Love Records - Gimme Some Lovin' (recensione)
Festival Recensioni

SeeYouSound – Recensione di Love Records – Gimme Some Lovin’, di Aleksi Makela

Nella sezione Longplay feature della quarta edizione del SeeYouSound Festival, è stato presentato il film finlandese Love records, diretto da Aleksi Makela.


Il film narra le vicissitudini della Love records, una nuova casa discografica che, negli anni ’60, ha cercato di proporre un tipo di musica diverso rispetto a quella che veniva somministrata dalla radio, in accordo con l’unica etichetta discografica esistente, le quali imponevano un certo tipo di musica annacquata. Seguiamo le avventure dei tre membri fondatori, dei problemi e dei loro successi.

L’opera di Makela si presenta, inizialmente, come un simpatico film pop immerso nelle atmosfere colorate degli anni ’60, ci intriga conoscere una storia non nota e uno spaccato degli anni ’60 finlandesi, ma, dopo pochi minuti iniziano i primi problemi.

Perchè, per quanto uno possa essere ben disposto verso il film, purtroppo ha una sceneggiatura che fa acqua da tutte le parti, letteralmente. Si ha una grande difficoltà a seguire le vicende, alcune situazioni non vengono mai portate a compimento, altre nascono da presupposti ignoti che il film non spiega mai, quindi si salta da una scena all’altra e si fa una gran fatica a seguire la trama.

Altro grosso limite sono i tre protagonisti che, a parte le capacità attoriali, sono veramente sgradevoli e fastidiosi e difficilmente si fa il tifo per loro, anzi, ad un certo punto si spera in un loro fallimento. E, per finire, il film propone un’immagine della donna veramente stereotipata, al limite dell’insulto, con buona pace della centralità e della profondità dei ruoli femminili odierni.

Insomma, Love records, benchè avesse tutti i presupposti per essere un film simpatico e accattivante, in realtà è una pellicola con una sceneggiatura a colabrodo e con personaggi stereotipati e fastidiosi. Si salva solo la regia che è efficace e originale, in molte parti del film, ma non è sufficiente.

Ecco il trailer del film.

 

Lascia un Commento...