monsters at work poster

Vecchi e nuovi mostri nel poster ufficiale di Monsters at Work, la serie su Disney+

Sui canali social del servizio digitale Disney+ è apparso ieri il poster ufficiale di Monsters at Work, la nuova serie animata che farà da sequel al successo animato PixarMonsters & Co.”.

Il poster, che mette insieme vecchi e nuovi mostri, arriva sulle nostre pagine appena qualche giorno dopo il lancio ufficiale del teaser trailer (lo trovate a questo indirizzo). Ricordiamo, inoltre, che gli episodi di Monsters at Work saranno disponibili su Disney+ a partire dal 2 luglio. Trovate il poster nel tweet in fondo alla pagina.

MONSTERS AT WORK

La serie Monsters at Work, che arriverà su Disney+ a partire dal 2 luglio prossimo, seguirà gli eventi narrati nel film d’animazione Monsters & Co., ovvero con Sulley (John Goodman) nel ruolo di CEO. Le puntate racconteranno quello che accade nella società dei mostri dopo che si decide di usare le risate dei bambini come fonte di energia al posto della paura. Nella storia saranno coinvolti anche Ms. Flint (Bonnie Hunt), che ora insegnerà a divertire i bambini, e Tylor Tuskmon (Ben Feldman), che si ritrova a far parte del Monsters, Inc. Facilities Team. Nella serie, ovviamente, ci sarà spazio anche per Mike Wazowski (Billy Crystal).

Questa di seguito è invece la descrizione dei nuovi personaggi introdotti in Monsters at Work:

Tylor avrà la voce di Ben Feldman e all’inizio dello show si sarà appena diplomato alla Monsters University, risultando il migliore della sua classe. Tuskmon è pronto a diventare uno Spaventatore per professione, ma si ritrova alle prese con un approccio totalmente diverso dopo gli eventi mostrati nel film. Fritz è interpretato da Henry Winkler ed è il capo del team di cui fa parte TylorMindy Kaling avrà invece il ruolo di Val Little, un personaggio pieno di entusiasmo che fa parte del MIFT. Alanna Ubach sarà la voce di Cutter, che segue fedelmente le regole, mentre Lucas Neff sarà Duncan, un opportunista.


Lascia un Commento...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.