Bryan Fuller, ieri mercoledì 10 agosto, durante il Television Critics Association a Beverly Hils, alle domande di alcuni critici televisivi, ha dato una notevole mole di informazioni relative alla nuova serie televisiva Star Trek: Discovery.

In questo articolo cercherò di riassumere in maniera esauriente quanto fino ad adesso è trapelato e quanto di nuovo c’è stato dato sapere.

  • Lo showrunner Byan Fuller ha paragonato il “suo” Star Trek, relativamente alla prima stagione che andrà in onda a partire da gennaio 2017 sulla rete CBS All Access, come un romanzo di 13 capitoli, pertanto gli episodi saranno legati l’uno all’altro in maniera seriale.
  • Le avventure saranno incentrate sulle gesta di una donna, con un non ben definito “Livello di Diversità”, cosa vuol dire in maniera più precisa potremmo scoprirlo in seguito ad eventuali ed ulteriori notizie che lo stesso Fuller vorrà darci.
  • Questo personaggio femminile potrà essere un tenente comandante di una nave stellare, la USS Discovery NCC 1031 e non il capitano, proprio per avere una visione diversa di insieme e delle diverse relazioni dinamiche con un capitano e con i subordinati.
  • La trama della prima stagione sarà sviluppata su un particolare evento di cui si è già parlato nella serie classica di Star Trek, ma che non è mai stato esplorato in maniera approfondita.
  • Bryan Fuller, inoltre, riferisce che si sta selezionando un cast estremamente eterogeneo ed attori di livello, con anche la presenza di alcuni stranieri.
  • Si stanno immaginando anche nuove forme di vita aliene e rivisitando l’aspetto delle razze già apparse nell’universo trekkiano. Questo perché, avendo a disposizione delle tecnologie più avanzate rispetto al passato, è necessario aggiornare ad oggi i trucchi, gli effetti e le scenografie, anche se la cosa potrà destabilizzare i fan più aficionados.
  • Alla domanda se ci saranno anche in Star Trek: Discovery dei personaggi gay, come nel terzo episodio della saga cinematografica, Fuller ha risposto in maniera affermativa, come ha rilevato anche la presenza nello show di androidi.
  • Altra nuova importantissima informazione data è quella della collocazione temporale, che si va ad inserire nei dieci anni precedenti alle avventure della serie originaria e quindi nella timeline classica, motivo questo per poter far interagire i nuovi personaggi con i vecchi a noi più familiari, probabilmente la cosa potrebbe concretizzarsi nella seconda stagione.
  • Si stanno studiando, inoltre, nuove categorie di navi stellari, adattandole al gusto più moderno, ma non tradendo, comunque, il classico aspetto, soprattutto la Discovery è stata modificata notevolmente dal primo teaser trailer apparso qualche settimana fa, anche se ancora molto ispirata ad i disegni originali di Ralph McQuarrie.

Ora non ci resta che attendere ulteriori precisazioni che probabilmente, prima di gennaio 2017, ci saranno date e che noi, puntualmente, pubblicheremo.

Restate sintonizzati.