d-unit logo
Senza categoria

Il Mestiere dello Stuntman, ecco cosa ne pensa Michael Segal

Ciao ragazzi, come faccio spesso, essendo io un attore, provo ad attirare la vostra attenzione proprio su quello che io considero un VERO lavoro e voglio oggi darvi un caldo suggerimento.

E’ bellissimo che studiate corsi di recitazione con attori famosi e registi da botteghino, ma la verità è che, a meno che non abbiate studiato con un vero incompetente, a nessuno dei vostri potenziali datori di lavoro interessa particolarmente con chi avete imparato a recitare (sempre se lo avete imparato). Continuo a ricevere curriculum e proposte di gente che ha studiato con (non posso fare nomi) e nella scuola (idem), ma… quindi??? Non è una garanzia che sai fare l’attore lo sai? Soprattutto a bassi livelli, oppure nel cinema indipendente, saranno le tue competenze a fare la differenza e non i nomi dei tuoi insegnanti. Sai l’inglese? Hai problemi con il lattice? Ti taglieresti i capelli per un ruolo? Sai combattere? Hai bisogno di controfigure? Sai guidare una moto? Sai andare sott’acqua? Sai nuotare?

Un attore oggi, più cose sa fare e più possibilità ha di lavorare. Io ho imparato a combattere con armi medievali e ad andare a cavallo per essere pronto per eventuali film ambientati in quell’epoca per esempio, la mia estrazione marziale mi rende versatile nel combattimento a mani nude e la mia estrazione militare e da bodyguard mi rende competente nell’utilizzo delle armi da fuoco, ma c’è molto altro e per quello vi voglio caldamente consigliare di ragionare sull’ampliare le vostre capacità perchè non basta un bel faccino per fare l’attore.

Io ho appena terminato uno dei corsi più intensivi e divertenti che ho mai fatto in vita mia, insieme alla D-Unit, un gruppo di stunt-man che lavorano nel cinema ed in televisione, con connessioni internazionali e la cooperazione dello svedese Robban Follin, con un curriculum che non finisce più.

Imparate a cadere senza ammazzarvi, imparate a combattere con coreografie in totale sicurezza, a cadere da 20 o 30 metri nel modo giusto, a sperimentare come si fanno i salti e i movimenti aerei nei film tramite i cavi e le harnesses, come si fanno a ricevere pugni o essere vittime di esplosioni che vi catapultano a 10 metri di distanza, come ci si muove e ci si arrampica con il parkour, imparate come si fanno le scene ricoperti dalle fiamme, come si impugna un fucile mitragliatore, come si spara con una pistola, come si salta proteggendosi e come si lavora in un team.

Simone Belli ed il resto della D-Unit sono ragazzi entusiasti, professionali, educati e che vi faranno sempre sentire in grado di superare le prove più difficili, perchè ne sanno a pacchi e in loro brucia quel fuoco che vi contagerà inevitabilmente, rendendovi tristi quando il corso finisce, dopo che avete lavorato con stuntman italiani, svedesi, inglesi, israeliani, danesi… Uomini e donne. Farete cose che non credevate di saper fare, sotto la giusta guida, assicurati e senza mai correre rischi che non siano calcolati e controllati. Insomma… io farò anche il secondo livello!

Più sapete e più avete possibilità di lavorare. Anche con la D-Unit stessa.

Vi lascio qui sotto i loro contatti. Se volete crescere come artisti e come persone, se credete che il cinema sia qualcosa di più di farsi riprendere da una telecamera sperando che qualcuno vi metta like su Facebook, aiutatevi da soli.

D-Unit Stunts

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.