E’ oramai certo che Ridley Scott si sia pentito di aver realizzato Prometheus, il prequel del fantastico Alien, film del 1978 in cui vediamo per la prima volta il ferocissimo alieno Xenomorfo, infatti il regista ha affermato senza mezzi termini: “Prometheus è stato uno sbaglio!

Quanto detto è apparso sulla pagina del film Alien: Covenant, sequel del criticatissimo Prometheus: Di seguito riportiamo le dichiarazioni di Ridley Scott:

“La reazione a Prometheus è cambiata, da positiva a negativa, andando avanti per la nostra strada abbiamo capito che i fan erano veramente frustrati.  Avrebbero voluto vedere maggiormente l’originale (alieno) che credevo fosse oramai ‘stracotto’ con una arancia in bocca. Allora ho pensato: Wow, è stato uno sbaglio!”

Prometheus ha sicuramente prodotto reazioni di diversa natura, molti fan sono rimasti delusi, altri invece hanno approvato la direzione intrapresa da Prometheus, ma sono coloro che hanno avuto reazioni negative ad aver influenzato Ridley Scott nel cercare di riparare agli “errori” commessi.

Pertanto sembra improbabile che  le risposte alle questioni aperte create in Prometheus possano avere una risposta:  da dove siamo venuti, cosa succederà dopo la nostra morte, per quale motivo gli Ingegneri volevano annientare la razza umana, ecc.

Dopo l’intervista, Scott ha ribadito che ha in programma di procedere ad un ulteriore sequel che potrebbe intitolarsi Alien: Awakening. Ad una ulteriore domanda relativa alla painificazioni di ulteriori pellicole sul terrificante essere xenomorfo ha così risposto:

   “Non lo so. Altri due (film) o forse un altro, non lo so.”

Quello che noi di Universal Movies ci chiediamo: Caro Ridley Scott, avendo oramai capito di aver fatto un errore con Prometheus, invece di continuare su una strada da te considerata sbagliata e cercare di “mettere le pezze” ad errori già commessi, non conveniva forse riscrivere completamente il 3° capitolo dell’originaria saga? Dando un degno seguito a quel capolavoro di fantascienza che è stato Aliens – Scontro Finale, cancellando definitivamente dalla nostra memoria i mediocri Alien 3 e Alien – La Clonazione.