Recensione del terzo episodio di Star Trek: Picard

Star Trek Picard - Terzo Episodio - Recensione

Amazon Prime Video ha rilasciato il terzo episodio di Star Trek: Picard, il cui titolo è "La fine è l'inizio". Questa la nostra recensione.

Trama: L’episodio si apre con un flashback fra Picard (Patrick Stewart) e Raffi Musiker (Michelle Hurd), un ufficiale della flotta stellare, ai tempi in cui la Federazione avrebbe dovuto intervenire per salvare i profughi romulani. Questo incipit farà comprendere i motivi per cui fra i due non scorre buon sangue e per cui solo l’ottima bottiglia delle cantine Picard potrà forse appianare tali divergenze. Da lì un susseguirsi di eventi che daranno il via alla vera avventura spaziale.

Commento

Come per le prime due puntate di questa stagione, i livelli narrativi e recitativi sono alti, come alte sono le aspettative. Si scava nel passato dell’Ammiraglio e del motivo che lo hanno portato a dare le dimissioni dalla flotta. Questo tipo di introspezione dei personaggi è un plus di questa nuova lettura dell’universo Star Trek che apprezziamo molto.

La storia si inizia a delineare facendo cadere qualche mistero e dando maggior slancio all’azione. Molto moderna ed intrigante la dinamica dei comandi delle navi stellari, siamo alle soglie del 25° secolo, e le levette del teletrasporto delle serie classiche hanno ormai lasciato il passo a comandi virtuali azionati con integrazione umana. Del resto, Star Trek: Discovery aveva già dato modo di apprezzare alcune di queste soluzioni.

[QUI IL COMMENTO DEL TREKKIE LUCA CONIGLIO]

Torniamo ad incontrare il MOE, EMH in inglese, ovvero il Medico Olografico d’Emergenza, che purtroppo non ha il volto di Robert Picardo, ma ha la sua stessa insolenza. Il venezuelano Santiago Cabrera, infatti, oltre ad interpretare il capitano Rios, darà il volto anche al Dottore in Picard. Le situazioni createsi in "La fine è l'inizio" fra Rios ed il MOE sono state divertenti e ben realizzate dal punto di vista del CGI. Sul cubo borgomulano vengono mostrati eventi che contribuiscono ad alimentare l’aura di mistero che ruota intorno alla Dottoressa Soji.

Bene anche la colonna sonora, con citazioni degli arrangiamenti di TOS e TNG che ben saranno gradite ai fan.

In conclusione, questo è un episodio in linea con quanto visto finora. Esso contribuisce ad innalzare l’aspettativa che i vecchi fan e ed i nuovi utenti hanno riposto in Star Trek: Picard. Appuntamento quindi alla mezzanotte di venerdì 14 febbraio, per un San Valentino all’insegna dell’Avventure fra le stelle.

Lascia un Commento...