Durante l'edizione 2019 del Seeyousound Music Festival abbiamo visto il documentario di Javi Senz dal titolo Manchester keeps on dancing.

L'opera racconta l'approdo nei locali di Manchester del tanto amato house music, un genere musicale nuovo proveniente direttamente da Detroit e Chicago, il successivo fiorire di locali in tutta la città, fino ad arrivare al periodo odierno.

Nel presentare il suo primo lavoro da regista, Javi Senz ha voluto precisare alla stampa che il suo progetto non è che una prima esperienza cinematografica come regista, e tra l'altro totalmente auto-finanziato. Ed effettivamente, Manchester keeps on dancing, benchè interessante, ha una struttura che si riverbera per tutta la durata.

Il risultato risulta quasi noioso, proprio perchè non derivante da una struttura narrativa meditata, con solo un abbozzo di trama, dove dominano lunghe interviste, scene di repertorio, e panoramiche cittadine, il tutto montato a rotazione, e per tutta l'interminabile ora e mezza di visione.

A regalare un sorriso, la colonna sonora da pelle d'oca che compensa la triste mancanza di appeal dell'opera.



Manchester keeps on dancing
2