milioni prendendo in considerazione le anteprime e le uscite del giovedì. Lo score non è comunque fallimentare, e questo perchè le previsioni degli analisti puntavano su un esordio da 20 milioni comprese le anteprime, ma anche perchè la critica aveva già bocciato il film.

Chi, invece, ha continuato a regalare gioie e sorrisi è senza dubbio A Quiet Place 2 (la recensione). Il film diretto da John Krasinski ha raccolto nel weekend altri 9.4 milioni di dollari, ed ora il totale sorprendente è salito a quota 125.25 milioni, a questo punto è lecito pensare che il traguardo dei 150 milioni sia oramai dietro l’angolo. Non male in epoca post-Pandemia.

Anche Peter Rabbit 2: Un Birbante in Fuga ha tenuto bene rispetto al weekend precedente: l’incasso ottenuto nel weekend dal fantasy movie è stato 6.1 milioni di dollari (calo inferiore al 35%), per un totale di 20.32 milioni in dieci giorni. The Conjuring: per ordine del Diavolo ha incassato altri 5.15 milioni di dollari, ed ora viaggia sopra i 50 milioni di incasso complessivo (53.6 milioni). La quinta piazza del Box Office Usa è andata, infine, a Crudelia con un incasso da 5.1 milioni di dollari, per un totale di 64.73 milioni.


Box Office Usa: Vince ancora A Quiet Place 2, deludono le novità del weekend

Dopo alcuni weekend di grande impatto, il Box Office Usa fa segnare un piccolo passo indietro, a deludere le new entries Sognando a New York e Peter Rabbit 2.

Nonostante un buon numero di novità, il botteghino statunitense non decolla nel weekend e fa segnare un leggero effetto dietrofront. Nulla di preoccupante, solo una leggera battuta d’arresto.

A vincere il Box Office Usa è stato A Quiet Place 2, il cui nuovo balzo in testa è arrivato dopo il secondo posto alle spalle di The Conjuring 3 ottenuto lo scorso weekend. Il nuovo incasso ottenuto da A Quiet Place 2 è valso un primo posto da 11.65 milioni di dollari, ed un totale di 108.99 milioni di dollari, divenendo così il primo film in assoluto a raggiungere – e superare – la quota dei 100 milioni dall’avvento della pandemia. Ad aiutare, un calo delle visite contenuto che non ha neppure superato il 40%.

La prima delusione del weekend è arrivata dal tanto pubblicizzato Sognando a New York – In The Heights, il musical diretto da Jon M. Chu capace solo di incassare 11.4 milioni di dollari. Il risultato ottenuto è da considerare ampiamente sotto le aspettative degli analisti, i quali davano il film ben sopra i 20 milioni al debutto. In terza posizione si è posizionata la seconda delusione del weekend, stiamo ovviamente parlando di Peter Rabbit 2: Un Birbante in Fuga il cui incasso si è fermato a quota 10.4 milioni di dollari, con una media per sala di poco superiore ai 3 mila dollari. Anche in questo caso si tratta di un risultato al di sotto delle aspettative.

The Conjuring: per ordine del Diavolo ha conquistato il quarto posto – dopo aver vinto il weekend scorso – e lo ha fatto incassando altri 10.02 milioni di dollari, ed ora viaggia a quota 43.8 milioni. Il fantasy Crudelia ha chiuso in quinta posizione con un nuovo incasso da 6.74 milioni di dollari, ed un totale di 56 milioni.

Box Office Usa: The Conjuring 3 spaventa A Quiet Place 2 e vince il weekend

Il mercato cinematografico nordamericano sta tornando velocemente ai suoi precedenti fasti. Nel primo weekend di giugno il Box Office Usa ha visto trionfare The Conjuring 3 con quasi 25 milioni, e A Quiet Place 2 protagonista di una discreta tenuta.

Nonostante un debutto in contemporanea su HBO Max (totalmente gratuito per gli abbonati), The Conjuring: per ordine del Diavolo (qui la nostra recensione) ha impressionato gli analisti, ed ha incassato la bellezza di 24.01 milioni di dollari con una media per sala di quasi 8 mila dollari (3102 sale a disposizione). Per il nuovo capitolo della saga nota come ConjuringVerse si tratta di un ottimo score visto i “tempi che corrono”, a tal proposito infatti va ricordato che Annabelle 3 (uscito nel periodo precedente all’emergenza pandemica) al suo esordio aveva incassato 20 milioni di dollari. Nel resto del mondo The Conjuring: per ordine del Diavolo ha incassato altri 26.8 milioni di dollari, ed ora vanta un totale nel Box Office Worldwide da 57.2 milioni.

A Quiet Place 2 nel weekend ha perso il comando del botteghino nazionale, ma piazzando un altro incasso importante da 19.5 milioni di dollari (-59%). Complessivamente il thriller sci-fi ha già raccolto 88.61 milioni e si avvia a divenire il primo film in assoluto a raggiungere la quota dei 100 milioni di dollari complessivi nel Box Office Usa nell’era pandemica. Con gli incassi dei mercati internazionali lo score è salito a quota 138.61 milioni di dollari.

In terza posizione è sceso invece Crudelia: il live-action Disney (la nostra recensione) ha raccolto altri 11.24 milioni di dollari per un totale di 43.68 milioni di dollari. Anche in questo caso va sottolineato che si tratta di una “distribuzione ibrida“, con la Disney che ha deciso di distribuire il film al Cinema ma anche su Disney+ con Accesso VIP (nessun dettaglio sugli incassi ottenuti dal servizio digitale al momento è stato riferito).

Nel weekend americano ha esordito anche il film d’animazione Spirit – Il ribelle (sequel di Spirit – Cavallo Selvaggio del 2002) con un incasso stimato di 6.2 milioni di dollari.