Intervistato da Il Giornale, l'attore italiano Raoul Bova, ha parlato del suo ruolo in Made in Italy, la nuova fiction firmata Taodue, che lo vedrà protagonista nei panni di Giorgio Armani.

Per interpretare il famoso stilista, l'attore ha preteso che non gli venisse apposta nessuna parrucca ma che fosse utilizzata una tinta per avvicinarsi a quella di Armani.


«Ho rischiato di perderli perché con le decolorazioni si stavano bruciando, ma non riuscivamo ad arrivare alla sua tonalità di grigio. Volevano mettermi una parrucca ma io volevo essere autentico e ho chiesto di continuare a decolorare».


Made In Italy racconterà della nascita della moda italiana a partire dagli anni '70. A tal proposito, Bova ha così commentato la sua partecipazione:


«Quando la produzione mi ha affidato la parte ero terrorizzato.Anche ora, a parlarne, sento il peso e la responsabilità di questo compito. È bello quando un attore trova quella paura, quel rispetto non solo verso un’icona ma soprattutto verso un amico. Ho fatto il possibile per somigliare a lui, dal colore dei capelli alla gestualità, alla mimica facciale».


Ed ancora:


«Armani, come tutte le persone intelligenti non si è permesso di suggerire o spiegare come svolgere la parte. Sarebbe stato troppo presuntuoso da parte sua, ma sua nipote, Roberta Armani, sicuramente mi ha aiutato tanto e mi ha fornito molte indicazioni».


Made in Italy andrà in onda prossimamente su Canale 5.


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.