Qua la zampa 2 – Un amico è per sempre, recensione del film su Prime Video

Vi proponiamo la recensione di Qua la zampa 2 – Un amico è per sempre, film distribuito attraverso la piattaforma Amazon Prime Video.

Sequel del fortunato family movie diretto da Lasse Hallström nel 2017, Qua la zampa 2 è stato inizialmente programmato per la distribuzione teatrale, ma a causa della crescente emergenza da Coronavirus ha trovato casa nel catalogo di Prime Video.

La regia è stata affidata al veterano della televisione Gail Mancuso, mentre il cast ha visto la riconferma del solo Dennis Quaid, con l’aggiunta di facce nuove quali Kathryn Prescott, Henry Lau e Betty Gilpin. La voce del protagonista canino è sempre affidata a Josh Gad. Il film è tratto dall’omonimo romanzo firmato da W. Bruce Cameron.

Dopo aver riunito la famiglia Montgomery nel corso di diversi decenni, ed un bel po’ di reincarnazioni, il cane Bailey continua il viaggio alla ricerca del suo scopo sulla Terra. Deciso a tenere al sicuro da pericoli la piccola C.J., il cane capisce che non basterà una sola vita, pertanto il suo ciclo di reincarnazioni canine dovrà tornare a ripetersi.

Seguendo lo stesso canovaccio narrativo apprezzato con la prima pellicola, il regista Mancuso confeziona un family movie ben fatto, che non annoia, e capace soprattutto di chiudere nel migliore dei modi una storia lunga diversi decenni. Ancora una volta al centro dell’attenzione è l’assoluta innocenza di un cane, il cui compito è quello di proteggere il proprio amico umano ad ogni costo.

Mancuso si serve per il suo film di temi sociali duri da trattare in un film del genere, come l’abbandono, la reincarnazione, la negazione di una madre, il cancro e la stessa morte, ma lo fa con delicatezza, spostando alla giusta maniera l’attenzione del pubblico sull’innocenza del suo protagonista canino, e la sua personalissima visione degli eventi che si trova ad affrontare. In certe occasioni si nota una certa sensazione di ripetitività, ma di certo il risultato finale non ne soffre particolarmente.

La sceneggiatura è fluida, anche se in alcuni casi tende ad un ritmo molto più compassato, e per questo meno adatto ai più piccoli, veri destinatari del prodotto. La colonna sonora accompagna nel modo giusto buona parte delle sequenze più toccanti, ma non tradiscono neppure la discreta fotografia, e l’uso di location strategiche.

Riguardo al cast è possibile muovere alcune innegabili critiche. Betty Gilpin nell’ultimo periodo ha dimostrato di avere talento, ma nel ruolo di una madre assente finisce per deludere. La giovane protagonista Kathryn Prescott non convince con la sua prova, e fa rimpiangere la sua controparte piccina, per l’occasione interpretata dall’astro nascente Abby Ryder Fortson, già ammirata in Ant-Man.


A nostro avviso, Qua la zampa 2 può essere considerato un buon sequel, capace di raccogliere l’eredità del suo primo capitolo, senza snaturare l’anima di un prodotto legato all’intrattenimento per famiglie.

Classificazione: 3 su 5.

Lascia un Commento...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: