Le accuse di molestie sessuali rivoltegli da sei attrici, tra cui Olivia Munn, hanno costretto il regista e produttore Brett Ratner ad allontanarsi - insieme alla sua società RatPac-Dune Production -  dalla Warner Bros.

La RatPac-Dune Production ha un accordo pluriennale con la Warner Bros che coinvolge il 25 % dei film prodotti dalla major; a seguito delle accuse nei confronti di Ratner e la sua decisione di allontanarsi, questo accordo non verrà rinnovato, causando un enorme danno economico per il regista.

Ratner ha dichiarato:

"Alla luce delle accuse, scelgo personalmente di allontanarmi dalle attività collegate a Warner Bros. Non voglio avere alcun impatto negativo sullo studio fino a che questi problemi personali non saranno risolti".

Ma le cose, per il regista, vanno male anche su un altro versante. La Playboy Enterprises ha deciso di fermare la produzione del biopic su Hugh Hefner che doveva essere diretto proprio da Ratner. Cooper Hefner, direttore dell'azienda, ha infatti dichiarato:

"Siamo molto infastiditi dalle accuse contro Brett Ratner. Troviamo questo tipo di comportamenti inaccettabile e abbiamo deciso di mettere in sospeso tutti i progetti futuri che avevamo con RatPac Entertainment finché non verrà chiarita la situazione"

Un progetto a lungo coltivato dal regista, a seguito anche di una lunga lotta per ottenere i diritti, si è risolto nel peggiore dei modi immaginabili.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.