Come ogni anno Mattador fotografa i temi emergenti nella nostra società: immigrazione, lavoro, identità, omosessualità, costume. Sono questi i temi maggiormente frequentati nei soggetti finalisti dell’ottava edizione del Premio Internazionale per la Sceneggiatura dedicato a Matteo Caenazzo e rivolto a nuovi talenti dai 16 ai 30 anni.

Ma ecco i nomi dei ragazzi premiati come migliori soggettisti: Lorenzo Bagnatori, 28 anni, di Pescia (Pistoia) con Faccia di gomma e Aurora Piaggesi, 27 anni, di Pisa con In umana concezione. I vincitori si aggiudicano la Borsa di formazione del Premio per il miglior soggetto. L’annuncio è stato dato sabato 1° luglio nella conferenza stampa organizzata dall’Associazione Mattador ospitata dal Comune nella sala Bobi Bazlen di Palazzo Gopcevich.

Faccia di gomma racconta l’ultimo segmento di vita di un famoso imitatore che tra l’invadenza delle voci delle celebrità imitate e le disavventure private e professionali, non riesce più a distinguere tra realtà e fantasia.

In umana concezione è la storia di una coppia di donne che difronte ad un evento inspiegabile, quasi miracoloso, che suscita il morboso interesse dei media e dei curiosi, ha un improvviso capovolgimento. Al termine del percorso formativo il miglior lavoro di sviluppo riceverà un premio di 1.500 euro.

A Venezia il 17 luglio prossimo saranno resi noti invece i nomi dei vincitori delle altre sezioni in cui si articola Mattador: sceneggiatura, Corto86 e Dolly. Il primo riceverà un premio di 5.000 euro; il secondo vedrà prodotto il cortometraggio tratto dalla propria sceneggiatura, ed infine, per Dolly, il premio sarà la Borsa di formazione sullo sviluppo della storia. La Cerimonia di Premiazione veneziana si terrà come vuole tradizione lunedì 17 luglio alle 18 nelle Sale Apollinee del Teatro La Fenice.

Gli elaborati, selezionati dai Lettori del Premio tra i ben 187 pervenuti da tutta Italia e dall’estero, sono stati valutati durante una riunione a porte chiuse dalla Giuria Mattador 2017 costituita da Pupi Avati, regista, sceneggiatore, scrittore e produttore, presidente di giuria, Marina Zangirolami Mazzacurati, organizzatrice della didattica per i professionisti docenti del Master in Sceneggiatura Carlo Mazzacurati, Salvatore De Mola, sceneggiatore di cinema e serie televisive, Emilia Bandel, produttrice di Cinemaundici e docente di cinema, Stefano Bessoni, regista, illustratore e insegnante di animazione stop motion. Durante la conferenza stampa i componenti della Giuria presenti hanno anticipato caratteristiche e contenuti dei lavori scelti.

All’incontro, coordinato da Pierluigi Sabatti, hanno portato il loro saluto Serena Tonel, assessore alla Comunicazione, teatri e pari opportunità del Comune di Trieste, Gianni Torrenti, assessore alla Cultura, sport e solidarietà della Regione Friuli Venezia Giulia, Maurizio Fermeglia, Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Trieste, Lydia Alessio-Vernì, direttrice centrale alle Attività produttive e turismo della Regione Friuli Venezia Giulia. Sono intervenuti, Fabrizio Borin, docente di Storia del cinema all’Università Ca’ Foscari e direttore artistico del Premio Mattador, Jasmin Nonis, preside del Liceo artistico Nordio di Trieste, Pietro Caenazzo, presidente dell’Associazione Mattador, Giuseppe Gori Savellini, direttore artistico del Visionaria Film Festival di Siena, Giulio Kirchmayr, coordinatore e tutor di Corto86.

Sono state annunciate le nuove fertili collaborazioni, nate con il fine comune di offrire ai giovani emergenti l’opportunità di sviluppare i propri progetti a stretto contatto di tutor professionisti. Accanto a quelle già consolidate ci sono: Master di Sceneggiatura Carlo Mazzacurati di Padova, Visionaria Film Festival di Siena, Bottega Finzioni di Bologna, Genova Liguria Film Commission, Land di Maia Associazione culturale di Genova, Fondazione Filantropica Ananian, Liceo artistico Nordio e Stazione Rogers di Trieste.

Quindi sono stati presentati i nuovi percorsi formativi rivolti alla crescita dei giovani “dalla sceneggiatura alla regia, dallo storyboard alla stop motion” con alcuni importanti annunci.

La proiezione, il prossimo 2 agosto, del cortometraggio “Ascolta i tuoi occhi” di Marcello Pedretti vincitore di Corto86 2016, al Visionaria Film Festival – Sezione Fuori Fuoco, che si tiene a San Gimignano. La nascita per la prima volta di una Summer School Itinerante, sviluppo del Premio “Visioni in movimento” – Il racconto contemporaneo della via Francigena, lanciato a giugno da Mattador e Visionaria. La conferma che nel 2018 il Premio “Visioni in movimento” – residenza artistica per giovani registi europei che rifletteranno sul senso dei cammini – oltre a prevedere una seconda edizione toscana, lancerà una “Prima edizione Friuli Venezia Giulia” dedicata ai territori e ai cammini della nostra regione.

Infine, tra le “attività collaterali” del Premio sono state confermate le Edizioni di Mattador, quella libraria con la collana Scrivere le immagini (Eut/Mattador) che dà spazio alle sceneggiature, alle storie illustrate di Dolly e dal prossimo volume alle sceneggiature di Corto86; quella d’arte con le cartelle grafiche del Premio d’Artista dedicato all’arte contemporanea, con la partecipazione per il 2017 di Remo Salvadori, artista di caratura internazionale che ha esposto in importanti rassegne come la Biennale di Venezia, Documenta, Kassel.

Fino dalla sua nascita nel 2009 il Premio Mattador ha scelto di offrire ai giovani premiati, non solo riconoscimenti in denaro, ma in particolare qualificati percorsi di formazione dedicati allo sviluppo dei loro progetti. Riuniti nei MATTADOR WORKSHOP – una vera proposta integrata curata da tutor di livello nazionale ed internazionale – le Borse di formazione sono connesse alle sezioni proposte dal Concorso, sceneggiatura per lungometraggio, soggetto per lungometraggio, sceneggiatura per cortometraggio CORTO86 e la più recente, ma ormai consolidata, sezione dedicata alla sceneggiatura disegnata e allo storyboard DOLLY “Illustrare storie per il cinema”.