A poco più di un mese dalla tragica morte di Anton Yelchin i genitori dell’attore americano di origine russo hanno scelto di citare in giudizio la casa automobilistica Fiat Chrysler, la decisione è ufficiale ed è stata riportata sul web da TMZ.

Facendo un passo indietro, la morte di Yelchin è avvenuta per un tragico incidente, essendo egli rimasto schiacciato tra il sostegno in muratura del cancello di casa sua e la sua Jeep Grand Cherokee, rimasta con il cambio innestato in folle, una mossa che i genitori giurano impossibile da parte dell’attore e quindi imputabile ad un difetto nel cambio dell’auto.

Secondo la ricostruzione di TMZ pare che la citazione in giudizio sia tripla, ovvero una prima diretta alla Fiat Chrysler, una seconda al produttore ZF Nord America ed una terza alla concessionaria nella quale Yelchin acquistò l’auto, ovviamente viene imputato alle tre parti in causa l’omicidio colposo a causa di danni significativi sul veicolo.

Una class action contro Fiat Chrysler era già stata inoltrata nei giorni successivi alla morte di Anton Yelchin per un possibile difetto al cambio riscontrato da alcuni clienti, quindi per il colosso automobilistico potrebbero presto presentarsi conti salati!!