[Roma FF12] La Festa del Cinema di Roma porta lo sport sul red carpet
Festival Festival del Cinema di Roma

[Roma FF12] La Festa del Cinema di Roma porta lo sport sul red carpet


Cinema e sport rappresentano da sempre un binomio vincente. La settima arte é sempre stata affascinata da figure imponenti che hanno scritto grandi pagine dello sport, e la Festa del Cinema non rimane indifferente.

Nel corso della 12esima edizione saranno presentate diverse pellicole che ci mostreranno il mondo sportivo con una visione privilegiata, oltre ad ospitare una figura unica come Phil Jackson nel corso di un incontro ravvicinato con il pubblico della kermesse.

Vi presentiamo alcuni titoli da tenere d’occhio per gli appassionati di sport ma anche per chi vuole entrare a contatto con il mondo sportivo, caratterizzato non unicamente da giocatori di calcio, tennisti (ultima pellicola uscita: La Battaglia dei sessi) o pugili, già protagonisti di alcune pellicole nel corso degli anni.

[Roma FF12] La Festa del Cinema di Roma porta lo sport sul red carpetBorg McEnroe, di Janus Metz
con: Sverrir Gudnason, Shia LaBeouf, Stellan Skarsgård, Tuva Novotny, Ian Blackman, Robert Emms, Scott Arthur
Una delle straordinarie rivalità sportive di tutti i tempi che ha cambiato in modo indelebile la storia dello sport mondiale. Da una parte l’algido e composto Bjorn Borg (Sverrir Gudnason), dall’altra l’irascibile e sanguigno John McEnroe (Shia LaBeouf). Il primo desideroso di confermarsi il re incontrastato del tennis, il secondo determinato a spodestarlo. Svelando la loro vita fuori e dentro il campo, Borg McEnroe é il ritratto avvincente, intimo ed emozionante di due indiscussi protagonisti della storia del tennis e il racconto, epico, di una finale diventata leggenda: Wimbledon 1980.

FERRARI: RACE TO IMMORTALITY, di Daryl Goodrich (DOCUMENTARIO)
Anni 50. L’alba dell’iconica scuderia Ferrari nel campionato del mondo di Formula Uno e la fatale decade della storia nelle corse automobilistiche. Mentre le auto rappresentavano i limiti dell’ingegno umano, i piloti vivevano al limite tra la vita e la morte. Al centro di tutto c’era Enzo Ferrari, imponente figura delle corse automobilistiche e patriarca della Ferrari, che si era spinto a sognare la velocità come nessun altro. Tra la rigida concorrenza all’interno della sua squadra, due delle sue stelle, Peter Collins e Mike Hawthorn, hanno deciso che la loro amicizia é importante quanto vincere la prossima gara. Ferrari: Race to immortality racconta la storia degli amori e delle perdite, i trionfi e le tragedie dei più coraggiosi piloti Ferrari in un’epoca in cui, durante la settimana, era tutto una Dolce Vita, mentre nel weekend un lancio di moneta era sufficiente per stabilire chi dovesse vivere o morire.

I, TONYA, di Craig Gillespie
con: Margot Robbie, Sebastian Stan, Julianne Nicholson, Paul Walter Hauser, Bobby Cannavale, Allison Janney
[Roma FF12] La Festa del Cinema di Roma porta lo sport sul red carpetUn ritratto della pattinatrice Tonya Harding (Margot Robbie), protagonista di uno dei più grandi scandali sportivi nella storia degli Stati Uniti. La celebre atleta finisce sulle pagine dei quotidiani con l’accusa di essere responsabile dell’aggressione della rivale Nancy Kerrigan (Caitlin Carver). Il film racconta una delle figure più controverse dello sport americano, facendo emergere i problemi personali, l’opprimente influenza della madre e il complesso rapporto con l’ex marito Jeff Gilloly (Sebastian Stan).

LOVE MEANS ZERO, di Jason Kohn (DOCUMENTARIO)
All’età di 86 anni, il famoso allenatore di tennis Nick Bollettieri é una leggenda vivente. Nella sua scuola in Florida ha cresciuto generazioni di campioni: Courier, Seles, Agassi e molti altri. Nessun altro coach ha raggiunto il suo successo, la sua influenza o la sua fama. Tanta grandezza, però, ha avuto un prezzo: 8 matrimoni, un dissesto finanziario e la drammatica rottura con il figlio putativo e amato studente Andre Agassi. Lo stesso Agassi, nel suo primo “Open”, parla ampiamente del loro rapporto problematico e complesso di amore e odio. Love means zero racconta la storia di questo coach così celebrato e controverso, ed esplora il prezzo della sua irrefrenabile corsa verso la grandezza.

[Roma FF12] La Festa del Cinema di Roma porta lo sport sul red carpet

STRONGER, di DAvid Gordon Green
con: Jake Gyllenhaal, Tatiana Maslany, Miranda Richardson, Clancy Brown, Carlos Sanz, Frankie Shaw. Danny McCarthy, Lenny Clarke
La storia vera di Jeff Bauman (Jake Gyllenhaal), un uomo comune la cui vicenda ha appassionato il mondo intero e lo ha reso un simbolo di speranza dopo l’attentato del 2013 durante la maratona di Boston. Il percorso eroico e profondamente di Jeff metterà alla prova i legami familiari, definirà l’orgoglio di una comunità e gli darà il coraggio per superare le straordinarie avversità, mentre tenterà di ricostruire la sua vita al fianco della compagna Eric (Tatiana Maslany). L’attore sarà protagonista alla manifestazione, protagonista domenica 29 ottobre di un incontro ravvicinato col pubblico.

Incontro Ravvicinato con PHIL JACKSON (sabato 28 ottobre)

[Roma FF12] La Festa del Cinema di Roma porta lo sport sul red carpetPersonalità stellare nel mondo della palla a spicchi americana, non solo perché é l’allenatore che ha avuto più trionfi nella storia del basket ma anche per la sua carriera da giocatore NBA (2 titoli vinti con i New York Knicks). Negli anni 80 esordisce come allenatore nell’ormai scomparsa CBA (vince il titolo nel 1982 con gli Albany Patroons) e nel 1987 arriva all’NBA come vice panchina dei Chicago Bulls. Qui ha il compito di catechizzare un giocatore straordinario ma restio al gioco di squadra, un certo Michael Jordan. É allenatore dei Bulls nel 1989, tra il 1991 e il 1998 anni in cui trionfa in 6 campionati; tra il 2000 e il 2002 trionfa con un’altra tripletta allentando i Los Angeles Lakers (collezionando ulteriori vittorie nel 2009 e 2010). Phil Jackson ha reinventato il ruolo dell’allenatore, ricorrendo a pratiche come la meditazione e la psicologia motivazionale, sfruttando elementi come le tradizioni dei nativi americani o la filosofia per far emergere il meglio dai suoi giocatori, nell’ottica di costruire squadre compatte e orientate al risultato. Il “Maestro Zen”, come é stato soprannominato dai giornalisti, é uno dei più iconici personaggi dello sport di tutti i tempi.

Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.