Prospect: Recensione del film sci-fi con Pedro Pascal

Prospect è un film indipendente, disponibile su Prime Video, scritto e diretto da Christopher Caldwell e Zeek Earl. Nel cast Pedro Pascal, Sophie Thacher e Jay Duplass. Questa la recensione

La pellicola, che riprende ed espande quanto raccontato dagli stessi autori/registi nel loro omonimo short del 2014, è stata realizzata con un budget di soli 3.9 milioni di dollari. Tutte le scene all’aperto sono state girate nello stato di Washington, per la precisione all’interno della foresta pluviale di Hoh. I costumi e gli oggetti di scena sono stati realizzati a mano da cosplayer, meccanici e carpentieri locali. Le particelle tossiche visibili sullo schermo non sono state realizzate digitalmente ma sovrapponendo alle scene reali particelle di polvere.

La trama – che in alcuni passaggi può riportare alla mente Il Mio Nemico (Enemy My) di Wolfgang Petersen – segue le vicende di una giovane ragazza e del padre partiti per un viaggio verso una luna aliena alla ricerca di gemme preziose nascoste in una pericolosa e tossica foresta. Questo viaggio si trasformerà presto in una feroce lotta per la sopravvivenza.

Stiamo parlando di una storia dai contorni semplici, ambientata in un futuro in cui la vita dei protagonisti è messa a dura prova da una sete di ricchezza, la stessa sete di ricchezza per la quale i pionieri nel secolo XIX rischiavano la loro vita alla ricerca di pepite d’oro. Ma i punti di forza del film sono altri: la cura dei piccoli dettagli, lo stile e il design semplice, l’attenta fotografia, una colonna sonora che possiamo definire essenziale ma azzeccata, il tutto confezionato a mo’ di vecchio film di fantascienza, dove la narrazione è stabilmente messa in primo piano, non offuscata da estremi “orpelli” digitali.

L’incedere del film è forse un po’ troppo lento, le tensione non riesce a mantenersi costantemente alta e le scene di azione, a dire il vero, sono poche, ma ben rappresentate. Ottima la recitazione di Pedro Pascal, nei panni di Ezra, mentre sorprendente è stata quella della giovanissima Sophie Thatcher nell’impersonare Cee.

In conclusione Prospect è la prova di come si possa confezionare un prodotto dignitoso in assenza di un grande budget, attraverso una storia semplice ben raccontata, interpretata da buoni attori, supportati da una regia sapiente.

Classificazione: 3 su 5.

Lascia un Commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: