Si è spento Lino Toffolo - L'attore veneziano è morto all'età di 81 anni

Un attore dall'ironia leggera e vagamente surreale, capace di spaziare dal teatro al cinema senza escludere la musica e la televisione: questo era il veneziano Lino Toffolo, morto stamattina presso l'ospedale di Venezia dove era stato ricoverato per una frattura al polso, ma di recente aveva subito anche due operazioni dovute a problemi cardiaci. Aveva 81 anni.

Toffolo esordisce agli inizi degli anni Sessanta al Derby, il celebre locale di Milano dove hanno calcato i primi passi alcuni dei più noti cabarettisti e attori italiani, come ad esempio Enzo Jannacci, Cochi e Renato e Giorgio Gaber. Il suo esordio al cinema avviene nel 1968 nel musicarello Chimera, diretto da Ettore M. Fizzarotti e interpretato da Gianni Morandi, dove Toffolo interpreta un ruolo secondario ma grazie al quale riesce a mettere in mostra le sue doti attoriali.

Gli anni Settanta sono un decennio straordinario per l'attore in quanto prende parte a film dal notevole successo commerciale, soprattutto in commedie come Brancaleone alle crociate (1970), Sturmtruppen (1976) e Il merlo maschio (1971). Il film che lo fa conoscere come attore drammatico è però Yuppi Du, diretto da Adriano Celentano, presentato in concorso al festival di Cannes e che ottiene uno straordinario successo di pubblico, nonostante le riserve della critica.

Toffolo si fa ricordare anche per la canzone per bambini Johnny Bassotto, incisa nel 1976 che venne scelta anche come sigla per la trasmissione televisiva Anteprima di CHI?, ma il suo successo fu tale anche grazie al cartone animato che faceva da sfondo alla sigla realizzato da Guido Manuli.

Nel 2006, Toffolo esordisce alla regia con Nuvole di vetro, caso unico nel cinema italiano di un film parlato esclusivamente in dialetto veneziano che ha ottenuto un ampio consenso della critica nonostante sia circolato minimamente.

Con lui se ne va un altro pezzo di storia dello spettacolo italiano, una figura capace di riunire varie attitudini e capacità e che è sempre riuscita a coniugare comicità e dramma in ogni sua sfumatura.

Lascia un Commento...