Lo scandalo Weinstein non sembra davvero aver fine, alle già tante testimonianze provenienti dal mondo della Hollywood femminile (e non solo), se ne aggiunge una nuova questa sera, ad accusare il noto produttore anche Lena Headey.

Nota per la storica serie televisiva Game of Thrones nei panni di Cersei Lannister, l’attrice Lena Headey ha utilizzato il suo account Twitter per scagliare le proprie accuse nei confronti di Harvey Weinstein. Come per le altre attrici che finora hanno testimoniato relativamente alle loro esperienze negative avute con il produttore nell’occhio del ciclone mediatico, anche l’attrice ha parlato di molestie sessuali.

Nei quattro tweets spediti in rete, la Headey ha rivelato di aver ricevuto i primi “fastidi” con il produttore durante l’edizione 2005 della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, per poi subire il classico invito in camera in quel di Los Angeles qualche anno più tardi. Queste le parole dell’attrice dopo un suo primo rifiuto ad entrare in camera:

“Non sono interessata a niente oltre al lavoro, per favore non pensare che sia salita in ascensore con con te per qualsiasi altro motivo. Lui è rimasto in silenzio per un po’, furioso. Siamo usciti dall’ascensore e siamo andati verso la sua stanza. La sua mano era sulla mia schiena, mi spingeva avanti senza dire una parola e mi sono sentita completamente impotente. Ha provato ad aprire la porta ma la sua chiave non funzionava, quindi si è davverro arrabbiato”.

Incassato il rifiuto, e vista la mancata apertura della porta, il produttore ha accompagnato la Headey fuori dall’hotel, sussurandole all’orecchio queste parole:

“Non dire niente di tutto questo, nemmeno al tuo manager o al tuo agente.”

Ecco le parole di Lena Headey racchiuse nei tre tweets.