L’immagine scelta per questo articolo vuole essere rappresentativa di quello di cui si vuole parlare in questa sede: emozioni. Perché gli Oscar 2019 hanno saputo regalare momenti davvero emozionanti.

Tralasciando discussioni sui vincitori e sugli sconfitti, qui si vogliono riportare quelli che sono stati i momenti più emozionanti di quest’edizione degli Oscar, tra lacrime e risate.

Non si può non cominciare proprio dal duetto, tra Bradley Cooper e Lady Gaga che hanno intonato “Shallow”, canzone vincitrice dell’Oscar per A Star is Born. Un momento intimo, privo di orpelli e, proprio per questo, da applausi.

Emozionante anche il discorso di accettazione di Rami Malek al momento della vittoria come miglior attore protagonista per Bohemian Rhapsody. Come ha ricordato l’attore, Freddie Mercury era gay ed emigrato e Malek stesso ha origini egiziane.

C’è poi l’euforia, quella provata da Spike Lee al momento della vittoria per la miglior sceneggiatura per BlacKkKlansman. Il regista è infatti saltato in braccio all’amico Samuel L. Jackson che ha annunciato il vincitore. Dopo una serie di nomination andate a vuoto, questo è stato il momento del grande Spike!

E a proposito di candidature andate a vuoto, ne sa qualcosa Glenn Close, alla sua settima nomination, si è vista scippare la statuetta da Olivia Colman, la quale non ha esitato a ringraziarla al momento dell’accettazione indicandola come sua fonte d’ispirazione. La Close, da par suo, ha esternato la propria sconfitta con classe ed eleganza, come solo le grandi dive sanno fare.

Il momento In Memoriam è il momento più sentito, quello in cui vengono ricordate le star del cinema decedute durante l’anno. Peccato, però, che l’Academy si sia scordata – tra gli altri – di Stanley Donen, morto pochi giorni fa.


Ecco i video di alcuni dei momenti più emozionanti degli Oscar 2019:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.